Fiscal Compact – L’Italia verrà rasa al suolo. Non è pessimismo, è matematica


Fiscal Compact

Dopo il colpo di stato bianco in tutti i paesi dell’eurozona chiamato MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) sta arrivando l’ora del colpo di grazia che ci catapulterà in una nuova era di povertà, di quella vera, a tappeto. Stiamo parlando del passo successivo già programmato da mesi che passa sotto il nome di Fiscal Compact (indovinate cosa si andrà a compattare e a comprimere e in favore di chi!).

Una buona analisi la riporta Paolo Barnard e di seguito ve ne proponiamo un estratto. Durante lo svolgimento troverete degli identikit di alcuni personaggi famosi, ma soprattutto politicamente e socialmente impegnati (e strapagati per farlo), che difendono questo sistema, questo governo e che soprattutto, in virtù di questo, continuano a guadagnarne cifre economiche fuori dalla portata immaginaria di qualsiasi cittadino “normale”. Tutto questo schizofrenicamente in nome del libero mercato (quindi dell’iper-capitalismo) e nello stesso tempo in nome di un ideale politico ben preciso in netta contrapposizione. La schizofrenia riguarda soprattutto i sostenitori di questi personaggi, quella “classe operaia” trascinata davanti la TV, quei movimenti politici sociali che contribuiscono alla diffusione dei vari show e all’alimentare così l’enorme flusso di denaro a scapito della collettività, sia da punto di vista economico, sia dal punto di vista di una totale mancanza di vera informazione. Le patetici, ma necessarie al LORO portafogli e al LORO futuro, performance dei vari personaggi che fingono di bacchettare il governo tecnico, ci stanno traghettando verso il baratro con un sorriso ebete stampato in faccia!

La verità è che siamo tutti orfani dell’ideologia di sinistra… non esiste più! Lo abbiamo denunciato più volte e continueremo a farlo perchè siamo fermamente convinti che questa totale assenza, e peggio ancora l’errata presenza, sia dannosa per la società. I paladini della “sinistra” concentrano grandi capitali totalmente indisturbati, disinformano, alienano e tutto questo con un certo consenso popolare unito all’immobilismo da interessi personali. Un giorno studieremo questa forma di pazzia collettiva. Questo è solo un accenno; approfondiremo la riflessione in un prossimo editoriale dedicato.

Paolo Barnard, sostanzialmente, denuncia questo.

Fiscal Compact. Cos’è e cosa ci aspetta

La parte tecnica, e agghiacciante, più sotto. Fra l’altro, io l’avevo già tutta anticipata in precedenti articoli avvisandovi, ora è legge europea ed italiana. Ma prima un commento.

Questo non è più un Colpo di Stato Finanziario. Questa è la‘Coventry-zzazione’ dell’Italia a firma Mario Monti, e con un esecutore materiale: il medesimo Paese che nella notte del 14 novembre 1940 rase al suolo la cittadina inglese con una violenza mai impiegata prima nella storia bellica. Una violenza da cui nacque il temine ‘Coventry-zzazione’.

Leggendo le pagine del Treaty on Stability, Coordination and Governance in the Economic and Monetary Union, comunemente conosciuto come Fiscal Compact firmato il 31 gennaio dai capi di Stato e di governo della zona Euro, ho compreso che qui non stiamo più parlando di un golpe per controllare gli Stati sovrani d’Europa, ma proprio di un bombardamento a tappeto che non lascerà che cenere di tutto ciò che conoscevamo come democrazia, redditi e Stato di diritto in Italia. Ed è per me sbalorditivo che un Santoro, o un Ferruccio De Bortoli, o una Camusso possano aver letto quelle righe senza inorridire (perché le hanno lette, vero? è il loro mestiere, no?). Che il parlamento italiano le possa aver lette senza esplodere in una ribellione addirittura violenta, barricandosi alla Camera e al Senato (perché le hanno lette, vero? è il loro mestiere, no?). Ma tant’è. Offro qui un tributo al genio dell’accademico americano Edward Herman, che ha coniato quella che è forse la più cruciale definizione mai data della nostra epoca, un’epoca “dove hanno reso plausibile l’inimmaginabile”,e dove la gente lo ha accettato.

Sono 11 pagine, questo Fiscal Compact. Entrerà in vigore il 1 Gennaio del 2013. Negli 11 mesi che rimangono non nascerà alcuna rivolta. Gli italiani, e soprattutto gli italiani di Gad Lerner, di Fazio (sia Fabio che Lorenzo), di Saviano, di Travaglio, di Grillo, di Bersani, di Vendola, della CGIL-Fiom, del popolo viola ecc. sono troppo stupidi, incorreggibili e meschini per capire. E sono una massa enorme che potrebbe invece agire. Ergo, siamo finiti, perché gli altri italiani, quelli di Sky e degli Outlet, non contano come forza civica, mai sono contati, si lamentano ma se ne fregano. Questa è la realtà.

[Vedi editoriale ORA PARLO IO: La Grecia di oggi è l’Italia di domani. Tutti lo sanno, ma nessuno reagisce - ndr]

Il 24-25- 26 Febbraio a Rimini un gruppo microscopico di italiani si informerà su cosa si può fare per salvare i redditi, i diritti e l’Italia da questa catastrofe, e, fra questi, un gruppo ancor più microscopico forse porterà avanti una battaglia in futuro (http://www.democraziammt.info). Come dire: ci sarà il Diluvio Universale e quattro gatti in Italia sapranno costruire una barca. Dai, fa ridere. Ok, ecco Coventry:

COSA DICE IL FISCAL COMPACT (tradotto e semplificato da Paolo Barnard)

- uno Stato che dà ai propri cittadini e alle proprie aziende più denaro di quanto gliene tolga in tasse, cioè che spenda a deficit di bilancio, sarà illegale e anti costituzionale. Dovrà come minimo fare il pareggio di bilancio (cioè darci 100 e toglierci subito dopo 100), ma meglio ancora se farà il surplus di bilancio (ci darà 100 e ci toglierà 150), cioè dovrà impoverirci, matematicamente. Questa regola dovrà essere inserita nella Costituzioni degli Stati firmatari, o in leggi egualmente vincolanti. Sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 3/1 a) – 3/2.

- Se uno Stato non iscrive nella Costituzione o in leggi egualmente vincolanti l’obbligo di impoverire i propri cittadini e aziende attraverso il pareggio di bilancio o il surplus di bilancio, verrà giudicato dalla Corte Europea di Giustizia, che ha potere di sentenze sovranazionali, cioè vincolanti per tutti gli Stati aderenti. Sancito dal Fiscal Compact nella premessa a pag. 2.

- uno Stato che volesse ignorare questo scempio verrà messo sotto accusa automaticamente (excessive deficit procedure), e automaticamente dovrà correggersi presentando un piano dettagliato di correzioni, che sono le famigerate austerità che ben conosciamo. Le correzioni saranno dettate dalla Commissione Europea di tecnocrati non eletti (che, come ampiamente dimostrato,rispondono alle lobby finanziarie di Bruxelles, nda). Sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 3/1 e) – 3/2.

- se lo Stato sotto accusa non si corregge, e cioè se si rifiuta di impoverire i propri cittadini e aziende attraverso il pareggio di bilancio o il surplus di bilancio, la Commissione Europea lo denuncerà agli altri Stati, che lo denunceranno alla Corte Europea di Giustizia, che ha potere di sentenze sovranazionali, cioè vincolanti per tutti gli Stati aderenti. Se questa Corte condannerà lo Stato recalcitrante, e se quest’ultimo comunque si rifiuterà di impoverire i propri cittadini e aziende attraverso il pareggio di bilancio o il surplus di bilancio, la Corte potrà condannare lo Stato disubbidiente a una multa che per l’Italia sarebbe di 2 miliardi di Euro. Sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 5/1 a) – art. 8/1 – 8/2.

- il potere di denunciare alla Corte Europea di Giustizia uno Stato che si rifiuta di impoverire i propri cittadini e aziende attraverso il pareggio di bilancio o il surplus di bilancio, e quindi di sottoporlo al processo ulteriore della Corte per le punizioni monetarie finali, è riservato anche a un solo singolo Stato della zona Euro, e anche se la Commissione Europea non ha dato alcun parere negativo conto lo Stato sotto accusa. (diritto quindi del tutto arbitrario che sarà esercitato senza pietà dalla Germania, nda). Sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 8/1 – 8/2.

- il risultato della condanna da parte della Corte Europea di Giustizia di uno Stato che si rifiuta di impoverire i propri cittadini e aziende attraverso il pareggio di bilancio o il surplus di bilancio, non sarà solo una pesantissima multa di miliardi di Euro, ma si traduce anche in una costrizioneassoluta per questo Stato di correggere il bilancio verso il pareggio o il surplus. Sancito dal Fiscal Compact nella premessa a pag. 3.

- quando scatta la procedura di denuncia di uno Stato che si rifiuta di impoverire i propri cittadini e aziende attraverso il pareggio di bilancio o il surplus di bilancio, gli altri Stati della zona Euro si prendono l’impegno di sostenere quella denuncia. Potranno rifiutarsi solo se troveranno un sostegno da parte di una maggioranza qualificata dei medesimi Stati. Cioè, per contrastare l’azione punitiva e arbitraria anche di un solo Stato (es. la Germania, nda) tutti gli altri dovranno trovare una maggioranza (impossibile, nda). Sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 7.

- dalla firma di questo Fiscal Compact in poi, uno Stato della zona Euro dovrà chiedere approvazionealla Commissione Europea e al Consiglio Europeo prima di emettere i propri titoli di Stato. Anche qui la funzione primaria di autonomia di spesa dello Stato sovrano è cancellata. Sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 6.

-  all’unico organo europeo legittimamente eletto dai cittadini, cioè il Parlamento Europeo, è riservato questo: il suo presidente “potrebbe”essere invitato ad ascoltare le decisioni dei tecnocrati della Commissione e del Consiglio. Basta. Ai parlamenti nazionali (ex sovrani, nda) e al Parlamento Europeo è concesso di formare una conferenza di rappresentanti che potranno “discutere” (non bocciare, nda) le decisioni prese dai tecnocrati. Sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO V art. 12/5 – art. 13.

- il Fiscal Compact richiede a tutti gli Stati della zona Euro di promettere sostegno e fedeltà alla Moneta Euro e all’unione economica, al fine di promuovere “crescita, impiego e competitività” (cioè come dire: sostenere un’alluvione per promuovere l’agricoltura, nda). Sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO I art. 1/1.

- se uno Stato dovesse aver bisogno si sostegno finanziario europeo attraverso un salvataggio da parte del Meccanismo Europeo di Stabilità, non avrà un singolo Euro se prima non avrà firmato il Fiscal Compact e non lo avrà obbedito in toto. (la Grecia dovrà quindi farlo e comunque morirà sotto tortura, i prossimi siamo noi, nda) Sancito dal Fiscal Compact nella premessa a pag. 4.

- in ultimo, il Fiscal Compact impone il rispetto a tutti gli Stati firmatari dell’Europact. Adottato dai capi di governo dell’Eurozona il 24 marzo 2011, stabilisce che la competitività sia giudicata solo in rapporto al contenimento degli stipendi e all’aumento della produttività; che gli stipendi pubblici debbano essere tenuti sotto controllo per non danneggiare la competitività; che la sostenibilità del debito nazionale sia giudicata a seconda della presunta generosità di spesa nella Sanità, Stato Sociale, e ammortizzatori sociali; che le pensioni e gli esborsi sociali devono essere riformati “allineando il sistema pensionistico alla situazione demografica nazionale, per esempio allineando l’età pensionistica con l’aspettativa di vita”. Sancito dal Fiscal Compact nella premessa a pag. 4.

Conclusione

L’Italia perde tutta la sua sovranità di spesa per i cittadini (che andava a favore di tutti i servizi essenziali, delle tutele sociali, di tutta la nostra economia salariale, degli sgravi ecc.) e la sua sovranità di spesa per le aziende (cha andava a favore di modernizzazione, infrastrutture, acquisti diretti, sgravi ecc.). E sarà costretta al meglio a darci 100 e toglierci 100, cioè a lasciarci a zero di ricchezza netta. Di conseguenza: Il Fiscal Compact impone per legge sovranazionale l’impoverimento sistematico e automatico da parte dello Stato dell’Italia produttiva e delle nostre famiglie. In tal modo lo Stato perde totalmente la sua funzione democratica primaria.

Il parlamento italiano non conta più nulla in questo, è di fatto esautorato. Non controlleremo più in nostri titoli di Stato, altra sciabolata alla nostra sovranità. Siamo alla mercé delle punizioni inflitte da tecnocrati non eletti da noi, e del giudizio devastante della Germania, che com’è noto ed ampiamente provato, lavora da 40 anni per distruggere le economie dell’Europa del sud, dell’Italia in particolare (si legga Il Più Grande Crimine 2011). Saremo costretti ad austerità continue imposte dalla Commissione Europea che nessun italiano elegge. Questo significa povertà imposta su altra povertà, e solo per gli interessi Neomercantili di Berlino e di pochi speculatori internazionali. Infine, questo crimine contro un intero popolo e nazione è stato firmato da Mario Monti, che dovrebbe essere arrestato per alto tradimento. Ma c’è di peggio.

Gli italiani stanno concedendo un’abbondante maggioranza di gradimenti al governo Monti. I media difendono l’Euro come sacro, e neppure quelli ‘liberi’, da Santoro al Fatto di Travaglio, permetteranno mai a questi fatti documentati, e salva vita, di essere esposti. Tutta la componente maggioritaria dei cittadini ‘impegnati’ crede di aver salvato l’Italia dal terribile pericolo democratico numero uno della nostra storia: Silvio Berlusconi. Il resto degli italiani non sa, non se ne cura.

C’è una profonda giustizia nel fatto che il Vero Potere ci pisci in testa. E ci condanni alla disperazione. Ce lo meritiamo (?)

p.s. piange il cuore per quei pochissimi che non se lo meritano. Facciamo che “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger

http://www.democraziammt.info/

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

DIVENTA NOSTRO FAN SU FACEBOOK E SOSTIENICI DIFFONDENDO

Software Magazzino Tracciabilità Big

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Informazioni su Giorgio Fiore

Ricercatore autonomo di informazioni basilari per la vita e la dignità delle persone.

Vedi tutti gli articoli di Giorgio Fiore

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

46 commenti su “Fiscal Compact – L’Italia verrà rasa al suolo. Non è pessimismo, è matematica”

  1. Rosa Dice:

    Ho letto l’articolo: eccellente, esauriente e completo.

    Rispondi

  2. Argonauta Catartico Dice:

    sensazionalismo paranoico.

    Rispondi

  3. leestrazionilotto Dice:

    Le barzellette dovrebbero far ridere, chi perchè questa fa cac….., ma vista la serie di personaggi che accompagnano la barzelletta,di cui detti signori non hanno certo di che preoccuparsi del domani, sanno tutto loro, guai a chi li tocca,basta solo criticare, autore e company non fate parte di quello schieramento che dicono stronzi agli altri ? il vostro orto e bello vero ……..

    Giuseppe

    Rispondi

  4. Luka Cavallodifatica Giga Dice:

    Ho letto l’articolo e mi è sembrato verosimile, nonostante io non segua attivamente le vicende politiche purtroppo. La domanda che mi pongo è: quali sono i mezzi tramite cui è possibile evitare tutto questo? Esistono contromisure che siamo in grado di intraprendere?

    Rispondi

    • Giorgio Fiore Dice:

      Buongiorno,
      da molti anni studiosi e comunità di cittadini propongono contromisure per scongiurare prima il sistema e per risanarlo ora.
      Si parla di moneta complementare, comunale, locale. Si parla di Modern Money Theory (24-26 febraio si terrà un summit a Rimini di carattere internazionale)
      http://www.democraziammt.info/
      La soluzione molti credono di averla, si spera che sia così.

      Spero di aver risposto alla tua domanda

      Un saluto

      Giorgio Fiore – Redazione
      giorgio.fiore@pensareliberi.com

      Rispondi

  5. raccontivari Dice:

    L’unico modo per non farci prendere (per l’ennesima volta) per il c*** presumo sia quello di recarsi in massa, incazzati neri, dove si riuniscono i Padroni.
    Purtroppo ciò non può avvenire perchè molti sono impegnati a seguire le partite di calcio, altri non possono fare a meno della nuova puntata del nuovo reality show, altri ancora sono così idioti da essere convinti che tutto ciò è per il nostro bene, ecc..
    Conclusione: o si va in 100, si viene arrestati in 100 e si muore in 100 oppure nessuno muove il sedere da casa propria.

    Rispondi

  6. Taglia Dice:

    Quello che sta accadendo (ora certo, ma che sta accadendo già da almeno 10 anni) è a dir poco folle, e la cosa più assurda è che tutto succede e c’è un sacco di gente che dice pure grazie. Ad esempio, circa i diritti (non i privilegi) dei lavoratori faremo un salto indietro di almeno cento anni, e non in meglio. Il vincolo di pareggio credo sia addirittura scorretto dal punto di vista economico in quento eccessivamente vincolante. Un contenimento della spesa pubblica può starci, ma la rigidezza della norma imposta non ha senso.

    Il futuro è fosco e il paese dorme.

    Rispondi

  7. Federico Dice:

    Non capisco che c’entrano le foto di quei personaggi famosi accanto all’articolo, sembrano messe lì per far credere che siano d’accordo con la visione del giornalista che scrive, cosa di cui dubito fortemente

    Rispondi

    • Giorgio Fiore Dice:

      Buongiorno Federico,
      leggi l’intero editoriale e vedrai che scompariranno i tuoi dubbi al riguardo.
      Quelle foto sono stante inserite seguendo lo spunto dell’editoriale di Barnard che denuncia il cattivo uso e il NON uso del potere mediatico per far capire ai cittadini quali sono i veri problemi.
      Barnard ne cita alcuni (che sono in foto) finisce con un etc e quel etc lo abbiamo riempito con parte di coloro che hanno un grande potere mediatico, quindi TV, trasmissioni televisive, show di tiratura nazionale con milioni di telespettatori (cittadini) e lo utilizzano per confondere l’opinione pubblica e MAI per denunciare i veri problemi che ci hanno portato in questi anni a un declino così veloce.
      Quelli che mancano: sono di due categorie, la prima quella che risponde al criterio sopra citato e non inserito per mancanza di spazio (non voleva essere un censimento), la seconda quelli che hanno un potere mediatico nettamente inferiore e che, invece, denunciano i veri problemi, ma che, come puntualizza amareggiato Barnard e noi insieme a lui, purtroppo hanno un ritorno e una risonanza mediatica infinitamente più piccola rispetto agli altri da “prima serata”.
      E’ una denuncia nei confronti di chi può fare e non fa, sapendo di poter fare e sapendo di NON fare. E’ una denuncia oggettiva, niente di personale… a che servirebbe? a CHI servirebbe?

      Spero di aver risposto alla tua domanda. Un saluto e buon weekend.

      Giorgio Fiore – Redazione
      giorgio.fiore@pensareliberi.com

      ps. non sono un giornalista :-) per questo posso scrivere quello che penso davvero senza filtri nè condizionamenti :-)

      Rispondi

  8. Rosa Dice:

    Le critiche possono essere positive, ma noi della redazione “pensare liberi”, abbiamo la perizia di informare. Se l’informazione è raccolta dai lettori con parole triviali, comprendetemi, non si è inteso cosa sia la libertà di parola. Vogliamo continuare così? Va bene. Non avremo mai nella storia italiana avvenimenti come quelli della rivoluzione francese. Il nostro stato unitario si è formato con gli intrighi di Cavour e l’ardore di Garibaldi con i suoi patrioti. Le masse popolari dal 1870 si ritrovarono i piemontesi e il regno sabaudo. Oggi si tenta di far capire cosa succede…..ma il popolo vuole persistere con i vecchi schemi. Vivete così, senza cognizione, senza obiettività. Siete liberi……

    Rispondi

  9. jvan bugliani Dice:

    C’è una profonda giustizia nel fatto che il Vero Potere ci pisci in testa. E ci condanni alla disperazione. Ce lo meritiamo (?)

    Si,ce lo meritiamo; poiche per molti anni abbiamo chiuso i nostri occhi e tappato le nostre orecchie.
    I miei occhi hanno incominciato a vedere e le mie orecchie hanno incominciato ad udire solo quando ho smesso di essere schiavo del falso dio dell’immagine e del materialismo.
    Gesu,le sue parole hanno cambiato la mia vita ; studiando le sacre scritture ho realizzato che l’essere umano e la societa’ non e’ molto diversa ora da quella di 2000 anni fa’. ” I potenti ” tendono ad accentrare la ricchezza solo su se stessi e i popoli sono vittime dell’ignoranza e della paura. Tuttavia nella storia ogni grande impero e’ caduto sotto il peso della propria iniquita’,superbia e vanita’ ; cadra’ anche l’impero capitalista,e’ solo questione di tempo.
    Che Dio abbia misericordia di noi

    Rispondi

  10. Federico Gnech Dice:

    Ridicolo. Ma di che diamine di sovranità di spesa andate cianciando? Quella dell’italietta autarchica di Mussolini o dell’albania di Hoxha? L’integrazione politica Europea passa anche per quella economica, e visto che qualcuno finora ha barato, a spese prima di tutto dei SUOI cittadini, qualcun altro è dovuto ricorrere a strumenti come il fiscal compact.
    Che uno come Barnard sia l’autore del delirio da voi riportato non mi sorprende, ma toglietemi finalmente una curiosità: che cosa siete? Siete in qualche modo confuso anticapitalisti, ma vi fa schifo tutta la sinistra, compresa la FIOM. Vedete cospirazioni ovunque e avete la fissa della sovranità nazionale…insomma, non occorre essere ordinari di storia delle dottrine politiche per etichettarvi come fascisti.
    (E un po’ di rettiliani ce li vogliamo mettere?)

    Rispondi

  11. Giorgio Fiore Dice:

    E come dimostrato più volte arriva l’etichettatore di uomini. Delle sue etichette non so cosa farmene e questo terrorismo ideologico deve finire per tutti.
    Sappia però che per me, nel frattempo, è già finito e dirò sempre quello che penso senza curarmi dei vari giustizieri del pensiero unico.
    Poi con uno che inizia un commento con un “Ridicolo.” e finisce con “fascisti” di cosa vuoi discutere?!
    Lei è qui dentro: http://pensareliberi.com/2012/01/26/cappucetto-rosso-e-il-terrorismo-ideologico-del-pensiero-omologato/
    Continui a seguirci, ne avrà da appiccicare etichette! Ma si ricordi di usare etichette morbide così che possano essere utilizzate comodamente in bagno una volta scrollate di dosso!

    Rispondi

  12. Rosa Dice:

    Sono costernata…..continua il terrorismo ideologico di alcuni pseudolettori!!!!!!!!.

    Rispondi

    • Giorgio Fiore Dice:

      Sai Rosa, mi sono chiesto molte volte il perchè si usi marchiare le persone. A volte, preso dalla rabbia, ho pensato che chi marchia lo fa perchè non ha argomenti, poi ho pensato che lo fa per ignoranza e poi perchè è stupido etc. Ma mi sbagliavo. Perchè tra chi marchia, tra chi etichetta, “conosco” persone che hanno eccome argomenti, sono colti e qualcuno è persino intelligente.
      No, loro marchiano solo per un motivo: perchè funziona! Marchiare una persona da gli effetti sortiti. Se marchiando non si ottiene la remissione del marchiato, allora, in extremis, lo si fa fuori. Pier Paolo Pasolini, un eroe a cui mi ispiro tutti i giorni se vi riesco, ne sapeva qualcosa di questi “passaggi”, di questo modus operandi.
      Oggi non si ammazza più chi osa criticare certe ideologie ritenute non criticabili, anche se lo scopo è quello di migliorarle negli errori (Pasolini non accettava l’idea della contro informazione, ovvero il dover raccontare palle di segno opposto a quelle di un giornale per esempio, ma mai la verità). Non si ammazza più perchè l’etichettatura di massa è più che sufficiente e, come detto sopra, funziona.
      Se non ne hai paura puoi contagiare altre persona ad uscire fuori dal guscio a dire quello che pensano REALMENTE tra le mura di casa. Come in tutto, si tratta di una lotta. Personalmente credo che la crisi economica e sociale, sempre più forte, porterà le persona a uscire finalmente allo scoperto, dimostrando che le ideologie, il pensiero unico e il politically correct hanno totalmente fallito. E’ la mia speranza!
      Saluti

      Giorgio

      Rispondi

      • Davide Grosso Dice:

        Complimenti caro sig. Giorgio Fiore. Con il suo commento delle 21:38 ha fatto lo stesso errore (io non lo giudico tale) di etichettare il sig. Federico Gnech. Chi scrive, parla e agisce pubblicamente si espone implicitamente a giudizi e critiche (in nome della famosa parola “libertà”). Lei etichetta i suoi oppositori come stupidi, ignoranti e infine, illuminato dalla sua (arrogante) intelligenza, arriva a definirli “censori”, ovvero individui in grado di far tacere gli antagonisti fino alla paventata eliminazione (testualmente “lo si fa fuori”).
        Complimenti. A me fa ridere la presunzione palesata in tutte le vostre righe precedenti, articolo compreso: sembra conosciate una verità superiore, figlia di una genialità che solo a voi, pochi eletti, è concessa. Credo di più nella relatività: diversi interessi = diverse verità.
        Il pensiero cattolico è tanto bello ed efficace quanto quello comunista: utopie. Entrambi perfetti negli schemi e negli intenti, deboli in quell’unico anello che deve portarli a compimento … l’UOMO. :-( Sia chiaro, dal mio punto di vista, è solo puntando in alto che ci si evolve e si migliora. L’asticella va costantemente spostata più un su, fino al limite segnato dall’utopia. Chissà che un giorno non si riesca finalmente a scavalcarla modificandone il significato di mera illusione e falso ideale, ma approdando ad un progetto pragmaticamente praticabile e dotato di valore.

        Un’ultima cortesia, se anelate ad una testata seria e dignitosa … non parlate più di Berlusconi. Tutte le foto allegate all’articolo servono esclusivamente per tirare acqua al vostro mulino e i concetti ivi esposti sono una trasposizione a vostro esclusivo interesse. Che fine hanno fatto tutti quei poteri mediatici che remano nella direzione opposta, cari i miei pensatori liberi? Dove avete liberamente segregato la vostra obiettività? Mah … “Coraggio liberisti, buttate giù le carte tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese in questo benedetto assurdo bel paese.” Francesco Guccini “Cirano” vi invito ad ascoltare tutta la canzone.

        Rispondi

  13. alfius Dice:

    credo che sia un po paranoico … gli strozzini non mandano mai le loro vittime alla rovina, perche ? dalla miseri non possono ricavare dei benefici … questo principio vale per i poteri finanziari che per la mafia …

    Rispondi

    • pauline Dice:

      anche io sento che in quello che dite c’e’ la spaventosa verita’ della realta’ che ci circonda ……………………………………………………………………..ma il resto vorrei che lo dicessero gli altri non posso combattere da solo contro tutto il mondo gli altri hanno paura di dire quello che pensano c’e’ un terrore spaventoso……………………e’ quello che mi fa piu’ paura ………..chi e’ d’accordo con me si unisca a me per favore……….dite qualcosa vi prego……………………………………………………………………………….

      Rispondi

  14. Rosa Dice:

    Caro Giorgio, buon giorno. Stamane parlo per me. Fino a 3 anni e mezzo fa,ero una persona in ottima salute, lavoravo, tiravo avanti e la mia anima viveva sepolta da una omertà che accettavo. Quando ho visto che il cancro mi ha aggredito, ho dovuto ricredermi, Ho Dovuto Lottare, perchè lo stadio della malattia era avanzato. Ora che sono sotto stretta sorveglianza medica…..ho voluto consapevolmente uscire dai canoni. Mi spiego: voglio lottare e non rimanere inerme di fronte a false ideologie, a comportamenti ipocriti, alle idee improponibili. Mi sono affidata a Seneca, Enzo Paci, N. Abbagnano e tutta la filosofia da Socrate all’esitenzialismo e al post-esistenzialismo. Personaggi come Pasolini, hanno avuto un peso notevole nella storia della letteratura italiana. Credo che continuare sulla strada che percorriamo, vada bene. Condivido la tua speranza e che prima o poi la persona o le persone possano uscire allo scoperto. Un saluto, Rosa

    Rispondi

  15. Claudio Dice:

    Il probema non è il pareggio di bilancio ma come spendono i nostri soldi. In italia l’80% delle tasse che apghiamo finisce nel cesso. Anceh negli altri paesei europei c’è l’obbligo del pareggio di bilancio ma ridotti peggio di noi (per il momento) c’è solo la Grecia. Il problema vero è che siamo governati da una accozzaglia di ladri e mafiosi.

    Rispondi

  16. Gastone Losio Dice:

    Caro Marco, io una soluzione ce l’ho.
    Aiutami a farla passare.
    Sono partito dal Manifesto di Ventotene, e dall’Europa “Una e Indivisibile”.
    Lasciamo perdere l’Italia, che è meglio. Non serve a nulla, come tutta la sua classe politica nazionale..
    Fammi sapere, il progetto è parcheggiato qui: http://www.losio.com

    Rispondi

  17. mauro menghini Dice:

    Le crisi fanno parte del capitalismo come il mal di testa dopo una solenne sbornia. Fin dal suo inizio ha portato con se bolle e crolli. Nel XVII secolo la sviluppatissima Olanda venne scossa dalla crisi dei tulipani in quanto le cipolle dei tulipani raggiunsero valori troppo elevati, a causa di una bolla speculativa. Poi seguì la crisi monetaria inglese e la crisi commerciale delle città anseatiche e la crisi delle ferrovie inglesi e, e, e. Le crisi sono una brutta cosa-ma nulla di nuovo. Ogni nuovo ciclo inizia da un livello elevato di benessere. Anche quando dobbiamo calcolare che i bilanci familiari verranno ridotti di 50 miliardi di Euro, chi c’ha rimesso in borsa o i disoccupati di oggi stanno decisamente meglio dei poveri che nel 1929 facevano la fila per un piatto di minestra.

    La ricerca cervellotica di un ordine migliore viene accompagnata e stimolata da una richiesta di maggior debito e di un anticapitalismo ideologizzato. La metà degli italiani è convinto che si dovrebbe riprovarci col socialismo. Come se non fosse stata colpa della bolla finanziaria dell’ordine economico più flessibile ed adeguato che mai si sia conosciuto. Certo la crisi rende tutti più poveri. Alla fine della crisi staremo comunque tutti meglio rispetto alle generazioni precedenti. Oltre due secoli di crescita hanno talmente elevato il benessere di talmente tante persone che nonostante la recessione non sarà più possibile ricadere in quella povertà.

    Ci salveremo solo battendo la via più impervia e difficile: amare il capitalismo.

    Rispondi

  18. Veronique Dice:

    Definitely one person may hope the coffee
    maker which makes use of a specific brand of coffee
    and also dispenses any cup at a time, even though
    yet another may like a coffee maker that can possibly brew a pot large enough for an entire gathering.

    Drip Coffee Maker Usually Asked Questions Precisely what exactly is definitely the very
    best heat for brewing coffee? Many specialist agree which 200 degrees is among the most effective temperature
    for brewing coffee.

    Rispondi

  19. Ray ban wayfarer Dice:

    Bon marché are provided in le nouveau les collections
    la partie d’en 2013 par d’un nombre de jamais beaucoup plus élabore hues.

    fera de tinted le plus probable les marque n’importe lequel regards pour les ventilateurs le boîte toujours find le le référence qui amène le la touche de fraîcheur, additionally sur les modèles that. Ce particulier la mode la maison j’en fait plus vieux que vous pense,
    il date d’ les années 70 et par la suite a la connaissance infaillible. qui est pour some ce n’est pas each le jour vous pourriez obtenir bon marché lumière du
    soleil les lunettes finalisé par Marc Jacobs.

    Rispondi

  20. Carrera pas cher Dice:

    beaucoup de lot de a plus que 300 . Il had a été fait de la publicité pour comme de 60 ans toutefois à l’attente quelque chose comme 20 les ans, 80 déterminer le starting du sien awesome Le fera. Just reste le choice de couleur ou peut-être version, and alors choisir et aussi agonisant as références. qui est pour certain ce n’est pas chaque seul le jour
    vous trouve bon marché la soleil les lunettes signé par Marc
    Jacobs.

    Rispondi

  21. http://ctbonline.com.br/ Dice:

    Ces de carrera de lunettes de soleil bon marché sous-tendent développé pour
    moteur arbore these comme l’auto courant. That j’ai prêt mon devoir pour partager avec vous
    ceci bon arrange qui pouvoir sent a trouvé just en ligne, donc l’apprécier avant il j’en fait plus tard Il pouvoir essaie être stupide
    pour passer le Ceci provide.

    Rispondi

  22. dslr photography tips Dice:

    However, this will be more like a method
    of expressing yourself and also channelling your
    creativeness through the even pictures you have seized.
    Doing which will just make sure your only have pictures of Uncle Bob creating silly faces,
    or perhaps of the customer at your wedding day that your
    particular nephew grew exclusively partial in order to.
    Though professional gear definitely produces fantastic images, taking select precautions
    often helps produce really good mountain surroundings actually after one particular basic online cameras.
    feel it boudoir photography, model photography
    or traditional marriage photography – good photography
    capturing the genuine essence of the human being is often in vogue.

    Rispondi

  23. ark-pat.com Dice:

    en outre lorsque votre sont vraiment un Chercher à obtenez une attente de a négocier traiter.
    aidés par laaide de amagazine de mode les filles peut
    conscientde la dernière fashions comme partie
    defashion même s’ils sontont A concernantle designs qui aura certainement montereux. ananas clips eu c’estnom pas de sa forme toutefois
    après le shapedes cheveux après votre finalementusure il.

    Perspex eten plastique clair on conçu pour essayer d’être et léger. certains les photographes professionnels serait choisir la photographie college classes viaphotographie de mode afin de tout apprentissage onle rubrique.

    Rispondi

  24. exercise for face Dice:

    Woah! I’m really digging the template/theme of this website.
    It’s simple, yet effective. A lot of times it’s tough to get that “perfect balance” between superb usability and visual
    appearance. I must say you’ve done a excellent job with this.

    In addition, the blog loads super fast for me on Safari. Excellent Blog!

    Rispondi

  25. basics to bowling Dice:

    My developer is trying to persuade me to move to .net from PHP.
    I have always disliked the idea because of the
    costs. But he’s tryiong none the less. I’ve been using Movable-type on numerous websites for about a year and am worried about switching to
    another platform. I have heard fantastic things about blogengine.net.
    Is there a way I can transfer all my wordpress content into it?

    Any help would be really appreciated!

    Rispondi

  26. Klicken Sie auf diesen Link Dice:

    This design is spectacular! You obviously know how to keep
    a reader amused. Between your wit and your videos, I was almost moved
    to start my own blog (well, almost…HaHa!) Wonderful
    job. I really enjoyed what you had to say, and
    more than that, how you presented it. Too cool!

    Rispondi

  27. omega juicer free shipping Dice:

    I’m excited to discover this website. I wanted to thank you for your time just for this fantastic read!!
    I definitely liked every part of it and i also
    have you saved as a favorite to check out new information
    on your site.

    Rispondi

  28. baby cribs Dice:

    Heello there! This post couldn’t be written any better!

    Reading this post reminds me of my previous room mate!
    He always kept talking about this. I will forward this article to him.
    Fairly certain he will have a good read. Thank you for sharing!

    Rispondi

  29. my injury lawyer Dice:

    You have made some good points there. I looked on the net for more information about the issue and found most people will go along with your views on this website.

    Rispondi

  30. Susannah Dice:

    If you don’t want to using any 3rd party editors you can always make a compass by first digging deep underground for some
    red stone and iron ore. It is a famous sandbox game that gives you a chance to explore new possibilities and create things that has
    never been seen before. Theres no huge set-up as well as navigation process,
    you just get into it, learn the controls Minecraft Top quality Account
    Generator away a person go.

    Rispondi

Trackback/Pingback

  1. Fiscal Compact – L’Italia verrà rasa al suolo. Non è pessimismo, è matematica « Martino Massimiliano Trapani, MD - 11 febbraio 2012

    [...] DA PENSARE LIBERI NEWS [...]

  2. ORA PARLO IO: La Sinistra e l’Europa – Prima parte | Pensare Liberi News - 23 febbraio 2012

    [...] il Pareggio di bilancio (fiscal compact) che si vuole introdurre nella Costituzione, lo Stato non potrà più spendere moneta per i propri [...]

  3. Summit Modern Money Theory Rimini – Rolling Stone Magazine intervista Paolo Barnard | Pensare Liberi News - 28 febbraio 2012

    [...] Fiscal Compact – L’Italia verrà rasa al suolo. Non è pessimismo, è matematica [...]

  4. Paolo Barnard e Paola Musu denunciano il Golpe Finanziario mettendoci la faccia | Pensare Liberi News - 11 aprile 2012

    [...] Fiscal Compact – L’Italia verrà rasa al suolo. Non è pessimismo, è matematica [...]

  5. Uscendo dall’euro, svalutazione e altri vantaggi. Si può fare! | Pensare Liberi News - 10 maggio 2012

    [...] Fiscal Compact – L’Italia verrà rasa al suolo. Non è pessimismo, è matematica [...]

  6. L’Avv. Paola Musu li ha denunciati tutti e fa sul serio. Grande partecipazione popolare. | Pensare Liberi News - 18 maggio 2012

    [...] Fiscal Compact – L’Italia verrà rasa al suolo. Non è pessimismo, è matematica [...]

  7. Fuoriuscita dall’Euro: è questione di logica | Pensare Liberi News - 4 giugno 2012

    [...] Fiscal Compact – L’Italia verrà rasa al suolo. Non è pessimismo, è matematica [...]

  8. Quando Floris a Ballarò terrorizzava gli italiani con le agenzie di rating | Pensare Liberi News - 13 giugno 2012

    [...] Fiscal Compact – L’Italia verrà rasa al suolo. Non è pessimismo, è matematica [...]

  9. Capiamo insieme cosa è la Modern Money Theory (MMT) | Pensare Liberi News - 4 ottobre 2012

    [...] Fiscal Compact – L’Italia verrà rasa al suolo. Non è pessimismo, è matematica [...]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.659 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: