GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI…


In questo preciso momento in cui stiamo scrivendo, migliaia di altri blogger o utenti di Facebook e Twitter stanno rivendicando all’unisono la stessa cosa: IL RISULTATO DEL REFERENDUM POPOLARE E’ NOSTRO! CHE I POLITICI NE STIANO ALLA LARGA!

Questo referendum è già stato un successo nel momento in cui siamo riusciti, tra varie difficoltà e peripezie, a farcelo approvare dopo essere stato oggetto di uno scorporamento dalle scorse elezioni con l’unico intento di non far passare quelle leggi di cui invece oggi si è fatto paladino. Da quel momento l’interesse dei cittadini nei confronti di questa causa popolare è andato via via crescendo e il vettore di comunicazione è stato senza ombra di dubbio la rete.

I media e i politici hanno boicottato questo referendum e in alcuni casi si sono registrati veri e propri tentativi di sabotaggio.

Man mano che nella rete cresceva la passione per la causa referendaria, alcuni politici, appartenenti a svariati partiti, hanno iniziato a fare l’unica cosa che gli poteva riuscire di mestiere: strumentalizzare il referendum a loro uso e consumo!

Sempre molto subdolamente hanno iniziato a strisciare fuori dalle tane alcune facce da bronzo dall’indicibile condotta politica, come del resto tutta la classe politica di questo paese e che nessuno per favore ci accusi di qualunquismo…

Questi esseri, non capendo bene che cosa stesse veramente facendo muovere milioni di cittadini, hanno iniziato ad abbozzare delle ipotesi per vedere le risposte del popolo italiano attraverso la rete: “è contro Berlusconi.. no??”, “è contro le privatizzazioni, si… NO??”, “perché quello che è successo a Fukushima non succeda mai più… eh??”, “l’acqua… si l’acqua è di Dio e deve essere pubblica, o la volete privata? Ditemi quello che devo fare e io lo faccio” – sembravano tanti “Pino la Lavatrice“!

L’unico modo per “comprendere”, ma non sicuramente condividere, ciò che a noi cittadini stava frullando nella testa era quello di fare da basisti ed entrare direttamente nella rete! Bersani, Rosy Bindi, Richi Vendola, li abbiamo visti fare capolino con facce sorridenti dapprima su Facebook e poi su Twitter. Twittavano con noi, in mezzo alla gente… ma che bello! Peccato che tutte le loro pagine su Facebook non dessero la possibilità di commentare, molto stranamente. Strano anche come, statisticamente parlando, tutte le persone che conosciamo personalmente hanno mandato almeno un VAFFANCULO via Twitter a questa gente, ma loro, con diplomatico fair play non hanno dato cenno di aver colto e il messaggio che hanno cercato di dare è stato il solito mistificato e rivoltato senso della realtà “nessuno ci manda a fare in culo su Twitter”. Ci permettiamo di abusare per un istante della vostra fantasia: ma ve lo immaginate Bersani che apre Twitter e chatta con 110 ragazzi sul canale @italia110? Di sicuro sappiamo che almeno 110 vaffanculo gli siano arrivati! E La Bindi che mette sapientemente i cancelletti # per le parole chiave e inserisce “short url” con frasi brevi da messaggini sms??? E’ un quadretto alquanto esilarante, non trovate anche voi?

Siamo d’accordo con Marco Travaglio e Beppe Grillo quando dicono che la storia di questi referendum vede sconfitti per definizione tutti gli esponenti del governo di centro destra, ma vede altresì sconfitti per comportamento squallido e sleale, oltre che impudente, tutti gli esponenti del PD… le vere e uniche facce da bronzo del momento. Almeno i delinquenti del nostro governo sono stati coerenti! Hanno boicottato il referendum sino a qualche ora prima della chiusura dei seggi (però non hanno resistito… l’abitudine a essere viscidi è stata più forte di loro).

Ci teniamo a precisare che quando utilizziamo il termine delinquenti per definire esponenti della politica e non solo, lo facciamo con la più pura e imparziale accezione giuridica. Costoro sono cittadini che delinquono… dicasi delinquenti.

Ora che noi cittadini abbiamo dato prova di forza sociale e democratica letteralmente sfondando il quorum, è ovvio che le conseguenze a breve e a medio termine precipiteranno! Il governo dovrà rivalutare la sua presenza in parlamento e il presidente del consiglio si dovrà dimettere. Ma questi non sono che i primi passi di una vera e propria rivoluzione democratica, nei confronti della quale PD, PDL e vari, non saranno altro che gli antagonisti di questa rivolta. Ora il futuro del nostro paese è nelle nostre mani e prima di affidarlo a qualcuno che ci rappresenti crediamo proprio che ne passeranno di “fatti sotto ai ponti”.

Se andiamo ad aprire Twitter in questo momento vediamo cittadini che sventolano dati di democrazia! Non ho letto nessun “Berlusconi vattene” ne tantomeno nessun “Bersani vieni” (se non minacciosamente parlando!). Si leggono tweet di battaglia democratica: “Regione Lazio la migliore con il 59%, Molise supera il 60%…”. E’ meraviglioso e per la prima volta proviamo tutti insieme un senso collettivo di felicità! Tra noi redattori di “Pensare Liberi” abbiamo anche un Campano doc, Marco Cutolo, una delle mani di questo post, il quale ci fa notare che le percentuali apparentemente “basse” di affluenza alle urne di Calabria e Campania (49%), in realtà, sono da leggere come un dato relativamente molto positivo in quanto la rete, internet, è stato l’unico vero strumento di propaganda elettorale e proprio in queste due regioni la percentuale di penetrazione di internet è molto bassa. Quindi noi ci accodiamo ai tanti che hanno dato onore al popolo Calabrese e al popolo Campano per aver compiuto una grande impresa democratica!

Dobbiamo ammetterlo, la tentazione è troppo forte, quindi vorremo concludere sparando un po’ a raffica sulla croce rossa:

Sul governo non crediamo valga la pena di sprecare fiato trovandosi questo già democraticamente sepolto.

Su Bersani, sinceramente, crediamo che Beppe Grillo e Marco Travaglio lo stiano già sbugiardando da settimane facendone venire fuori un quadro viscido e inquietante paragonabile solo a quello dell’attuale presidente del consiglio.

Vorremo sprecare invece due parole per la Sig.ra Rosy Bindi che da giorni si scatena su Twitter come se fosse una ragazzina e una nostra grande amica di chat e che in questo momento sta commentando su Rai 3 il risultato elettorale del nostro referendum, vomitando perle di democrazia.

Sig.ra Bindi, si ricorda di quando era ministro della sanità? Ecco, cortesemente, prima di aggiungere altro ai suoi comizi sulla democrazia e sulla giustizia, le dispiace fornirci i nomi e i cognomi di chi le commissionò, a suo tempo, il sabotaggio del metodo anti-cancro del Prof. Di Bella e il conseguente pestaggio mediatico?! Ci sa dire quante ASL ANCORA OGGI stanno rimborsando le relative spese mediche a quei pazienti che scelgono la cura del Prof. Di Bella tenendo all’oscuro di questo la popolazione? Ci sa dire quanti milioni di bambini muoiono ogni anno di tumore e quanti di questi ne ha sulla coscienza fino a che il buon Dio la farà vivere? Se potessimo la condanneremo sicuramente a vivere in eterno!! Con questo Sig.ra Bindi è tutto e le auguro buon dibattito e la lascio ai tweet dei sui cari e amati concittadini!

Approfittiamo per ringraziare l’onorevole Di Pietro per l’impegno politico dimostrato, almeno in questo frangente referendario (ma stia sempre molto bene attento a quello che fa perchè lo teniamo d’occhio, siamo un po’ prevenuti sui politici…), così come ringraziamo Beppe Grillo per l’impegno costante profuso negli ultimi 15 anni affinché il popolo italiano riacquistasse oggi 13 Giugno 2011 una coscienza sociale democratica e solidale!

Concludiamo chiedendo, dapprima educatamente, a tutti i politici italiani e alle loro mafie, a tutte le istituzioni, a tutti i giornali e finti giornalisti venduti, di farsi da parte… perché ora noi cittadini abbiamo di che lavorare, dobbiamo decidere del futuro del nostro paese e di quello dei nostri figli…

Auguriamo a tutti i nostri lettori tanta felicità.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Referendum 12 e 13 Giugno 2011… PORTIAMO A CASA IL RISULTATO!

Referendum. Le ragioni del SI, le ragioni del NO e le ragioni del POPOLO SOVRANO

Referendum 12 e 13 Giugno: test di vitalità democratica e volontà di cambiamento!

Ne abbiamo parlato tanto. Ora… ANDIAMO A RAGGIUNGERE QUESTO QUORUM!!!

Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook…

La vecchia politica sta morendo. La nuova politica avanza, ma attenti a impostori e sciacalli!

Pensavo fosse rivoluzione… invece era un calesse. E ora? PROGRAMMA ATTUATIVO.

————————————————————————–

Da oggi anche su Facebook: Diventa nostro fan qui!

Annunci
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Informazioni su Luca Rivoli

Pensare di nuovo da persone libere per ritornare a essere liberi.

Vedi tutti gli articoli di Luca Rivoli

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

24 commenti su “GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI…”

  1. Angelo Corsato Dice:

    Come al solito chiari e pungenti… CI SERVE QUESTA SCHIETTEZZA. GRAZIE!!!

    Rispondi

  2. Miglio74 Dice:

    STATE DIVENTANDO SEMPRE PIU’ “CATTIVI”!
    O siete solo più incazzati? Complimenti 😉

    Saluti

    Rispondi

  3. antonio miclavez Dice:

    perchè non si organizza un referendum per
    – uscire dalla CE e
    – creare una moneta italiana di proprietà dei Cittadini, non delle banche e
    – ricusare il debito pubblico (tanto è impagabile matematicamente)
    La nostra economia ripartirebbe immediatamente.

    Rispondi

  4. funfacebookgames Dice:

    pensareliberi.com is my top site, i love to read it
    [url=http://www.facebook.com/pages/Best-top-10-games/183623295024386]fun facebook games[/url]

    Rispondi

  5. legalsteroids Dice:

    I like pensareliberi.com , bookmarked !

    [url=http://www.facebook.com/pages/Prohormones-legal-steroids/108200189272195]legal steroids[/url]

    Rispondi

  6. buyprohormones Dice:

    pensareliberi.com is cool !
    protein whey
    [url=http://topmusclesupplements.org]prohormones for sale[/url]

    Rispondi

  7. play-poker Dice:

    So much useful content here, pensareliberi.com bookmarked !
    [url=http://www.youtube.com/watch?v=bUxigtGoCNE]poker online[/url]

    Rispondi

  8. forex-trading Dice:

    Now pensareliberi.com is one of my fav sites
    [url=http://www.youtube.com/watch?v=ZdlC81PqBbc]eToro[/url]

    Rispondi

Trackback/Pingback

  1. Pensavo fosse rivoluzione… invece era un calesse | Pensare Liberi - 23 giugno 2011

    […] In questo articolo (GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI…) avevamo riversato tutte le nostre speranze per il dopo referendum e avevamo già iniziato a proporre delle attività concrete, ma purtroppo tutto tace. C’è una calma piatta apparente davvero spettrale in questo paese. Famiglie buttate in mezzo a una strada perché sfrattate o cacciate via da una casa pignorata e venduta che vivono in macchina e non leggeranno queste parole perché non hanno nemmeno più internet per potersi coordinare in una rivoluzione. Famiglie italiane che stanno ritornando a mangiare i gatti per le strade e Beppe Grillo fa un balzo indietro di 10 anni e parla dello scandalo della caccia e di quei delinquenti che insegnano a cacciare! Forse è il caso di fare dei corsi di cacci tra un po’, non pare anche a voi? Potete scrivercelo nei commenti se diciamo qualcosa di poco sensato. Siete liberi, il blog è al servizio dei lettori. […]

  2. Da Twitter il tam-tam della Rivoluzione. Diamole voce per tutti noi! | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    […] GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI… […]

  3. COMUNICATO 09/07/2011 – Iniziativa N°1 | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    […] GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI… […]

  4. Le ragioni del SI, le ragioni del NO e le ragioni del POPOLO SOVRANO | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    […] GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI… […]

  5. La vecchia politica sta morendo. La nuova politica avanza, ma attenti a impostori e sciacalli! | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    […] GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI… […]

  6. Pochi hanno capito Beppe Grillo, per questo ha smesso di affrontare alcuni temi davvero importanti. Vediamo quali. | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    […] GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI… […]

  7. Riprendiamoci ciò che ci spetta… primo post… | Pensare Liberi - 19 settembre 2011

    […] GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI… […]

  8. Referendum 12 e 13 Giugno 2011… PORTIAMO A CASA IL RISULTATO! | Pensare Liberi - 19 settembre 2011

    […] GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI… […]

  9. Referendum. Le ragioni del SI, le ragioni del NO e le ragioni del POPOLO SOVRANO | Pensare Liberi - 19 settembre 2011

    […] GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI… […]

  10. Beppe Grillo sotto l’attacco mafioso dei media. Tocca a noi tutti difenderlo. Glie lo dobbiamo! | Pensare Liberi - 19 settembre 2011

    […] GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI… […]

  11. Referendum 12 e 13 Giugno: test di vitalità democratica e volontà di cambiamento! | Pensare Liberi - 19 settembre 2011

    […] GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI… […]

  12. Ne abbiamo parlato tanto. Ora… ANDIAMO A RAGGIUNGERE QUESTO QUORUM!!! | Pensare Liberi - 19 settembre 2011

    […] Subscribe to our RSS feed and social profiles to receive updates. ← Michele Santoro: come compromettere 30 anni di carriera sottovalutando la rete e non solo… GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI… → […]

  13. Post referendum, la politica si ricicla sulla rete! Cacciamoli via da Twitter e Facebook… | Pensare Liberi - 19 settembre 2011

    […] GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI… […]

  14. La vecchia politica sta morendo. La nuova politica avanza, ma attenzione agli impostori | Pensare Liberi News - 23 aprile 2012

    […] GIU’ LE MANI DAL REFERENDUM POPOLARE! ORA TOCCA AI CITTADINI… […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: