No TAV, Anti Equitalia, Rifiuti a Napoli, 600 Sfratti al Giorno… è Rivoluzione.


Carissimi lettori tutti,

questo articolo è dedicato solo a voi. In questi giorni abbiamo un forte riscontro da parte vostra: sul blog quali visitatori, quali commentatori, moltissime email, commenti su Facebook e Twitter. Non possiamo tecnicamente rispondere a tutti specificamente email per email o messaggio per messaggio, così abbiamo deciso di essere noi, questa volta, a scrivere a voi.

Stiamo ricevendo consenso, sostegno e apprezzamento per il nostro lavoro e in misura di gran lunga superiore alle aspettative. Stiamo inoltre stabilendo un rapporto di stima reciproca.

Entriamo però nel vivo di questa lettera.

Per nostra natura personale, parlo dei redattori, e per natura, missione e scopo del blog, abbiamo una propensione, per non dire un debole, nei confronti di tutti coloro che hanno il coraggio di esprimere le proprie opinioni, soprattutto quelle scomode e non di tendenza.

In questi giorni non abbiamo avuto il tempo di redigere nuovi articoli a causa delle gravi emergenze popolari e democratiche in atto. Emergenze che non possono essere ignorate e alle quali bisogna dedicare tutte le nostre energie.

In particolare ci teniamo a condividere con tutti voi questa riflessione, affinchè l’inevitabile rivoluzione alle porte non sia oggetto di opinioni controverse tra noi concittadini ne causa di divisioni ideologiche.

Ci teniamo a dirvi che se noi del blog siamo qui, se altri blog come il nostro stanno nascendo e se il mondo politico occidentale, così come lo conosciamo, sta crollando è proprio perché il sistema è arrivato a un punto di insostenibilità per tutti (governi inclusi, mafia inclusa, cittadini inclusi). Il popolo in generale sta vivendo in una profonda depressione e sociale ed economica, ma anche morale e naturale. E’ ovvio che l’aria è quella della Rivoluzione. Vediamo l’Islanda che l’ha già compiuta, osserviamo la Spagna che la sta compiendo, all’interno della nostra Italia ci sono regioni come la Sardegna la quale inizia a pensare alla via dell’indipendenza, la Grecia è all’inizio di una guerra civile, in medio oriente è guerra civile e molto altro ancora accade all’interno del nostro sistema. Gli storici sono pronti a levare finalmente e dopo decenni le ragnatele a penne e calamai.

Se pensiamo che in Italia si attuano, democraticamente e seguendo le leggi dello stato eletto dal popolo con tanto di maggioranza e opposizione, camera e senato, si attuano, dicevamo, oltre 600 sfratti di famiglie al giorno in confronto alla media di 200 sfratti al giorno dello scorso anno. Se pensiamo ai soprusi del fisco e di Equitalia la quale è stata definita il nuovo “Killer della Sardegna”, se pensiamo alla situazione dei rifiuti a Napoli e allo stato di legge marziale nel quale vive l’intera Val di Susa (la TAV non ha nulla a che vedere con quello che sta accadendo ai nostri concittadini lassù!)

Sta cambiando qualcosa e questo qualcosa non può rispondere, fisiologicamente parlando, alle leggi democratiche ufficiali, ma necessariamente a quelle dell’etica e della morale che si sta ricreando nei popoli.

Nella storia è sempre successo così. Il popolo inizia a riconoscere un governo ideale che è solo nella sua testa e facendo questo è un popolo rivoluzionario. Non si può negare, non serve a nulla chiudere gli occhi e non guardare come fanno i neonati che giocano a nascondino, ormai siamo inarrestabilmente in piena fase storica di Rivoluzione del sistema. E’ successo più volte solo nell’ultimo secolo.

Noi siamo qui per fornire le informazioni e le conoscenze a tutti quei cittadini attivi, sempre in crescita, per fare da supporto ideologico informativo, insieme a tanti altri, a questo cambiamento. Esistiamo in funzione di questo.

Quello che sta accadendo è un fenomeno, dicevamo, inarrestabile e la lente con la quale molti come noi o come Beppe Grillo e altri guardano le cose, non è la lente del diritto ufficiale, del codice civile e del codice penale, della camera o del senato, ma quella di un popolo e di una consapevolezza entrambi crescenti e che stanno iniziando a cambiare le cose.

Hanno luogo continuamente ingiustizie abominevoli che vengono compiute nei confronti dei cittadini e tutte queste vengono attuate seguendo le leggi del parlamento e della democrazia. Gli accordi tra stato e industrie farmaceutiche per la privatizzazione della salute, il che significa che sono le industrie farmaceutiche che decidono come, quando e in quanti farci morire… e non è fantapolitica, ne abbiamo parlato qui.

Il nostri governi di DX o SX, votati dal popolo sempre democraticamente, hanno svenduto la nostra sovranità monetaria in cambio di una privatizzazione della moneta a favore di SPA che altro non sono che il frutto del marcio della nostra politica che ci ha ridotto a vivere in un sistema del debito, svendendo di fatto il nostro territorio,  le nostre vite e il futuro dei nostri figli, senza scrupolo alcuno.

La rivoluzione non rispetta le regole e le leggi, altrimenti non sarebbe rivoluzione, ma “sciopero” o “manifestazione”.

Ci aggiorneremo sul blog, ci coordineremo su Facebook e Twitter. Seguiteci.

Buon inizio di Rivoluzione a tutti e abbiate cura di voi stessi.

La Redazione

Giorgio Fiore

Luca Rivoli

Barbara Ciocche

Marco Cutolo

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

No TAV, bollettino di guerra dalla Val di Susa. Se è il governo a essere “anarchico”?

TAV, alta velocità Torino-Lione. Capiamo insieme, poi prendiamo posizione.

NO TAV. Ora ogni manifestazione è la più importante della nostra vita e ognuna è come se fosse l’ultima!

Le ragioni del SI, le ragioni del NO e le ragioni del POPOLO SOVRANO

————————————————————————

Da oggi anche su Facebook: Diventa nostro fan qui!

Annunci
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Informazioni su Luca Rivoli

Pensare di nuovo da persone libere per ritornare a essere liberi.

Vedi tutti gli articoli di Luca Rivoli

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

14 commenti su “No TAV, Anti Equitalia, Rifiuti a Napoli, 600 Sfratti al Giorno… è Rivoluzione.”

  1. Monsieur en rouge Dice:

    Non sono d’accordo proprio su tutto (per esempio non credo che Beppe Grillo sia interprete di chissà quale sistema di valori o modo alternativo di vedere le cose, e non penso che la rivoluzione sia già alle porte), ma l’articolo complessivamente lo condivido: la vita è più importante della legge, e quando arriva la rivoluzione è difficile farla restare tra gli argini.

    Rispondi

Trackback/Pingback

  1. Le ragioni del SI, le ragioni del NO e le ragioni del POPOLO SOVRANO | Pensare Liberi - 5 settembre 2011

    […] Sfratti, Sgomberi coatti, Sovranità monetaria, Diritto alla casa, Reddito minimo di cittadinanza, Rifiuti in Campania e molto altro […]

  2. Sgomberi e sfratti, è grave emergenza sociale: in Italia oltre 700 al giorno! [AGGIORNATO] | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    […] No TAV, Anti Equitalia, Rifiuti a Napoli, 600 Sfratti al Giorno… è Rivoluzione. […]

  3. Napoli – 17 famiglie sgomberate da un vecchio asilo abbandonato. E’ abominio sociale! | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    […] Sgomberi e sfratti, è grave emergenza sociale: in Italia oltre 700 al giorno! [AGGIORNATO] | Pensar… […]

  4. Pensavo fosse rivoluzione… invece era un calesse. E ora? PROGRAMMA ATTUATIVO. | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    […] No TAV, Anti Equitalia, Rifiuti a Napoli, 600 Sfratti al Giorno… è Rivoluzione. […]

  5. Da Twitter il tam-tam della Rivoluzione. Diamole voce per tutti noi! | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    […] No TAV, Anti Equitalia, Rifiuti a Napoli, 600 Sfratti al Giorno… è Rivoluzione. […]

  6. NO TAV. Ora ogni manifestazione è la più importante della nostra vita e ognuna è come se fosse l’ultima! | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    […] No TAV, Anti Equitalia, Rifiuti a Napoli, 600 Sfratti al Giorno… è Rivoluzione. […]

  7. TAV, alta velocità Torino-Lione. Capiamo insieme, poi prendiamo posizione. | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    […] No TAV, Anti Equitalia, Rifiuti a Napoli, 600 Sfratti al Giorno… è Rivoluzione. […]

  8. No TAV, bollettino di guerra dalla Val di Susa. Se è il governo a essere anarchico? | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    […] Subscribe to our RSS feed and social profiles to receive updates. ← La vecchia politica sta morendo. La nuova politica avanza, ma attenti a impostori e sciacalli! No TAV, Anti Equitalia, Rifiuti a Napoli, 600 Sfratti al Giorno… è Rivoluzione. → […]

  9. ”No agli usurai”: oggi a Roma contro Equitalia SPA e le banche | Pensare Liberi - 18 settembre 2011

    […] No TAV, Anti Equitalia, Rifiuti a Napoli, 600 Sfratti al Giorno… è Rivoluzione. […]

  10. Equitalia S.p.A. – Lo “Stato” e il sistema del debito. Un affare da miliardi di euro… | Pensare Liberi - 20 settembre 2011

    […] No TAV, Anti Equitalia, Rifiuti a Napoli, 600 Sfratti al Giorno… è Rivoluzione. […]

  11. La lotta pacifica delle popolazioni NO TAV – Peccato sia a senso unico | Pensare Liberi News - 24 ottobre 2011

    […] No TAV, Anti Equitalia, Rifiuti a Napoli, 600 Sfratti al Giorno… è Rivoluzione. […]

  12. Equitalia S.p.A. – Lo “Stato” e il sistema del debito. Un affare da miliardi di euro… (da pensareliberi.com) « l u c a t l e c o - 28 ottobre 2011

    […] No TAV, Anti Equitalia, Rifiuti a Napoli, 600 Sfratti al Giorno… è Rivoluzione. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: