Sindaco e Assessori, forti coi deboli e deboli coi forti – tormento e guerra mediatica agli sfrattati

4 ottobre 2011

Il Diritto alla Casa


Leggiamo con stupore gli articoli che nella giornata del 28 settembre 2011 sono comparsi sulle pagine della stampa napoletana. Sia Il Mattino che Repubblica on line (leggi l’articolo), riprendono la vicenda degli sfrattati di via Neghelli, che qualche settimana fa aveva gettato nell’imbarazzo la giunta De Magistris. Avevamo affrontato l’argomento ad agosto:

Napoli – 17 famiglie sgomberate da un vecchio asilo abbandonato. E’ abominio sociale!

La cosa inquietante è che entrambi i giornali parlano di una “grande” inchiesta da parte dell’amministrazione capitanata niente meno che dall’integerrimo ex-pm Narducci e dall’assessore al patrimonio Tuccillo.

Da Repubblica:

Dopo il blitz dei vigili urbani tra gli sfollati di via Neghelli, che in parte non sono risultati indigenti (sei i denunciati per truffa), l’assessore alla Sicurezza sollecita accertamenti tra gli occupanti abusivi delle case comunali: esponenti della camorra si sarebbero appropriati di numerose abitazioni in città

A seguito di un blitz serale (ore 21) si era riscontrato, che nei bungalow in cui alloggiavano le famiglie sfrattate, mancavano alcune persone in quel momento mentre 2 nuclei familiari (su quindici) non avrebbero mai soggiornato presso il residence. Cio che piu sconvolge e che negli articoli si susseguono le notizie sulle famiglie di via neghelli quasi sovrapponendole con una serie di luoghi comuni o segreti di pulcinella , tipo quello che alcuni esponenti di Clan della camorra si sarebbero appropriati di stabili in città….non pensiamo ci sia bisogno di Narducci per essere a conoscenza di certe cose!!
Ma che c’entra con gli sfrattati di via Neghelli !?

L’interesse delle lobby cittadine sull’affare-case non sono certo nuove in questa città, dalla Romeo spa ai notabili partenopei che fittano case centralissimi a prezzi di case popolari, fino ai clan che con il pizzo accumulano enormi somme che reinvestono nella compravendita del mattone, la speculazione su affitti e vendite (tal volta anche di immobili comunali) è una piaga che persiste da anni. Ci sembra davvero strumentale legare questo fenomeno cosi complesso alla vicenda delle famiglie sfrattate da un ex scuola il 3 agosto a cui la vecchia amministrazione aveva concesso anche residenze e certificati elettorali.

Come sempre, complici del potere e della casta, i giornali!

Si parla di una grande operazione di polizia, quando nella realtà delle cose una ventina di vigli urbani sono passati nei bungalow ad effettuare un censimento e nelle cose solo 6 persone su 54 sono state denunciate per truffa ai danni del comune, mentre dalle pagine dei giornali sembra quasi che al momento del controllo all’interno dei bungalow non ci fosse nessuno! E’ vero, alcune persone non erano in quel momento nel residence, ma stiamo parlando delle 21, cosa pensa Narducci che perchè sono senza casa queste persone devono vivere come in carcere? Se vuole puo visionare i filmati o chiedere conferma alla portineria su quante persone realmente non dormono lì’.

Più strumentali ancora ci sembrano le parole dell’assessore Narducci, quando tuona sulla necessità di fare controlli incrociati sui redditi degli ex abitanti di piazza Neghelli. Vorremmo ricordare sia all’assessore alla sicurezza che al suo collega al patrimonio, che sono state le stesse famiglie di sfollati a consegnare al comune tutti gli incartamenti per permettere i controlli e verificare chi veramente avesse diritto ad un’alloggio comunale. Proprio negli incontri che si sono svolti le settimane scorse per ottenere gli alloggi temporanei, a cui hanno partecipato oltre a Narducci e Tuccillo anche l’assessore D’Angelo e il vice-sindaco Sodano, gli sfollati hanno più volte sottolineato la loro volontà (anche in questa fase preliminare) di accelerare le pratiche per gli accertamenti cosi da dare accoglienza alle sole famiglie che davvero ne avevano bisogno. La volontà del comune , giustamente, è stata quella di mettere tutti momentaneamente negli alloggi temporanei e poi in un secondo momento individuare eventuali anomalie separandole dagli aventi diritto. Anzi gli sfrattati chiedevano che fosse l’amministrazione a fittare direttamente i bungalow, che, lo ricordiamo, erano una soluzione transitoria e poco dignitosa in attesa che fosse ristrutturata in un mese una struttura piu adeguata. Evidentemente l’amministrazione dispera di mantener fede alle sue stesse promesse e perciò ha preferito l’irrituale pagamento cash agli sfrattati perchè a loro volta lo usassero per l’affitto e non impegnarsi direttamente nella locazione.

Ci chiediamo perchè oggi si fa un’operazione del genere? Probabilmente per una campagna di stampa che vuole preparare il terreno a una maxidelibera di sgombero di tutti gli occupanti case a Napoli!?

Ricordiamo all’assessore che noi siamo vicini a tutti e tutte quelle che vivono per strada ogni notte nella nostra città (oltre 3000) , alle famiglie napoletane strozzate da mutui e prestiti fatti dagli strozzini per mantenere una casa, ai giovnai studenti e precari che ogni mese vengono dissanguati dagli affitti dei palazzinari. Non ci spaventano certe uscite e non ci spaventano queste dichiarazioni da santa inquisizione sulla questione delle occupazioni case.

Ci sono voluti anni di lotte ambientali per sfondare il muro mediatico sul fatto che dietro ogni protesta in questa città non ci fosse la mano della camorra, ora quest’amministrazione sta facendo degli enormi passi indietro. Parla di camorra su ogni questione per noi vuol dire non affrontare il problema o cercare una risoluzione facile, sembra quasi che si voglia avvolgere tutto dentro una coltre di incompresione che impedisce di guardare a una risoluzione chiara dei problemi.

Chi è la camorra? Di chi sono gli interessi sul patrimonio immobiliare napoletano? Se Narducci ne è a conoscenza perchè non fa nome e cognomi , perchè non parte dal primo concessionario del comune la Romeo Spa ,che anche se fosse non legato ai clan napoletani, ha gli stessi interessi speculativi sul patrimonio immobiliare?

Ripetiamo, tutta questa polemica ci pare strumentale a un’altra operazione: quella di censire tutte le case occupate di proprietà del comune per effettuare degli sgomberi di massa senza distinguere tra chi ha diritto e chi specula. Il Sindaco deve chiarire alla città come ha intenzione di affrontare la questione casa in maniera strutturale, non facendo pagare a tutti il costo della speculazione.

Ci chiediamo inoltre come quest’amministrazione pensa di risolvere il problema dei 18’000 occupanti case napoletani, quando per 50 persone ci sono voluti 15 giorni di notti in strada e presidi per sbloccare un residence temporaneo!!?

Fonte: Zero81 occupato

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

DIVENTA NOSTRO FAN SU FACEBOOK E SOSTIENICI DIFFONDENDO

About these ads
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

About Barbara Ciocche

Mi chiamo Barbara Ciocche, vivo a Milano, ho 31 anni e sono una psicologa. Penso che la massima realizzazione per una donna sia quella di essere mamma. Redattrice del blog "Pensare Liberi". Esprimo le mie opinioni, racconto verità nascoste, oso andare oltre per il futuro...

Vedi tutti gli articoli di Barbara Ciocche

Iscriviti

Subscribe to our RSS feed and social profiles to receive updates.

6 commenti su “Sindaco e Assessori, forti coi deboli e deboli coi forti – tormento e guerra mediatica agli sfrattati”

  1. Gina Says:

    O signore benedetto sono delle famiglie fatte di persone libere di condurre la propria vita come meglio credono mica dei cacerati soggetti a controlli e ad orari… e finiamola!!!!

    Rispondi

  2. Anna Says:

    Insomma, ma una cosa fatta bene proprio non la sappiamo fare….questa famiglie avevono bisogno di un posto dove stare gli lo avete dato e adesso cosa volete…

    Rispondi

Trackbacks/Pingbacks

  1. ORA PARLO IO – Eva Polak “Esposto all’Ordine dei Medici di Firenze” | Pensare Liberi News - 13 ottobre 2011

    [...] Sindaco e Assessori, forti coi deboli e deboli coi forti – tormento e guerra mediatica agli sfratt… [...]

  2. PERLE AI PORCI | Pensare Liberi News - 17 ottobre 2011

    [...] Sindaco e Assessori, forti coi deboli e deboli coi forti – tormento e guerra mediatica agli sfratt… [...]

  3. Mini-guida per informarsi sul web (include volantino in PDF) | Pensare Liberi News - 19 ottobre 2011

    [...] Sindaco e Assessori, forti coi deboli e deboli coi forti – tormento e guerra mediatica agli sfratt… [...]

  4. 10 Euro per continuare ad avvelenare il sangue di un popolo sempre più diviso | Pensare Liberi News - 7 novembre 2011

    [...] Sindaco e Assessori, forti coi deboli e deboli coi forti – tormento e guerra mediatica agli sfratt… [...]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.666 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: