“Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger


Sono centinaia i liberi pensatori che in rete mettono al servizio di tutti ricerche, scoperte, riflessioni, denunce, verità nascoste, documenti, fatti. Molte di queste persone, chiamate solitamente bloggers, spesso si privano di proprio tempo e denaro, spesso compromettono la propria stabilità economica e investono perchè convinti che il far sapere possa portare a qualcosa di positivo per tutti.

Tratto da un discorso tenutosi venerdì 11 novembre 2011 a Milano in occasione di un’intervista a un gruppo di studenti universitari. Presenti della redazione: Barbara Ciocche e Marco Cutolo.

[...]

Poi il venerdì mattina si apre Facebook, si apre un blog, la rete e ci si accorge che tutto il lavoro fatto è stato cancellato in due ore il giorno prima da trasmissioni televisive al servizio del sistema dove personaggi schiavi del potere schiavizzano le menti dei telespettatori, copiosi. Santoro e Feltri che commentano notizie e prospettive; due uomini liberi a caso!

A volte capita con la TV a volte con un giornale.

La funzione di “reset” tocca un po’ a Repubblica, un po’ al Corriere, un po’ a Libero, a Il Giornale a L’Unità o a qualche impavido giornalista con un articolo di un certo peso che introduce un aggiornamento software, una versione 2.0.1 che corregge il tiro.

Poi c’è il fine settimana. Ci si rilassa e tutto ciò contro il quale si è imprecato dal lunedì al venerdì diventa occasione di svago: calcio, moto, formula 1, c’è posta per te, il grande fratello, gli specchietti per le allodole quali Le Iene o Striscia la notizia, gazzetta dello sport, ristoranti, cinema da 8€ a biglietto. Il business miliardario dei miliardari che fa la raccolta per vivere durante la nuova settimana di contestazione sociale che verrà.

I bloggers ricominciano a martellare opponendosi al reset “se il sistema martella il popolo allora martello anche io, alla fine la verità vincerà e il popolo si sveglierà”.

Sino a che si mantiene un certo equilibrio, sino a che la battaglia tra liberi pensatori e media finisce la domenica uno a uno e palla al centro allora si ha ancora la speranza che qualcosa possa cambiare e che magari capiterà di svegliarsi un lunedì mattina con una prima vittoria, un uno a zero per “noi”. Questo non è mai accaduto in questi anni, ma accade spesso il contrario. Spesso il lunedì mattina un blogger si sveglia, va a vedere i risultati e scopre di aver perso, sapendo che insieme a lui ha perso la sua famiglia e i suoi figli e che bisogna ricominciare da zero a martellare: big pharma, signoraggio bancario, riserva frazionaria, danni da vaccini, mala giustizia, mala sanità, sfratti, sgomberi di massa, collusione tra mafie e magistratura e tutto questo lavoro di divulgazione  stanziando uomini, menti, risorse, tempo, denaro. [Articoli dedicati a questi argomenti segnalati in calce]

“Berlusconi si dimette, volano le borse, si, no; Monti amico dei banchieri, si, no; Draghi è buono o cattivo; meglio governo tecnico o elezioni subito”. Questi argomenti, che siano fondati su verità o falsità, rappresentano il tema della nuova lotta settimanale che cambia di volta in volta e il cui programma non è stabilito dalle menti dei cittadini perchè non è certo possibile che milioni di menti si siano programmate telepaticamente sugli stessi argomenti; è ovvio che esista un sistema di coordinamento che programma e che organizza ed è sempre la solita storia che si ripete “io di TV ne guardo poca e poi so scegliere, non mi faccio infinocchiare, penso con la mia testa” e questo nessuno lo mette in dubbio, ma il punto è: Siamo tutti liberi di pensare, ma pensiamo liberamente?

STA DI FATTO CHE IL RISULTATO E’ CHE TUTTO RICDOMINCIA DA CAPO, COME SE NESUNO AVESSE SCRITTO, DETTO O SVELATO NULLA. UN MURO DI GOMMA.

La sensazione è la stessa provata dal protagonista del film “Ricomincio da capo” nel momento in cui va a dormire e ha il terrore di risvegliarsi  e ricominciare come se nulla fosse successo il giorno prima.

La pagina Facebook di “servizio pubblico” appena gli inizi:

Piace a 211.965 persone

186.878 persone ne parlano.

E’ una sensazione onirica quella che si prova, come quando si sogna di voler correre e non ci si riesce o come nuotare contro corrente dove per quanto ci si dimeni la corrente ci trascina inesorabilmente dalla parte opposta.

“MA PER CHI STO SACRIFICANDO LA MIA VITA? PER CHI STO METTENDO A REPENTAGLIO LA MIA FAMIGLIA? PER CHI STO RISCHIANDO DI ESSERE SFRATTATO?”

Tra blogs di una certa fiducia, decretata dai lettori ovviamente, ci si fa coraggio a vicenda, ci si scambiano articoli e informazioni per non mollare, per portare avanti questa lotta tra chi inganna e chi svela. Ma i numeri sono numeri e parlano chiaro. Non è l’esercito degli inconsapevolmente ipnotizzati dalla TV in se che spaventa, ma il fatto che questo esercito è fortemente convinto di stare dalla parte del cambiamento, il fatto che questo esercito voglia svegliare il popolo, lo stesso ricorsivo popolo facente parte dell’esercito, a colpi di video di Santoro! E’ come diventare Bonzi e poi andare a casa di Emilio Fede per farsi guidare verso l’illuminazione! E’ un delirio schizofrenico ricorsivo senza apparentemente via d’uscita. Profili facebook con volti minacciosi e segni della rivolta… copiano e incollano le fonti dei media e quel che è peggio… le commentano avallandole.

Eppure basterebbe un solo articolo, uno solo, preso sul serio dalla popolazione, per dare la lecita motivazione al cambiamento, all’inizio di una rivoluzione sociale, economica e finanziaria. Un solo articolo come ad esempio il crimine della privatizzazione e del controllo della salute ad opera delle industrie farmaceutiche in accordo con governi e organismi mondiali come l’OMS. Cosa c’è di più importante della nostra salute e di quella dei nostri figli? Varrebbe la pena per questo lottare per cambiare il mondo?

Ne basterebbe uno di articolo, ne basterebbe uno di blog, ne basterebbe una di persona, ma la realtà dei fatti è che non bastano mille articoli, non bastano mille blogs, non bastano decine di migliaia di persone. Ma dire “non basta” non rende l’idea perchè questo presuppone che con le risorse di cui sopra si registri un movimento piccolo, non sufficiente e invece non è così; è peggio: è immobilismo. Se ad ogni mossa ci fosse un movimento piccolo, microscopico allora si sarebbe portati logicamente a pensare che se si raddoppiassero le mosse si raddoppierebbe il movimento e così via. Ma se il movimento è zero… zero per mille è uguale a zero, zero per un milione è uguale a zero. Forse non è così che funziona la legge della mobilitazione popolare, magari c’è una massa critica da raggiungere o una soglia di disperazione in percentuale sulla popolazione. Chi lo sa. Qui abbiamo già espresso questo concetto: Beppe Grillo non parla più di “signoraggio bancario” e di “cure proibite contro il cancro”. Analizziamo la cosa.

Quello che è certo è che lavorare così è difficile, ci vuole sforzo, impegno, costanza e una continua imperterrita speranza, la stessa non condivisa da amici, parenti e cari che continuano a ripeterti “ma non vedi che non serve a nulla? A furia di dedicarti agli altri stanno per sfrattare noi. Accetta quel lavoro e pensa a te stesso e alla tua famiglia, vedrai che le cose se si dovranno sistemare si sistemeranno e non dipenderà certo da te”.

Il blogger è tentato a cedere, ma poi legge, ascolta i media che parlano e i cittadini che riportano dando credito.

E’ complicato, ma nessuno pretende che non lo sia. Solo una cosa bisognerebbe tenere a maggiore considerazione: l’impegno e il sacrificio di molti bloggers e di molti blogs che hanno paradossalmente 100 volte meno i lettori di un giornale cartaceo o online… nostro carnefice, dove ogni articolo produce stipendi da capogiro per chi li scrive, dove il giro di denaro tra pubblicità e finanziamenti pubblici e occulti raggiunge dimensioni impressionanti, dove ogni parola è fonte di falsa verità, di “inganno di salvezza” e soprattutto al servizio dei poteri forti.

Si spera che presto possa esserci una svolta, di quelle storiche e magari inaspettate, come in quei film americani dove il bene vince sempre. Ci affidiamo a un sogno o a un’americanata, non si sa.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Software per la Tua Pubblica Assistenza

About these ads
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

About Marco Cutolo

Passione per la ricerca e per la comunicazione.

Vedi tutti gli articoli di Marco Cutolo

Iscriviti

Subscribe to our RSS feed and social profiles to receive updates.

31 commenti su ““Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger”

  1. Ghebura's Eye Says:

    Condivido pienamente questa analisi e la sento come mia.

    G.E.

    Rispondi

  2. Sonia Says:

    Il merito e l’ammirazione per voi blog che mettete come unica bandiera la verità vi fa solo che onore…….

    Rispondi

  3. Lia Says:

    Prima di tutto voglio con questo commento fare i complimenti a tutti i blog onesti e a voi di pensare liberi, vi seguo dall’inizio e siete il mio blog di riferimento.
    Quello che fate è molto difficile, la vostra guerra e contro un grande gigante della menzogna. Avete tutte le carte per vincere, prima tra tutte la verità, ma siete a capo di un esercito senza soldati. Sono tutti ormai ostagi di una forte manipolazione che ha reso tutti persone-robot…

    Rispondi

  4. Piero Bertola Says:

    “E’ come diventare Bonzi e poi andare a casa di Emilio Fede per farsi guidare verso l’illuminazione!”
    AHAHAHAHAH, mi sono spanciato nell’immaginare la scena!!! :-)))
    E’ un meccanismo naturale di adattamento. Chi nasce schiavo in mezzo a tanti nati schiavi è facile che non sappia di esserlo e che scalpiti orgogliosamente se lo si definisce schiavo.
    Ognuno di noi è profondamente convinto di essere unico e in parte è vero, ma solo in parte.

    Piero

    Rispondi

  5. Gekos Says:

    Questo video si dovrebbe commentare da solo, ma dati gli ascolti … SI COMMENTANO GLI ASCOLTI !!!
    Buona cerebrolesione inconsapevole a tutti…

    Rispondi

Trackbacks/Pingbacks

  1. SOLIDARIETA’ | Pensare Liberi News - 18 novembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  2. Messina – I mostri sono due, ma per giornali, TV e Magistratura è uno solo. E per l’opinione pubblica? | Pensare Liberi News - 18 novembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  3. CHI CI HA RIDOTTI IN SCHIAVITU’ ORA BATTE CASSA | Pensare Liberi News - 19 novembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  4. Farage al Parlamento Europeo: “Chi vi da’ il diritto di dettar legge al popolo italiano?” | Pensare Liberi News - 19 novembre 2011

    [...] Bloggers di tutto il mondo non fanno altro che ripetere “non fatevi ingannare dalla TV e dai giornali” e non è una fissazione, ma una lotta, una battaglia che per ora chi la conduce la sta perdendo, giorno per giorno, ricominciando sempre da capo. “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  5. UNO SGUARDO OLTRE | Pensare Liberi News - 22 novembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  6. Sotto la banca la capra crepa | Pensare Liberi News - 23 novembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  7. Signoraggio bancario e riserva frazionaria, dalle origini ai giorni nostri (documenti e video) | Pensare Liberi News - 1 dicembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  8. Quanti milioni di euro diamo ogni anno ai giornali per farci ingannare e disinformare? | Pensare Liberi News - 2 dicembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  9. Quel pazzo venerdì – Inaspettatamente un giorno diverso | Pensare Liberi News - 2 dicembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  10. Quel pazzo venerdì – Inaspettatamente un giorno diverso | Pensare Liberi News - 2 dicembre 2011

    [...] ieri sia stato il giorno della settimana più temuto dai bloggers e da tutti coloro che vogliono cambiare davvero le cose, nonostante i tentativi politici e [...]

  11. LAVAVETRI | Pensare Liberi News - 5 dicembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  12. Le lacrime del ministro Elsa Fornero distraggono da un capolavoro di preparazione tecnica | Pensare Liberi News - 6 dicembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  13. E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! | Pensare Liberi News - 6 dicembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  14. Non più chicchi di mais – Tutti crediamo di far parte di quella ristrettissima minoranza che conosce il vero nemico | Pensare Liberi News - 9 dicembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  15. TV, giornali e prodotti specifici per animali domestici – Oggi Giuliano Ferrara | Pensare Liberi News - 10 dicembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  16. Il futuro è arrivato e il modello economico è giunto al capolinea | Pensare Liberi News - 12 dicembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  17. Cina – I potenziali nuovi padroni del mondo – Esecuzioni pubbliche e traffico di organi | Pensare Liberi News - 14 dicembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  18. Firenze – La strage razzista, ma il suicidio non è un’opinione | Pensare Liberi News - 14 dicembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  19. Comunicazione di massa – Mario Monti è un esperto di ipnosi conversazionale | Pensare Liberi News - 15 dicembre 2011

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  20. La moneta complementare fatta dagli italiani… in Francia! Vediamo di cosa si tratta | Pensare Liberi News - 14 gennaio 2012

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  21. Fiscal Compact – L’Italia verrà rasa al suolo. Non è pessimismo, è matematica | Pensare Liberi News - 10 febbraio 2012

    [...] p.s. piange il cuore per quei pochissimi che non se lo meritano. Facciamo che “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  22. Fiscal Compact – L’Italia verrà rasa al suolo. Non è pessimismo, è matematica | Musica Newfan - 13 febbraio 2012

    [...] p.s. piange il cuore per quei pochissimi che non se lo meritano. Facciamo che “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  23. Fiscal Compact – Di cosa si tratta? Perchè chi si vanta di informare fa orecchie da mercante? | Pensare Liberi News - 6 marzo 2012

    [...] p.s. piange il cuore per quei pochissimi che non se lo meritano. Facciamo che “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  24. Il Signoraggio Bancario e la fame dei popoli? Una pausa di riflessione | Pensare Liberi News - 24 aprile 2012

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  25. Settimo Cielo – La droga fa registrare casi di cannibalismo negli USA | Pensare Liberi News - 8 giugno 2012

    [...] “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger [...]

  26. Quando Floris a Ballarò terrorizzava gli italiani con le agenzie di rating | Pensare Liberi News - 13 giugno 2012

    [...] (Vedi anche “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger) [...]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.668 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: