Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook…


Avevamo anticipato in un nostro precedente articolo che il raggiungimento del quorum e la vittoria popolare avrebbe portato delle conseguenze epocali nel nostro paese. La rivoluzione è appena iniziata. Molti gruppi attivisti stavano aspettando con fervore, più che con ansia, questo grande risultato. Significa che il popolo è e sarà dalla parte di chi porterà avanti, con azioni, fatti e proposte, la nostra rivoluzione italiana!

In Islanda è successo di tutto, ma i media ci hanno tenuto all’oscuro di tutto! “In Islanda è in corso una rivoluzione?” vi starete chiedendo. NO, hanno già finito e rivoluzionato tutto in poche settimane, “pacificamente” e attraverso LA RETE!

Il popolo islandese è riuscito a far dimettere un governo al completo; sono
state nazionalizzate le principali banche commerciali; i cittadini hanno deciso
all’unanimità di dichiarare l’insolvenza del debito che le stesse banche avevano
sottoscritto con la Gran Bretagna e con l’Olanda, forti dell’inadeguatezza della
loro politica finanziaria; infine, è stata creata un’assemblea popolare per
riscrivere l’intera Costituzione. Il tutto in maniera pacifica. Una vera
e propria Rivoluzione contro il potere che aveva condotto l’Islanda verso
il recente collasso economico. Link

Insomma, cari lettori, cari concittadini, è il momento di passare ai fatti e di agire! Per questo motivo il presente articolo fa parte della categoria  “Azioni e proposte”, in quanto farà da cartello per l’iniziativa popolare in oggetto: VIA LA VECCHIA POLITICA MAFIOSA DALLA RETE!

Sappiamo tutti che ci sono urgenze più determinanti e le affronteremo già in settimana come vi abbiamo promesso su Facebook e Twitter e ai gruppi del Movimento 5 Stelle, al gruppo del signoraggio bancario e a molti altri. Abbiamo appena cominciato e già parliamo di decine di migliaia di persone pronte ad agire! E altri milioni di cittadini sono già organizzati con proposte e iniziative! Faremo molte cose tutti insieme! Crediamo che l’iniziativa in oggetto che parte da oggi sia un’azione dovuta e propedeutica per le future attività!

Il popolo italiano ha rigettato in toto l’intera politica, l’intera classe dirigente, l’intero sistema mafioso, l’intero sistema di mala-informazione. Stiamo agendo tutti sinergicamente e coordinati grazie al nostro campo di battaglia, al nostro quartier generale… LA RETE!

Eppure nei nostri “accampamenti militari” aleggiano presenze di personaggi viscidi, ipocriti e senza pudore alcuno i quali strumentalizzano tutto, dal referendum popolare ai singoli tweet e post su Facebook! Ci osservano per poi dire quello che secondo loro ci fa piacere sentire, fanno finta di stare dalla nostra parte. Ci riferiamo in special modo a coloro che credono di aver vinto politicamente. Come al solito, come da 20 anni a questa parte, non hanno capito nulla!! Abbiamo sperato e atteso una vera opposizione in questo paese per oltre 20 anni! La stessa sperata opposizione che in questi giorni sta venendo sbugiardata dalla rete, dai cittadini!

Non possiamo tollerare certe “facce da santi” che ci vengono a imboccare interpretazioni di voto, opinioni o INIZIATIVE strumentali, ancora una volta, per i loro esclusivi porci comodi!

Non possiamo più tollerare Pierluigi Bersani, Rosy Bindi, Nichi Vendola, Pisapia, Brunetta, Formigoni, De Magistris, Alemanno e le loro faccette sorridenti su Twitter!! MA STIAMO DELIRANDO?! Ma in questo paese c’è un limite alla decenza?!?! La domanda è ovviamente retorica, dato che il nostro presidente del consiglio continua impunemente a organizzare festini con prostitute universitarie (la statistica ci dice sia un sinonimo ormai, ci informeremo successivamente su Wikipedia o sullo Zanichelli) e minorenni varie senza dare accenno alcuno della volontà di dimettersi (fino a che non andiamo LI a prenderlo UFFICIALMENTE a calci NEL CULO)! Ma vi aggiorniamo sul fatto che i cittadini della rete (i cittadini che comunicano tra loro) sono altrettanto basiti dalla sfacciataggine di questi esponenti politici che chattano con noi cittadini e che vomitano messaggini che non condivide nessuno!! Accidenti, vanno a tentativi!!! Questa gente sino a ieri è vissuta sulla VITA dei nostri figli e delle nostre famiglie senza farsi l’alcun minimo scrupolo! La Bindi ha sulla coscienza milioni di bambini che muoiono di leucemia tutti gli anni. E TWITTA?!?!

E’ evidente e imbarazzante la loro tecnica: scrivono un messaggio su Twitter, contano i VAFFANCULO che ricevono e aggiustano il tiro per il prossimo tweet, poi reiterano il processo sino ad arrivare a un numero statisticamente congruo e accettabile di vaffanculo di ritorno! Vi invitiamo a osservare, è umanamente imbarazzante… ma è realtà!

Solo questa mattina centinaia di ragazzi sulla rete si sono presi la briga di sbugiardare su Twitter gentaglia come Piero Fassino e Bersanetor (o Gargamella). Il punto è che non sono loro, i suddetti politici, a scrivere! Sono troppo potenti loro per esporsi in prima persona e poi, hanno delle idee politiche loro? I messaggi “elaborati” che vediamo pubblicati sono frutto di un equipe di esperti politologi e di aziende che offrono consulenze di psicologia delle masse. Ve ne daremo le prove con nomi, cognomi, ragioni sociali e partite IVA in separata sede. Il fatto più inquietante  è che sono queste aziende che stilano i programmi elettorali di questi criminali (siamo d’accordo sul fatto che tutto quanto descritto appartiene alla sfera dei crimini contro l’umanità?).

Veniamo al concreto. E’ incredibile come NOI normali cittadini (ora sovrani, a differenza di questi loschi figuri) veniamo segnalati come spam o abuso se gli utenti di Facebook si accorgono che il nostro profilo è falso o che non siamo noi a scrivere! Inoltre se mandiamo una email a privati e aziende parlando di “idee” senza scopo di lucro ci viene spesso risposto tramite DIFFIDA ufficiale per violazione della privacy!

Alla luce di tutto questo, possiamo permettere a questa gente, a questi mafiosi (accezione tecnico/giuridica comprovata nelle aule dei tribunali da oltre 40 anni), di avere più privilegi ANCHE SULLA RETE???!! EH NO!!! Mentre scriviamo stiamo massacrando la tastiera per l’impeto con il quale stiamo digitando queste frasi! ANCHE IN RETE NO! IMPUNEMENTE ANCHE QUI NO!!! ANTIBERLUSCONISMO INVECE DI FARE L’OPPOSIZIONE… ANCHE SU TWITTER E FACEBOOK NO! NO! NO! NO!!!!! FERMIAMO TUTTO!! STOOOOP!!! REWIND!!!

LO DICIAMO CON FERMEZZA, MA PACIFICAMENTE: VIA DALLA RETE, VIA DA INTERNET, VIA DA TWITTER E FACEBBOK, VIA DAL NOSTRO QUARTIER GENERALE!!!

POSSIBILE CHE QUESTI POLITICI NON SI ARRENDANO MAI (ma gli conviene?)??!! HANNO PAURA, ORA, ALMENO UN PO?? NOI CREDIAMO DI SI E SAREBBE L’ORA!! MA QUESTO E’ SOLO ‘L’INIZIO!!

Ma come dice il nostro amico Beppe Grillo, dobbiamo stare calmi (per ora).

Ipocriti e spudorati Piero Fassino, Bersani, Rosy Bindi, Nichi Vendola, Formigoni, Brunetta, Pisapia, De Magistis, Alemanno e tutta la compagnia della vecchia politica, vi chiediamo: VE NE ANDATE DA SOLI DALLA RETE O VI DOBBIAMO VENIRE A PRENDERE UNO PER UNO???!!!

Migliaia di cittadini vigileranno, a partire da oggi e durante i prossimi giorni, per assicurarsi che stiate prendendo provvedimenti per cancellare, disattivare o rendere privati tra voi porci (dobbiamo mantenere la calma) i vostri account, dopodichè ognuno si prepari a pagare le conseguenze delle proprie scelte e delle proprie azioni! Vi avvisiamo inoltre che il primo demagogo diplomatico tra voi che oserà strumentalizzare anche questo articolo e proverà ad accusarci di cose banalmente prevedibili tipo “libera opinione, libertà di espressione” e altri concetti fuori luogo, verrà IMPALATO SULLA LANTERNA DI GENOVA!!! (Dovevamo stare calmi, non vogliamo passare per violenti e magari perdere di credibilità, ma non è facile…).

Nota: migliaia di cittadini su Facebook e Twitter postano articoli di vero e proprio lecchinaggio nei confronti di politici, solitamente di sinistra, dove i più gettonati sono Pisapia e De Magistris. Siamo profondamente indignati per questi “cittadini”! Un po’ di dignità e cervello e soprattutto, VERGOGNATEVI!

Una domanda  e una richiesta che vogliamo condividere con voi prima di agire è la seguente: Di Pietro può continuare a interagire con noi in rete? (ammesso che continui su questa strada intrapresa e che non si faccia corrompere “nuovamente” dalla mafia e dai soldi, altrimenti lo TRITURIAMO!). Secondo noi ne ha pieno diritto, ma attendiamo il vostro verdetto.

[Aggiornamento 03/09/2011 - Dai nostri lettori: Di Pietro? Come non detto! A CASA!]

Un saluto e BUON INIZIO DI RIVOLUZIONE A TUTTI!!! GODETEVELA, VE LO MERITATE!!!

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

La vecchia politica sta morendo. La nuova politica avanza, ma attenti a impostori e sciacalli!

GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI…

Ne abbiamo parlato tanto. Ora… ANDIAMO A RAGGIUNGERE QUESTO QUORUM!!!

Referendum 12 e 13 Giugno: test di vitalità democratica e volontà di cambiamento!

Referendum. Le ragioni del SI, le ragioni del NO e le ragioni del POPOLO SOVRANO

Referendum 12 e 13 Giugno 2011… PORTIAMO A CASA IL RISULTATO!

————————————————————————————

Da oggi anche su Facebook: Diventa nostro fan qui!

About these ads
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

About Marco Cutolo

Passione per la ricerca e per la comunicazione.

Vedi tutti gli articoli di Marco Cutolo

Iscriviti

Subscribe to our RSS feed and social profiles to receive updates.

42 commenti su “Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook…”

  1. Miglio74 Says:

    Aspettavamo l’articolo promesso. Potevate essere più professionali. Troppe esternazioni, mica siete Beppe Grillo!!!
    Però comprendo, come si fa a trattenersi? Forse non è più nemmeno il momento di farlo!

    Grazie
    Saluti

    Rispondi

  2. Angelo Corsato Says:

    Lo posto subito su twitter e facebbok.
    SPARITE DALLA RETE E DA QUESTO PEASE!!!

    Rispondi

  3. Mariabel Says:

    Tutti tranne Di Pietro che si è guadagnato, con i fatti, la stima di molti. Ma non di tutti perchè oggi in Italia e nel mondo la diffidenza nei confronti della politica è alta…

    Rispondi

  4. Antonio miclavez Says:

    Come si fa ad organizzare un referendum sull’insolvenza del debito pubblico?

    Rispondi

    • Luca Rivoli Says:

      Ciao Antonio,
      Si fa esattamente come ha fatto l’Islanda (e come abbiamo fatto in Italia per acqua, nucleare e legittimo impedimento). Si dirige un documento referendario per far esprimere i cittadini riguardo la legittimità e il riconoscimento dei debiti in essere. Siccome i debiti creati dall’attuale sistema monetario non possono essere legittimi per tutta una serie di motivi di cui parleremo approfonditamente entro la fine di questa settimana, è fattibile e fondata l’istituzione di un referendum ad hoc con relativa campagna di raccolta firme. E’ molto più semplice di quanto si possa immaginare. Il nostro referendum del 12 e 13 è stato molto più complesso da portare a casa come risultato perché le 4 proposte referendarie non contenevano niente di illegittimo o illegale da abrogare (se non moralmente parlando).
      Spero che la risposta sintetica sia anche chiara, ma ne parleremo approfonditamente.
      Saluti
      Luca Rivoli

      Rispondi

    • Daveigh Says:

      Grade A stuff. I’m unquetsoniably in your debt.

      Rispondi

    • Dany Says:

      Wow! Great thiknnig! JK

      Rispondi

  5. Valeria Says:

    Voi state delirando.

    Rispondi

  6. Laura Masiero Says:

    andavate così bene…fino a quando avete nominato l’amico grillo, burattino nelle mani di casaleggio, ed improvvisamente avete perso credibilità. peccato!

    Rispondi

    • Luca Rivoli Says:

      Cara Laura capiamo la tua delusione. L’articolo è di oltre un mese fa. Oggi lo stesso articolo sarebbe stato meno obbiettivo nei confronti di Grillo e sicuramente più critico.

      Una speranza la diamo a tutti. Leggendo i nostri articoli potrai rassicurarti al riguardo. Appoggiavamo Grillo a patto che “non ci deludesse mai”. E ci accorgiamo con rammarico che invece ha un po’ deluso (oltre Casaleggio) e ovviamente tutti coloro che ci hanno messo la faccia, noi per primi, ne sono rimasti scottati.

      Grazie per il tuo prezioso commento. Sempre benvenuta purchè libera!

      Saluti.

      Luca Rivoli – Pensare Liberi

      Rispondi

  7. Marlie Says:

    These pieces really set a standard in the iudnstry.

    Rispondi

Trackbacks/Pingbacks

  1. La vecchia politica sta morendo. La nuova politica avanza, ma attenti a impostori e sciacalli. | Pensare Liberi - 26 giugno 2011

    [...] Il giorno dopo le elezioni amministrative e la vittoria morale del movimento di Grillo, tutta la vecchia politica si è riversata in rete con tanto di profili Facebook, pagine dei fan, gruppi, siti web, blog sino a fare capolino su Twitter come fossero tanti nostri cari e vecchi amici. La politica si è prontamente riciclata sulla rete, è corsa ai ripari. Ne abbiamo parlato in questo articolo. [...]

  2. Pensavo fosse rivoluzione… invece era un calesse. E ora? PROGRAMMA ATTUATIVO. | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  3. Da Twitter il tam-tam della Rivoluzione. Diamole voce per tutti noi! | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  4. COMUNICATO 09/07/2011 – Iniziativa N°1 | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… 14 giugno 2011 [...]

  5. Pochi hanno capito Beppe Grillo, per questo ha smesso di affrontare alcuni temi davvero importanti. Vediamo quali. | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  6. Michele Santoro: come compromettere 30 anni di carriera sottovalutando la rete e non solo… | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… 14 giugno 2011 [...]

  7. Referendum 12 e 13 Giugno 2011… PORTIAMO A CASA IL RISULTATO! | Pensare Liberi - 19 settembre 2011

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  8. Referendum. Le ragioni del SI, le ragioni del NO e le ragioni del POPOLO SOVRANO | Pensare Liberi - 19 settembre 2011

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… 14 giugno 2011 [...]

  9. Beppe Grillo sotto l’attacco mafioso dei media. Tocca a noi tutti difenderlo. Glie lo dobbiamo! | Pensare Liberi - 19 settembre 2011

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  10. Referendum 12 e 13 Giugno: test di vitalità democratica e volontà di cambiamento! | Pensare Liberi - 19 settembre 2011

    [...] LASCIATE LIBERA LA RETE! ORA! VIA tutta la vecchia politica da Twitter e Facebook… | Pensare L… – 14 giugno 2011 [...] anticipato in un nostro precedente articolo che il raggiungimento del quorum e la vittoria popolare avrebbe portato delle conseguenze epocali [...] [...]

  11. Ne abbiamo parlato tanto. Ora… ANDIAMO A RAGGIUNGERE QUESTO QUORUM!!! | Pensare Liberi - 19 settembre 2011

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  12. GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI… | Pensare Liberi - 19 settembre 2011

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  13. Pensare Liberi ha bisogno di nuovi redattori NoTav, Antiequitalia, Diritto alla casa, Scienza, Politica, Sovranità Monetaria… | Pensare Liberi - 23 settembre 2011

    [...] Politica e Istituzioni: Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  14. Generosità industriale: Diego della Valle farà le scarpe a tutti, ma prima tocca al Cavaliere | Pensare Liberi News - 3 ottobre 2011

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  15. Beppe Grillo non parla più di “signoraggio bancario” e di “cure proibite contro il cancro”. Analizziamo la cosa. | Pensare Liberi News - 11 ottobre 2011

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  16. Attenzione, attenzione al servizio pubblico d’informazione! | Pensare Liberi News - 7 novembre 2011

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  17. Beppe Grillo – Ora la casta è pentita “era meglio se lo lasciavamo parlare del signoraggio!” | Pensare Liberi News - 18 aprile 2012

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  18. La vecchia politica sta morendo. La nuova politica avanza, ma attenzione agli impostori | Pensare Liberi News - 23 aprile 2012

    [...] Il giorno dopo le scorse elezioni amministrative e la vittoria morale del movimento di Grillo, tutta la vecchia politica si è riversata in rete con tanto di profili Facebook, pagine dei fan, gruppi, siti web, blog sino a fare capolino su Twitter come fossero tanti nostri cari e vecchi amici. La politica si è prontamente riciclata sulla rete, è corsa ai ripari. Ne abbiamo parlato in questo articolo. [...]

  19. Grillo unisce tutti. Massoni, media, complottisti all’unisono e la benedizione di Napolitano | Pensare Liberi News - 7 settembre 2012

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  20. Ecco tutta la verità su Grillo, Casaleggio e Sassoon | Pensare Liberi News - 13 settembre 2012

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  21. LA GRANDE ESPERIENZA DEI PARTITI POLITICI – CON LORO SIAMO IN BUONE MANI ! | Pensare Liberi News - 19 settembre 2012

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

  22. La verità su Grillo, Casaleggio e Nuovo Ordine Mondiale. Ma ne siamo proprio sicuri? | Pensare Liberi News - 8 febbraio 2013

    [...] Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… [...]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.668 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: