10 Euro per continuare ad avvelenare il sangue di un popolo sempre più diviso


Il Fatto Quotidiano conta su circa mezzo milione di visualizzazioni al giorno oltre a 150.000 lettori sul cartaceo.

Una pubblicità incrociata, quindi reciprocamente gratuita, come quella in piedi tra il sito di Santoro e il giornale di Travaglio, porterà enormi introiti.

Il giornalismo e la politica sono la stessa cosa, sono due facce della stessa medaglia, non esistono giornalisti così come non esistono veri uomini della politica. Appoggiare un giornale o un telegiornale oramai significa appoggiare la politica, questa politica.

Chi ha messo in piedi questo business ha svolto adeguate analisi di mercato e sa che saranno in molti ad aderire. Se siamo indignati nei confronti del sistema lo dobbiamo anche alla mancanza di una vera informazione, alla mancanza quindi di giornalisti, i peggiori dei quali sono proprio coloro che si vendono come alternativa e come finti imparziali.

Ci rivolgiamo alle persone libere, non abbiamo la pretesa di raggiungere tutti. Ci rivolgiamo a coloro che hanno capito cosa è oggi la politica tutta e il giornalismo tutto. Chi non lo ha capito non è un c…e, nè un italiota, come vogliono farci credere TV e giornali mettendoci gli uni contro gli altri in stile Divide et Impera, ma una vittima inconsapevole. Chiediamo alle persone libere di sentirsi in dovere di aiutare chi è in trappola e non sa di esserlo.

Al popolo è stato levato il pane sotto ogni forma e “costoro”, la casta dei giornalisti e della politica, propongono al popolo di comprare brioches!

Beppe Grillo ce lo spiega bene qui:

Per capire che tipo di mala informazione questi finti giornalisti vogliano propinarci a pagamento attraverso una donazione spontanea di 10 euro a persona è necessario capire il passato e ritornare a quel vergognoso 9 giugno 2011 quando ebbe luogo l’ultima puntata di Annozero.

ANNOZERO???

“Le domande: Quale sarebbero state la reazioni del pubblico se il video di Beppe Grillo fosse andato “giustamente” in onda per intero? Quale sarebbe stata la reazione dei politicanti presenti, che invece, viceversa hanno potuto commentare con tanto di stronzate annesse, forti del fatto che il video era menomato nelle parti “intime”? La TV è così, rendiamocene conto, che sia RAI o Mediaset o LA7 non fa differenza, il montaggio di un video è determinante per capire dove e come si vuole portare in giro il telespettatore. Al contrario di quello che pensano la maggior parte delle persone io sono tutto sommato contento se dovessero chiudere certi programmi televisivi, se non altro per due motivi su tutti ovvero; in primis la speranza che finalmente molti sedicenti giornalisti (non mi riferisco a Travaglio) si cerchino un altro posto di lavoro precario, e anche perchè ritengo che picchiando continuamente nei denti e sulle palle di un popolo senza dargli motivi di sfogo e negandogli in faccia ogni verità e qualsiasi discussione, si possa fare un deciso passo avanti verso l’unica soluzione possibile per fare tabula rasa di tutta ma proprio tutta la classe politica e dirigente di questa specie di merdaio tricolore”. Moreno Corelli

Fonte: http://www.beppegrillo.it/2011/06/annozero_1.html

Inoltre analizzammo a caldo quella puntata e quello squallido “giornalismo”, braccio destro della politica che accomuna tutte le testate giornalistiche, tutti i TG e tutte le trasmissione televisiva di “informazione“, in questo dettagliato editoriale: Michele Santoro: come compromettere 30 anni di carriera sottovalutando la rete e non solo…

[…] Se l’intervista a Grillo fosse stata mandata in onda in versione ridotta, ma intesa come sintesi dell’integrale (la sintesi è tale solo se non viene cambiato o, come in questo caso stravolto, il messaggio originale) Bersani NON avrebbe potuto nemmeno esserci li ad Anno Zero il giorno 9 Giugno 2011!

Di Pietro non avrebbe potuto flirtare con il leader del PD ne Celentano avrebbe potuto fare la sua sviolinata telefonica!

Alterare le informazioni, tacerne altre, solo per poter avere un ospite politico “gradito” che altrimenti non ci sarebbe potuto essere, rappresenta un atteggiamento attuale per il giornalismo, ma è deontologicamente riprovevole per quel giornalismo di cui ora tutti noi abbiamo bisogno. Michele Santoro doveva scegliere: o invitava il suo amatissimo Bersani o intervistava Beppe Grillo. Le due cose insieme, come abbiamo visto, non erano fattibili. Ma Santoro, testardo come il dott. Frankenstein, ha voluto comunque ricucire pezzi che si rigettavano tra loro, per fare dell’ultima puntata di Anno Zero quel mostro dell’informazione che alla fine si è rivelato, con particolare orrore intellettuale. […]

Ci chiediamo: ma questo è giornalismo? E, qualora fosse giornalismo, ci mancherà davvero così tanto?

Inoltre Beppe Grillo, durante l’intervista, ignaro del taglio fazioso e strumentale di cui è stato oggetto e ignaro della presenza di Bersani in trasmissione, ha consigliato spassionatamente a Michele Santoro di finirla con la TV e di aprire, invece, un blog a pagamento. NOI invece consigliamo a Michele Santoro, altrettanto spassionatamente, di non provarci nemmeno a ripresentarsi in TV o su internet o su giornali, radio o riviste che siano e di andare invece in pensione! […]

Il mondo, oggi come mai, ha bisogno di conoscenze, di informazioni, di verità, di correttezza, di lealtà, di coraggio!

Milioni di utenti in rete su Facebook, su Twitter o tramite siti e blog si stanno impegnando al fine stroncare questo sistema di potere criminale e noi, in prima linea, non mancheremo.

Che dire, è il momento che tutti si assumano le responsabilità delle proprie azioni  e ne paghino le dovute conseguenze! […]

Se il popolo dimentica e fa finta di non vedere per proprio sollazzo e comodo, questo non vale per la rete. La rete non dimentica, registra tutto e non cancella i giudizi; nel migliore dei casi questi vengono solo rimandati nel tempo.

3 novembre 2011, le nostre mani tornano a riporsi sul capo.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

DIVENTA NOSTRO FAN SU FACEBOOK E SOSTIENICI DIFFONDENDO

Software per la Tua Pubblica Assistenza

About these ads
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

About Giorgio Fiore

Ricercatore autonomo di informazioni basilari per la vita e la dignità delle persone.

Vedi tutti gli articoli di Giorgio Fiore

Iscriviti

Subscribe to our RSS feed and social profiles to receive updates.

16 commenti su “10 Euro per continuare ad avvelenare il sangue di un popolo sempre più diviso”

  1. Ghebura's Eye Says:

    Condivido tutto e faccio una cosa in più: condivido sul mio profilo facebook! Non si sa mai che qualcuno si sveglia ;)

    Rispondi

    • Giorgio Fiore Says:

      Questo editoriale ha lo scopo di lasciare una traccia di denuncia sulla rete. Trasmissioni televisive di “informazione” come questa o come Porta a Porta o Ballarò o come tutti i giornali da Repubblica a Libero continueranno ad avere un seguito di milioni di fedeli.

      Questa emorragia non si fermerà ora. La cultura e la disciplina dell’auto-informazione sono traguardi ancora lontani. Basti pensare che da quando si spegne definitivamente la TV e si cestinano definitivamente i giornali passano anni prima che la mente torni a diventare parzialmente libera.

      Nessuno è immune dalla manipolazione, nemmeno gli addetti ai lavori, neppure chi dice questo e questo e questo… nessuno.

      Nel blog abbiamo attaccato tutta la stampa e tutti i mezzi di informazione, ma abbiamo fatto i nomi soprattutto di Santoro e Travaglio, è vero. Ma se ci siamo accaniti c’è un motivo ben preciso: mentre chi legge Libero, Il Giornale, Il Foglio, L’Unità, Repubblica sa che sta leggendo un giornale di parte, una sorta di gazzetta della squadra del cuore, come chi guarda il TG4 di Emilio Fede sa che si tratta di un circo mediatico a favore di Berlusconi, chi guarda Santoro e legge Travaglio è in una condizione di rimanere intrappolato in una realtà artificialmente imparziale, patologicamente schizofrenica, sapientemente manipolata, dove i buoni combattono i cattivi a costo della vita.

      Quello che ci spaventa si Santoro e di Travaglio è la loro grande professionalità comunicativa. Contro di loro nessuno può nulla, non sono dei poveri dementi come Emilio Fede. Sono tecnicamente i migliori e possono fare scuola. Stessa cosa vale per Bruno Vespa, ma quest’ultimo non ha la pretesa nè la missione di creare un’arena di assetati di sangue e di nutrirla. Vespa disinforma (o non informa) i conservatori e i tradizionalisti, non aggiunge e non toglie quasi nulla. E’ palesemente un ammiratore di Silvio Berlusconi e questa palese evidenza lo rende poco pericoloso in confronto a chi dice di lottare e rischiare per la vita e per la libertà di tutti con modalità scientifiche così raffinate come nel caso di Santoro e Travaglio. Questi ultimi ci preoccupano molto perché sono loro che dividono e avvelenano il popolo, padri contro figli.

      Siamo di parte? Se concentrarci contro i più pericolosi significa essere di parte allora lo siamo certamente.

      Giorgio Fiore – Redazione

      Rispondi

      • Nicastro Damiano - 97100 Ragusa Says:

        Voi avete avuto il coraggio di scrivere sulla scomparsa del c/c 10/645629 che la Banca San Paolo IMI ha nascosto alla Magistratura di Ragusa, avete dimostrato di informare liberamente.

        Questo è vero giornalismo!
        Grazie!!

        Ho avuto la speranza che anche il dott. Marco Travaglio potesse avere lo stesso coraggio, ed ho scritto un appello sul suo blog, ma sono stato rimproverato, riporto quanto scritto:

        “Replica Nicastro Damiano scrive:
        6 novembre 2011 alle 05:34 Dottor Travaglio,
        Le espongo un caso estremamente grave:
        Innocenza Maria Campo il 30 dicembre 2010 invia Esposti-Denunce ai Ministri Alfano e Tremonti, e alla stessa banca, rappresentando di avere presentato denunce e accusando la Banca San Paolo IMI di avere omesso alla Magistratura di Ragusa il suo conto corrente n. 10/645629, ma i Ministri non hanno mai risposto e neppure San Paolo IMI.
        Il 1 aprile 2010 aveva scritto: “Onorevole Berlusconi,trova Lei possibile, che un conto corrente possa sparire con tutto il suo contenuto, e la banca ne ometta l’esistenza alla Magistratura senza alcuna conseguenza?” “Quali operazioni sono state effettuate a mia insaputa sul conto 10/645629? Dove sono finiti tutti i miei soldi?”
        Che l’intervento del Presidente del Consiglio ci sia stato,lo dichiara in Tribunale un maresciallo, lo stesso che il 12 luglio 2007 interroga l’indagata Gianna Arsestia, la quale gli dichiara di avere curato l’apertura del conto 645629, ma di tale conto non vi è traccia negli accertamenti effettuati dalla stessa Guardia di Finanza.
        L’allora titolare del fascicolo, il Sostituto Dott. Emanuele Diquattro, convinto di quanto la Signora Campo Innocenza aveva denunciato, disponeva nelle date 29/09/2007 e 26 gennaio 2008 decreti di sequestro della documentazione bancaria, ma agli atti non vi è nulla.
        Io ho messo su youtube dei video-appello al Ministro Tremonti, in memoria di Innocenza maria, morta in attesa di ricevere Giustizia, chiedendosi dove sono finiti i suoi soldi e perchè la Banca San Paolo l’ha ignorata, sperando in una risposta del Ministro.
        Sono a Sua disposizione per ogni chiarimento.
        Dottor Travaglio, ma le banche sono al di sopra della Magistratura e degli stessi Ministri della Giustizia e delle Finanze?
        Damiano Nicastro
        su yuotube:
        1)http://www.youtube.com/watch?v=wyKOrRVLIoU
        2)http://www.youtube.com/wacth?v=LpoR1bnJyv8″

        Non ho ricevuto dal dott. Travaglio nessuna comunicazione, anzi, non trovo più la mia richiesta nel suo blog.
        Che significa?

        Rispondi

        • s w e e t l i f e Says:

          Travaglio mi sembra uno che butta la pietra e poi nasconde la mano, il mondo e pieno di personaggi come lui, a me piacciono le persone che combattono guerre che in pochi anno il coraggio di combattere non lui e tutti quelli che hanno combattuto la guerra contro Berlusca, sono uomini senza fantasia e coraggio. Se hanno gli attributi perchè non lo fanno con i veri poteri (finanziari). “guerrieri di cartapesta”.

          Rispondi

          • Nicastro Damiano Says:

            Hai ragione s w e e t l i f e,
            ci voglio gli attributi per combattere i poteri finanziari.

            Io ho lanciato il mio appello, la mia preghiera al Dottor Marco Travaglio, e aspetto una risposta.

            Il chiarire quanto successo al c/c 10/645629, vuol dire, tutelare i diritti di tutti quanti sono titolari di conto corrente.

            Non ci scordiamo il rispetto per la Magistratura di cui il Dottor Marco Travaglio ha tanto predicato e che è stato calpestato dalla Banca San Paolo IMI con l’avere nascosto ALLA MAGISTRATURA di Ragusa ed alla Guardia di Finanza, il conto corrente.

            Al buon intenditor, poche parole.
            Nicastro Damiano

  2. nicastro damiano Says:

    Nella trasmissione PRIMASERATA il Presidente ABI Giuseppe Murrari alle 21:30 ha dichiarato con enfasi che i soldi nei conti correnti, sono al sicuro.
    Ha detto una cosa non vera, assolutamente non vera!!
    Presidente Murrari, dov’è finito il conto corrente di Campo Innocenza Maria n. 10/645629 di Intesa San Paolo ??
    E’ ancora in essere ?? Che tipo di operazioni vi sono transitate ??
    Quale Presidente dell’ABI lo sa?
    I soldi depositati sui conti correnti non sono affatto al sicuro, lo dimostra quanto successo:
    la Magistratura di Ragusa in data 8 marzo 2004 emette decreto ed ordina la comunicazione entro 10 giorni, di qualsiasi rapporto intrattenuto tra la signora Campo Innocenza Maria e gli Istituti e Agenzie di Credito.
    Il 10/08/2004 San Paolo IMI non riporta il conto corrente n. 10/645629, il quale sparisce con il suo contenuto.
    In tutti questi anni, Innocenza Maria ha chiesto, inviato diffide alla Banca San Paolo IMI, presentato denunce, inviato esposti alla Banca d’Italia e al Ministro dell’Economia Giulio Tremonti, ma nessuno mai le ha dato una risposta su dove sia finito il c/c 10/645629 e dove sono finiti tutti i soldi.
    Questi sono fatti.
    Presidente Murrari, non è bello far credere agli Italiani che i loro soldi sono al sicuro perché nelle mani delle banche, bisogna dire la verità!
    Damiano Nicastro
    1) http://www.youtube.com/watch?v=Ie0T5x6xST4
    2) http://www.youtube.com/watch?v=LpoR1bnJyv8
    3) http://www.blogfinanza.com/un-conto-bancario-sparito.html
    4) http://www.youtube.com/watch?v=wyKOrRVLIoU
    5) http://pensareliberi.com/2011/10/28/cronache-di-un-conto-corrente-bancario-scomparso-nel-nulla-e-lomerta-della-magistratura/
    6) http://pensareliberi.com/2011/10/12/puo-sparire-un-conto-corrente-bancario-con-tutti-i-nostri-risparmi/
    7) http://www.youtube.com/watch?v=HPvC_VUsSoY
    8) http://www.youtube.com/watch?v=2QIg1BY6Cdc

    Rispondi

  3. francomuzzi fox Says:

    Ma è tutto più facilmente smascherabile. ascolta…
    Grilletto furbetto, travolpino e santortino sono dei milionari? (miliardi di lire all’anno?)
    BENE!
    Visto che amano la trasparenza, RENDANO PUBBLICO (servizio pubblico) COME INVESTONO I LORO SOLDI! IN QUALE BANKA? JP MORGAN? ING DIRECT? GOLDMAN SACHS? ROTHSHILD? FONDI? BUND? INSOMMA…
    Credo che sarebbe più facile smascherarli semplicemente facendo capire che siamo stufi di miliaradri che SI ERIGGONO o come dellaballe o monteprezzemolo SI PROPONGONO come censori della gleba! Rappresentanti della povera gente! Il fatto stesso che la tv e i giornali continuino a proporre “eroi miliardari” dovrebbe far capire che dietro questi “venduti” ci sono le grosse banke!!!!!!!! Chi meglio di un miliardario può dare garanzie alle banke che NULLA SI MUOVERA’ SENZA IL LORO CONSENSO?!?

    Allora gente… cominciamo a capire le cause e a combatterle (oramai siamo ai ferri corti) e vedrete che se la spunteremo CONTRO LE BANKE (BASTEREBBE COSTITUIRCI IN 5 MILIONI PARTE CIVILE CONTRO LA BANKA D’ITALIA PER ANATOCISMO, USURA E CORRUZIONE… E IN UN ATTIMO DAREMMO IL LA A TUTTO IL MONDO! AMERICA COMPRESA!

    Questa gente per la prima volta nella loro storia fatta di prevaricazioni e inganni ai danni dei popoli, sta sentendo odore di capestro! Se sono arrivati ad impossessarsi dei governi chiedendo ai politici di genuflettersi… beh, oramai è solo questione di tempo! Anche il più stupido, non appena gli sfuma l’effetto dell’antiberluskonismo che gli hanno propinato come uno spinello, capirà che le banke si stanno svelando nel loro potere non più occulto. Il loro sarà sempre più un potere palese! E questo sarà l’unico nemico da combattere! Proprio sul modello islandese! Nazionalizzando banke e arrestando i truffatori! Fatto questo, di questi omuncoli come travolpino santortino e grilletto, non resterà che aria fritta. Diamo addosso alla causa… lasciamo perdere gli effetti!

    Rispondi

  4. Nicastro Damiano Says:

    Presentate dall’On.le A. Borghesi e dall’On.le D. Scilipoti, due interrogazioni parlamentari per Campo Innocenza Maria, morta nel dolore di chi si è vista privare sparire all’improvviso nel nulla il proprio c/c 10/645629 ed il borsino azionario BAV nascosti da Corrado Passera Banca Intesa San Paolo alla Procura di Ragusa, i quali non hanno mai risposto alla Banca d’Italia sugli Esposti-Denuncia del 30 dicembre 2009 di Campo Innocenza Maria in cui li accusava.
    Damiano Nicastro – RAGUSA

    http://parlamento.openpolis.it/atto/documento/id/87013

    http://www.ilgiornalediragusa.it/notizie/cronaca/42148-ragusa-conto-corrente-sparito-interrogazione-in-parlamento-di-idv.html

    Rispondi

Trackbacks/Pingbacks

  1. Il grande fratello | Pensare Liberi News - 11 novembre 2011

    […] 10 Euro per continuare ad avvelenare il sangue di un popolo sempre più diviso […]

  2. Pasolini shock. Ragazze emancipate? Roba da puttanelle della borghesia | Pensare Liberi News - 12 novembre 2011

    […] 10 Euro per continuare ad avvelenare il sangue di un popolo sempre più diviso […]

  3. “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger | Pensare Liberi News - 14 novembre 2011

    […] 10 Euro per continuare ad avvelenare il sangue di un popolo sempre più diviso […]

  4. SPAZIO ALLA LOTTA – Il 17 novembre in piazza per rivoltare il Diritto allo Studio | Pensare Liberi News - 16 novembre 2011

    […] 10 Euro per continuare ad avvelenare il sangue di un popolo sempre più diviso […]

  5. BLOODY CHRISTMAS – IL BUSINESS DEGLI ABORTI – A Natale si è tutti più buoni | Pensare Liberi News - 26 novembre 2011

    […] 10 Euro per continuare ad avvelenare il sangue di un popolo sempre più diviso […]

  6. Quanti milioni di euro diamo ogni anno ai giornali per farci ingannare e disinformare? | Pensare Liberi News - 2 dicembre 2011

    […] 10 Euro per continuare ad avvelenare il sangue di un popolo sempre più diviso […]

  7. Quel pazzo venerdì – Inaspettatamente un giorno diverso | Pensare Liberi News - 2 dicembre 2011

    […] 10 Euro per continuare ad avvelenare il sangue di un popolo sempre più diviso […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.684 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: