E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO !


NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO !! -

Questo monito vale per la salute dei singoli tanto quanto la salute di interi popoli.

Svariate manovre finanziarie hanno ed hanno avuto come unico scopo quello di levare ai ricchi (poco male) e ai poveri (molto male) per dare alle banche, quindi al debito, tecnicamente inestinguibile perchè interamente basato su un sistema economico del debito.

L’esauriente illustrazione della manovra economica da parte del Ministro Elsa Fornero non lascia adito a dubbi. Si sta tentando una manovra di accanimento terapeutico su di un’economia finita i cui meccanismi non sono più un segreto per una parte del popolo che, si, la subisce, ma da anni la studia.

La chiamano crisi, ma non può definirsi tale. La crisi economica comporta un impoverimento delle risorse. Oggi invece ci troviamo di fronte a un esubero di risorse. Una “Crisi” è un’altra cosa rispetto a quanto sta accadendo in questi ultimi anni.

Siamo di fronte a un fisiologico “cambio di fase” già insito nel sistema economico occidentale e più precisamente nel più avanzato e moderno (nuovo) sistema europeo. Un ritorno a un sistema feudale? La risposta non è si o no, ma riguarda una sensazione: “ci vogliono provare” e qualcuno addirittura dice che già ci siamo dentro e quindi lo scopo dei poteri forti è quello di svolgere un lavoro generazionale, graduale che comporti un giorno l’esistenza di un’intera popolazione per la quale sarà normale non usufruire di qualsiasi forma di ricchezza generata dai Signori e per i Signori.

Questa fase di insostenibilità finanziaria era fin troppo prevedibile ed era attesa tanto che alcuni economisti e giornalisti seri (internazionali ovviamente) avevano previsto tutto con lo scarto di mesi se non addirittura settimane (quell’ottobre del 2008 negli USA).

Quanto più tempo durerà questa forma di accanimento terapeutico a scapito dei cittadini, quanto più tardi inizierà una nuova era di ascesa, come negli anni 50/60, quelli ricordati come del “boom economico” o “miracolo economico” o “miracolo italiano”.

Qualche anno fa guardando la foto sopra ci saremmo concentrati sull’automobile in primo piano <<wow, che macchine erano quelle!! Che spettacolo la 600>>, oggi l’occhio cade inesorabilmente su quella famiglia in secondo piano, felice, serena, soddisfatta. Quanti guardando questa immagine non hanno pensato, magari inconsapevolmente: “MA CHE TE RIDONO??!!”.

L’invidia è un sentimento sempre negativo, ma frutto di una debolezza d’animo; e le popolazioni occidentali, mai come oggi, sono così indebolite, stremate da anni di infelicità. Si, infelicità, non ristrettezze economiche e per quanto i nostri genitori provenienti dall’era del miracolo italiano lo neghino dicendoci che è a causa del lavoro precario che siamo depressi, proprio loro sono la dimostrazione che questo è un grande inganno inculcatogli nella testa ai loro tempi, ma destinato a noi per l’uso nella vita.

I loro racconti di felicità riguardano quasi sempre “di quella volta in cui fecero quel viaggio Bari-Milano con una 600, scomodi, 16 ore in quella scatoletta… <<tuo padre ha fatto questo, tua madre ha detto questo, roba da matti…>>… e ridere, ridere…”, ma che c’avevano da ridere??

Se andremo avanti così, se non si arriverà a quel punto definitivo di rottura con questo sistema, se non si arriverà al punto zero, non inizierà mai quel processo di risalita e non saremo mai in grado di rispondere con certezza a questa banale domanda: CHE C’AVEVANO DA RIDERE???

Il denaro è uno degli strumenti per la felicità, non è un fine o una causa di qualcosa. Nel momento attuale anche nel caso in cui l’economia riuscisse a darci lavoro e denaro (che non c’è) non riusciremmo mai ad essere felici.

Il collega di redazione Marco Cutolo oggi ha pubblicato un editoriale di carattere satirico proprio sull’argomento “manovra finanziaria” e non a caso ha immaginato le gradi piramidi dell’altopiano di Giza come riferimento nell’immaginario collettivo di un era che può solo finire per dare spazio a un nuovo mondo.

Staccate la spina e dateci modo di ricostruirci un futuro… nel nuovo che verrà.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

DIVENTA NOSTRO FAN SU FACEBOOK E SOSTIENICI DIFFONDENDO

Software Gestionale Pubbliche Assistenze

About these ads
, , , , , , ,

Informazioni su Giorgio Fiore

Ricercatore autonomo di informazioni basilari per la vita e la dignità delle persone.

Vedi tutti gli articoli di Giorgio Fiore

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

20 commenti su “E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO !”

  1. Dario Sabbino Dice:

    Se daremo loro margine di manovra in tutti i sensi non può che paventarsi lungo questo accanimento terapeutico.
    Ho ascoltato attentamente l’esauriente illustrazione della manovra Monti da parte della Fornero.
    E’ AGGHIACCIANTE COME SI PARLI DI SACRIFICI DI CARATTERE GENERAZIONALE A 20/30 ANNI COME SE NIENTE FOSSE E TUTTO PER RISANARE IL DEBITO CHE, COME DITE CORRETTAMENTE, NON PUO’ ESSERE RISANATO, MA PUO’ SOLO AUMENTARE PER DEFINIZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA!!!

    Dario Sabbino

    Rispondi

  2. Gina Dice:

    Questa crisi è omai arrivata al suo ultimo capitolo, al quale tutti noi dobbiamo mettere la parola FINE. Solo così si potrà di nuovo scrivere e leggere di racconti di un libro di una NUOVA VITA e DI UN NUOVO FUTURO….

    Rispondi

  3. carminesimeone Dice:

    Non volevo criticare il nostro Presidente della Repubblica,ma,lui che è tanto accorto ed esperto e con lui i suoi Esperti e collaboratori di grande livello cosa pensa di fare sugli argomenti ed azioni a dir poco punitive verso chi da sempre paga per tutti?.Ora al suo posto io direi basta non si può guardare chi è agonizzante e far finta di niente,anche lui spesso santifica questo Monti che con la sua combricola si credono i Padroni benefici del paese e mortificano tutti i Lavoratori onesti che pagano ed anno sempre pagato tutto ciò che dovevano pagare non loro ma chi non a mai pagato,o se a pagato paga meno del suo dipendente?.Mi ritrovo nella mia pancia la rabbia di averci creduto che anche i tecnici brevemente avrebbero potuto far piazza pulita di chi ne ha sempre approfittato e fargli pagare il giusto fio per le ruberie commesse,ora mi rendo conto che mi sbagliai nel credere che era possibile almeno regolamentare le cose visibili e lampanti,ora capisco il perchè da stupido ci sono cascato dentro alla peggiore delle soluzioni possibili,lui che io stimo e gli chiedo scusa per le mie illazioni,ma Giorgio ora basta,come dicono i Romani della Capitale,(ma ci sei o lo fai),Se cambiare e fare giustizia delle porcherie subite e pagate solo dal Popolo normale e sovrano è giunto il momento di dare il Paese nelle mani giuste ma di Eletti dal popolo e finire di Uccidere il sogno anche dei Padri della Repubblica che iniziarono la costruzione dell’Europa dei Popoli con regole certe per salvaguardare gli interessi di tutti,ma non dei pochi su tutti,si è rovesciata la pentola ed ora bisogna ripristinare la Democrazia Repubblicana come?,a mio avviso subito una nuova Legge elettorale democratica e far scegliere i propri rappresentanti al Popolo e poi nuove Elezioni Subito,cacciando via i Ladroni dal Tempio sacro altrimenti saremo tutti colpevoli e diventeremo Zombi Europei ed Italioti per imposizioni,credimi è molto pericoloso gli Italiani si liberarono dal Regime Fascista e si libereranno da soli del nuovo Ordine Mondiale dei Camaleonti addestrati ed interessati a creare nuovi scenari che non conviene a nessuno,ripeto a nessuno farli ritornare in vita.Per non dimenticare Basta.

    Rispondi

Trackback/Pingback

  1. … E RIECCO UN ALTRO “SALVATORE DELLA PATRIA” | Pensare Liberi News - 8 dicembre 2011

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  2. MES (Meccanismo Europeo di Stabilità), un colpo di stato in 17 paesi | Pensare Liberi News - 17 dicembre 2011

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  3. Fiscal Compact – L’Italia verrà rasa al suolo. Non è pessimismo, è matematica | Pensare Liberi News - 10 febbraio 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  4. Summit Modern Money Theory Rimini – Rolling Stone Magazine intervista Paolo Barnard | Pensare Liberi News - 28 febbraio 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  5. Fiscal Compact – Di cosa si tratta? Perchè chi si vanta di informare fa orecchie da mercante? | Pensare Liberi News - 6 marzo 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  6. Paolo Barnard e Paola Musu denunciano il Golpe Finanziario mettendoci la faccia | Pensare Liberi News - 11 aprile 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  7. Il Signoraggio Bancario e la fame dei popoli? Una pausa di riflessione | Pensare Liberi News - 24 aprile 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  8. Uscendo dall’euro, svalutazione e altri vantaggi. Si può fare! | Pensare Liberi News - 10 maggio 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  9. L’Avv. Paola Musu li ha denunciati tutti e fa sul serio. Grande partecipazione popolare. | Pensare Liberi News - 18 maggio 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  10. Fuoriuscita dall’Euro: è questione di logica | Pensare Liberi News - 4 giugno 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  11. Quando Floris a Ballarò terrorizzava gli italiani con le agenzie di rating | Pensare Liberi News - 13 giugno 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  12. MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) o ESM – Colpo di stato in 17 paesi !! | Pensare Liberi News - 15 giugno 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  13. La Germania e l’asservimento del nostro Paese | Pensare Liberi News - 18 giugno 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  14. Il signoraggio bancario non risparmia nessuno. Anche il Canada sotto attacco | Pensare Liberi News - 15 settembre 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  15. ALCOA – Il Governo interviene e risolve – Ma succede in Brasile | Pensare Liberi News - 21 settembre 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  16. Capiamo insieme cosa è la Modern Money Theory (MMT) | Pensare Liberi News - 4 ottobre 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

  17. Atene blindata. Manifestazioni e scioperi contro Frau Merkel | Pensare Liberi News - 9 ottobre 2012

    [...] E’ la fine di un’era come tante altre. NO ALL’ACCANIMENTO TERAPEUTICO ! [...]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.660 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: