EROI QUOTIDIANI


Confesso, tante volte, da ragazzo e non solo, ho sognato di essere un fulgido eroe dalla corazza lucente. Partecipare all’ultima carica di cavalleria dei polacchi contro i panzer nazisti, essere al fianco di Leonida alle Termopili o il protagonista di “Per chi suona la Campana” di Ernest Hemingway, tutti eroi votati alla morte, ovviamente, in una sorte di sacrificio catartico col quale riscattare la mediocrità del genere umano.

Poi, come sempre, il tempo aiuta la comprensione, l’esperienza insegna a guardare le cose sotto una luce diversa, sicuramente meno romantica ma decisamente più reale. I grandi eroi sono come candele che bruciano contemporaneamente da entrambi i lati, fasci di luce fortissimi sparati nel buio assoluto, sicuramente bellissimi da vedere e splendide idee di cui innamorarsi, ma ai fini della storia del genere umano costituiscono solo un breve effimero istante che quasi mai modifica il realizzarsi degli eventi.

La Storia, quella vera, con la “S” maiuscola è ben diversa, ha un andamento assolutamente minimalista, la Storia è fatta non da intensissimi e rarissimi fasci di luce ma da tante, milioni, miliardi di piccole insignificanti lucciole che con il loro tenue bagliore tracciano la strada che tutti noi poi seguiamo.

Non intendo inoltrarmi in elucubrazioni filosofiche, in cui potrei facilmente  trovare riparo, ma in fatti ed eventi tangibili che tutti noi abbiamo sotto gli occhi e che a volte guardiamo senza vedere. Sono eroi i nostri militari che all’estero, in zone di guerra ad alto rischio, cercano di portare aiuti e conforto a popolazioni torturate dalla guerra, a gente ostile che spesso neanche comprende il significato di umana solidarietà che gli viene offerta, forse perché non rientra nella loro mentalità, quasi a livello genetico, eppure questi anonimi eroi ogni giorno compiono il loro dovere. E il loro dovere è aiutare ma anche cercare di restare vivi perché a casa hanno moglie e figli che attendono il loro ritorno.

Eroi sono i padri di famiglia che ogni giorno si spaccano la schiena per quel poco che permetta alla  famiglia di vivere, sopravvivere in qualche caso, e che hanno rinunciato da così tanto tempo ai loro sogni di ragazzi che neanche ricordano più quali fossero.

Eroi sono quei ragazzi che non si lasciano tentare dal facile guadagno e non si lasciano abbagliare dai loro coetanei che, caduti nel baratro della criminalità, spendono e spandono, vestono con capi firmati e guidano auto di lusso, sono eroi perché moralmente tenaci, perché, forse senza neanche rendersene ancora conto, vanno a costituire la nuova società, sono il nostro futuro, il futuro di chi crede nel giusto e vuole che esso si realizzi.

Eroi sono quelle famiglie o persone che non riescono ad arrivare a fine mese e se capita un guaio imprevisto sono costretti a ricorrere agli usurai, perché le banche senza garanzie reali ti ridono in faccia, e poi, come spesso accade, non riescono a pagare il debito gravato da interessi assurdi. Essi già sono eroi per le sofferenze patite, se poi trovano la forza di denunciare gli usurai allora sono grandi veri eroi che mostrano la giusta via a tutti noi.

Lo stesso sono eroi quegli imprenditori che a rischio della propria vita denunciano il racket che gli chiede il pizzo, forse eroi loro malgrado, perché o denunciano o affondano ed a volte denunciano ed affondano ugualmente, eppure essi contribuiscono, con il loro esempio, a moralizzare e bonificare quella parte malata della società, contribuiscono a sottrarre potere alle cosche ed a rendere più vivibile il futuro per i nostri figli.

Eroi sono coloro che volontariamente prestano soccorso ad ammalati e a disagiati, eroi sono coloro che in silenzio soffrono, che ci mostrano con quanta dignità si può sopportare un male che lentamente ti aggredisce e ti trascina via.

L’elenco degli eroi del quotidiano è più che lungo è infinito, piccole fiammelle evanescenti che ci insegnano la strada giusta. Senza onori, senza riconoscimenti, forti solo della consapevolezza di aver fatto il proprio dovere.

Non voglio togliere merito ai grandi uomini, scienziati, poeti, condottieri e tanti, tanti altri, ma resto del parere che la storia sia l’insieme di piccole storie fatte da piccoli uomini.

Vorrei aver dato il mio contributo nel mostrare la via ad altri, ma in realtà sono gli altri che l’hanno mostrata a me, è giusto così.

L’uomo giusto e probo riceve un testimone, che è tenuto a trattenere solo per il tempo necessario a portare a compimento  l’azione rilevante di tutta la sua esistenza, poi il testimone va passato ad altri.

Vogliano perdonarmi tutti coloro che non si riconoscono in questa visione della storia umana.

Chiedo scusa anche alle tante ragazze che aspettano speranzose il principe azzurro, si consolino pensando che i principi azzurri, di solito spariscono il mattino dopo, sono gli onesti lavoratori che mettono su famiglia.

Luigi Orsino

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Software Gestionale Pubblica Assistenza

About Luigi Orsino

Studi di medicina non completati per dedicarmi alla vera grande passione della mia vita: Fare l'imprenditore. Purtroppo sul mio cammino ho incontrato un mostro che si chiama camorra contro cui ho lottato duramente e lungamente. Ancora oggi continuo a lottare, e a subire intimidazioni ed attentati, ma per fermarmi dovranno uccidermi. Ma forse da morto la mia voce si leverà ancora più alta e arriverà ancora più lontana. Il mio cruccio? Dovermi confrontare ogni giorno con lo Stato che solo a parole aiuta chi si ribella ma nella realtà ti consegna alla burocrazia che completa l'opera dei camorristi. Amo scrivere, di tutto: articoli, racconti, romanzi, poesie. Gli animali, tutti, sono miei simili. Adoro guidare, in off road soprattutto.

Vedi tutti gli articoli di Luigi Orsino

Iscriviti

Subscribe to our RSS feed and social profiles to receive updates.

8 commenti su “EROI QUOTIDIANI”

  1. ludwig375 Says:

    articolo semplicemente stupendo…

    Rispondi

  2. Rosa Says:

    Complimenti, Luigi. Andiamo avanti ed entriamo nell’anima dei lettori. Rosa Mannetta

    Rispondi

Trackbacks/Pingbacks

  1. IL DOLORE DEI VINTI | Pensare Liberi News - 10 luglio 2012

    [...] EROI QUOTIDIANI [...]

  2. Di LUIGI ORSINO – IL CORAGGIO DI ESSERE UOMINI | Pensare Liberi News - 27 luglio 2012

    [...] IL DOLORE DEI VINTI EROI QUOTIDIANI [...]

  3. RAPPORTI STATO MAFIA – Un lungo e felice connubio | Pensare Liberi News - 14 settembre 2012

    [...] Di LUIGI ORSINO – IL CORAGGIO DI ESSERE UOMINI IL DOLORE DEI VINTI EROI QUOTIDIANI [...]

  4. Luigi Orsino – LA CAREZZA DEL MALE – Incipit e prologo del mio libro | Pensare Liberi News - 18 settembre 2012

    [...] Di LUIGI ORSINO – IL CORAGGIO DI ESSERE UOMINI IL DOLORE DEI VINTI EROI QUOTIDIANI [...]

  5. PULIZIE DI CASA | Pensare Liberi News - 24 settembre 2012

    [...] EROI QUOTIDIANI [...]

  6. LA CORDA TESA | Pensare Liberi News - 26 ottobre 2012

    [...] EROI QUOTIDIANI [...]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.672 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: