Il crimine orribile


I fatti di Brindisi, i sospetti verso le organizzazioni terroristiche, la mafia o le varie mafie, l’azione criminale isolata e non, ci obbligano a riflettere.

La scuola è stata annientata, Melissa la ragazzina sorridente, è morta: la sua scomparsa ci ha causato dolore.

E le altre ragazze sopravvissute che dovranno lottare, affrontare ennesimi interventi chirurgici per ricominciare la quotidianità distrutta da un ordigno artigianale?

Mi rivolgo a coloro che hanno progettato questo crimine: ma voi sapete il valore della vita? Io lo so. Voi no. Suppongo che ci siano stati più complici a ideare la strage in quanto una sola persona non poteva trasportare le bombole di gas e nasconderle in un cassonetto.

Voi, chiunque voi siate, avete colpito il futuro che i giovani rappresentano per tutti noi. Forse è anche nostra la colpa: vi abbiamo dato la possibilità di agire come i predatori che nel silenzio della notte possono compiere le loro azioni. In primis, uso il plurale per dire che la colpa sia nostra, non posso escludere nessuno.

Se penso che oggi 1 minore su 4 è a rischio povertà, vale a dire vive in famiglie a basso reddito…e ciò è il dato più negativo degli ultimi 20 anni. Ed avverto tra la gente, il disagio, la paura del futuro, l’ansia di non farcela.

Dal dopoguerra ad oggi, la cementificazione delle menti di alcuni politici ci ha condotto verso la catastrofe. La politica in questo Paese ha sempre obbedito al clientelismo.

Baudelaire scriveva che “scopriamo un fascino nelle cose ripugnanti”.

P.P.Pasolini affermava che “l’uomo è sempre stato conformista. La caratteristica principale dell’uomo è quella di conformarsi a qualsiasi tipo di potere”.

Questo suo pensiero si ricollega al nostro vivere tra paura e rassegnazione. Tutti noi ci stiamo relegando nel conformismo assoluto. Ne sono avvilita.

La bomba

Le onde del tempo
mi hanno trafitto.
Il mio cuore straziato
vaga nell’oblio.
Quella bomba
ha cancellato i sogni.
L’esplosione ha infierito
su quelle anime
pronte alla vita.
Una vita ora schiacciata,
una vita che
mi ha colpito,ma
che amo.

Rosa Mannetta

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

DIVENTA NOSTRO FAN SU FACEBOOK E SOSTIENICI DIFFONDENDO
Software Gestionale Pubbliche Assistenze

About Rosa Mannetta

Mi chiamo Rosa Mannetta e sono una malata di cancro in follow-up da tre anni. Ho affrontato la chemioterapia a bersaglio molecolare e dopo cure devastanti, sono qua a raccontare situazioni inenarrabili. Insegno lingua italiana agli stranieri. Assumo dei farmaci che mi rendono stanca, con una notevole astenia e spesso mi devo assentare, con la decurtazione dello stipendio, come tutti i dipendenti pubblici. Ciò mi succede perchè le commissioni mediche non mi hanno riconosciuto l’art. 33 della legge 104 del 1992 e ho solo l’art. 21, cioè non sono sottoposta a trasferimenti. Sono la portavoce di tanti miei amici malati di cancro e mi hanno detto che devo segnalare la situazione dell’abbandono in cui viviamo, della dignità negata, dei pregiudizi espressi e non, della mancanza di affetto delle persone che dovrebbero esserci vicine. E’ da tempo che descrivo questa situazione, ma sono una voce che muore nel deserto delle coscienze, delle sensibilità inermi. Noi malati sopravvissuti, siamo dei naufraghi in balia del vento, su una zattera improbabile. Siamo in un periodo di grande crisi istituzionale, ma noi non possiamo essere cittadini di un Paese che non considera le nostre rivendicazioni. Forse ho sbagliato a sottopormi a 8 cicli di chemioterapia e a 40 sedute di radioterapia…. Chissa’…..

Vedi tutti gli articoli di Rosa Mannetta

Iscriviti

Subscribe to our RSS feed and social profiles to receive updates.

One Comment su “Il crimine orribile”

  1. Luigi Orsino Says:

    Il recente passato italiano è stracolmo di crimini abominevoli. Quasi tutti “delitti di stato” progettati e commessi per orientare l’opinione pubblica in un verso o in un altro. Insomma la vita umana usata per muovere l’ago della bilancia del contesto storico, uno svilimento intollerabile. Ancora più insopportabile quando a porre in essere sanguinosi piani eversivi non sono isolate bande di sedicenti “terroristi” ma organi dello Stato (servizi segreti ed altri) che di norma dovrebbere difendere la nostra vita e garantire la nostra sicurezza. Sono passati alcuni decenni da quei fatti ma nulla è cambiato. L’unica vera modifica è nei metodi, fino ad oggi, non più apertamente cruenti ma sicuramente pregni di una medesima carica distruttiva. Nel momento in cui gli italiani danno segnali di insofferenza verso la politica, ed i mafiosi che la gestiscono, essi vengono affamati, la loro dignità viene apertamente e sfacciatamente calpestata. Con arroganza il potere fa sentire il peso del pugno di ferro. Indubbiamente molti, di noi gente comune, saranno disposti ad accettare il ricatto pur di tornare ad una normalità, fatta di schiena prona ma anche di tranquillità. Altri non accetteranno il compromesso, altri vorranno riscuotere il prezzo degli insulti subiti, dei nostri simili spinti al suicidio, del dolore di chi è costretto ad ascoltare i propri figli chiedere pane e non poter fare nulla. Spero che, questa volta, gli italiani serbino il ricordo delle offese subite e ne chiedano ragione.
    Luigi Orsino

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.685 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: