Beppe Grillo non parla più di “signoraggio bancario” e di “cure proibite contro il cancro”. Analizziamo la cosa.


Stephen Hawking, considerato uno dei più grandi scienziati di tutti i tempi, paragonato a Newton, autore di quelle poche scoperte fatte dalla fisica dalla morte di Einstein a oggi, in uno dei suoi saggi scientifici “Dal big bang ai buchi neri” sostiene che ad oggi siano pochi i fisici che hanno veramente compreso la teoria della relatività. Interessante come affermazione no? Eppure è così, una teoria scientifica sviluppata nei primi anni del ’900, alla base della nostra comprensione dell’universo, è stata recepita realmente solo da pochi fisici. Non ci dilungheremo sul perché di questo gap intellettuale, ma lo prenderemo come esempio per denunciare una stranezza altrettanto singolare riguardo al lavoro di Beppe Grillo.

Cosa hanno in comune due personaggi come Einstein e Beppe Grillo? Sicuramente lo spirito ironico e la voglia di cambiare il mondo. Entrambi non sono stati compresi sino in fondo, o meglio, solo pochi li hanno compresi.

Ma veniamo a Grillo: 15 anni fa cominciava la battaglia sociale del comico genovese su temi estremamente scottanti, temi che rappresentano la vera e unica causa di tutto ciò che ci accade di malvagio oggi. Giustamente Grillo ha seguito uno schema logistico/architetturale per costituire la sua corrente, il suo movimento, ovvero partire dalle fondamenta. Eppure ha dovuto, negli anni, abbandonare completamente questo approccio occupandosi di problematiche più superficiali, più alla portata di tutti; per usare parole sue “il popolo non è pronto per affrontare determinati argomenti”.

Di quale argomenti abbandonati stiamo parlando?

Signoraggio bancario è sovranità monetaria

Complotto delle industrie farmaceutiche sulla nostra salute

Ricerca scientifica vera e progresso conoscitivo completamente cancellati e insabbiati

Software Magazzino Tracciabilità Big

Andiamo per punti e partiamo dal Signoraggio bancario e dalla Proprietà della moneta. Grillo 15 anni fa insegnò agli italiani e agli europei cosa fosse il signoraggio bancario, grazie alla super consulenza dello scomparso Prof. Giacinto Auriti con cui Grillo ha intrattenuto rapporti. Oggi sul suo blog è scomparsa ogni traccia e ogni riferimento a questo concetto. Provate a digitare la parola “signoraggio” nella casella di ricerca del blog di Grillo; soli due mesi fa venivano elaborati zero risultati, oggi invece compaiono i commenti dei lettori del blog che hanno parlato di signoraggio. Perchè?

E del complotto delle industrie farmaceutiche sulla nostra salute? Egli parla solo di ciò di cui si può parlare: big pharma, farmaci con effetti indesiderati, storia della Bayer. Bazzecole!

Degli ultimi due punti riguardanti la scienza/conoscenza e la tecnologia, invece, cosa ne è rimasto? Rispettivamente:

1- energie rinnovabili,

2- internet a banda larga per tutti e wifi libero.

Insomma che fine hanno fatto tutte quelle scoperte e quelle inchieste di cui Grillo si è occupato? Perché non ha continuato a divulgare anche a costo della vita queste informazioni al popolo, per liberarlo dalla più grande oppressione invisibile di tutti i secoli?

Inizialmente eravamo convinti che si fosse venduto o che avesse ceduto a pesanti minacce riguardanti la sua vita e quella della sua famiglia, ma poi ci siamo ricreduti almeno per quel che riguarda l’essersi venduto e abbiamo iniziato a capire! Ci siamo semplicemente limitati a osservare le reazioni che seguivano determinate rivelazioni. Grillo ha smesso di affrontare alcuni argomenti perché ha capito che il popolo non sarebbe insorto (infatti non è insorto) e che come da lui stesso affermato, a quanto pare, il popolo “non è pronto per certe verità”.

Facciamo un esempio: se dicessimo che centinaia di migliaia di bambini ogni anno muoiono di leucemia perché affetti da scorbuto subclinico? Se dicessimo che l’aumento esponenziale delle malattie tumorali non dipende affatto dall’inquinamento? Se lo dimostrassimo, qui, ora, cosa fareste? Uscireste fuori a gridare contro il mondo cercando di svegliare le persone, andando nelle scuole a divulgarlo? Creereste associazioni con lo scopo di lottare e sconfiggere queste mostruosità? E nel caso più personale, perdonate la crudezza, in cui nella vostra famiglia foste stati vittime di un lutto per cancro, di fronte a determinate rivelazioni comprovate da pluripremiati Nobel, che cosa fareste?

I fatti hanno risposto a queste domande: fareste esattamente quello che hanno fatto decine di migliaia di spettatori alla fine dei comizi/spettacoli di Grillo, ovvero NIENTE! O al massimo borbottare “ma che roba!”.

Non è così? Allora mettiamoci tutti alla prova proprio su questo tema e proprio ora. Leggiamo attentamente tutto il contenuto di questa inchiesta scientifica: Su cosa si basa il controllo privato della nostra salute da parte delle industrie farmaceutiche? Quale sarà la nostra reazione stavolta? Nell’articolo citato si parla di salute, di giovinezza, di prevenzione di tutti i tipi di cancro (studi sui quali si è basato il Prof. Di Bella e moltissimi altri in tutto il mondo di cui troverete riassunti in alcuni video all’interno dell’articolo). Nell’articolo si parla di studi di famosissimi scienziati tra i quali pluripremiati Nobel. Analizziamo successivamente la nostra reazione, misuriamola e capiremo molte cose. Sapete quale sarà la nostra prima “azione”? Trovarci una scusa pronta, nella quale crederemo ciecamente, sul perchè non usciamo di casa a gridare al mondo che sia noi che i nostri figli non ci ammaleranno più di cancro e che vivremo sino a 120 anni giovani e sani! Perchè ci comportiamo così? Bella domanda. E’ la nostra natura? Speriamo proprio di no. E’ forse la nostra attuale natura deformata e assopita?

Viene da se che nell’eventualità Grillo avesse ricevuto serie minacce di morte (così come da indiscrezioni circolanti in rete) per avere poi come contro parte un popolo che borbotta “ma che roba!” onestamente sarebbe comprensibile una certa frenata nella divulgazione di determinati argomenti. Cosa ne pensate?

Ecco perché oggi Grillo parla di wifi libero. Grillo… costretto anche lui a promettere “chiu’ pilu pe’ tutti!!!” perché questo livello di concetti il popolo li recepisce e soprattutto a questi reagisce indignandosi, mentre con concetti poco al di sopra di questi al popolo va il cervello in tilt. E allora BUNGA BUNGA E CHIU’ PILU PE’ TUTTI!

Qualcuno è furioso con Grillo per aver insabbiato il suo stesso lavoro, per aver abiurato, ma pochi si sono fatti quella domanda in più.

In rete e tra la gente si sentono domande e si percepiscono perplessità riguardo a Grillo, ma facciamo tutti insieme uno sforzo di memoria e di analisi della realtà: il popolo ha ignorato le rivelazioni di Grillo, le ha boicottate e in molti casi denigrate se non addirittura perseguitate. I pochi che non lo hanno fatto… beh, sono pochi… e tra questi c’è chi ha fatto proprie alcune scoperte, divulgandole sui propri siti, blog e social network come se Grillo non ne avesse mai palrato, mischiando poi il tutto con teorie complottistiche alcune delle quali ridicole, non provate, vanificando così tutto e innestando della verità il pericoloso seme del “secondo me”. Non è così?

Tutte le inchieste di Grillo sono in rete, fruibili da tutti e alla portata di tutti, da youtube a vari blogs. E’ tutto li, intatto se non addirittura arricchito da chi ha deciso di portare avanti il lavoro, di continuare a indagare. Quindi?

Ora sappiamo molte cose, ma siamo immobili, paralizzati. Eppure sono state combattute rivoluzioni per molto meno, lo sappiamo tutti, per molto meno.

Ma cosa c’è di peggio del NON RIBELLARSI? … NON RIBELLARSI E CREDERE DI FARLO!

Siamo tutti liberi di pensare, ma pensiamo liberamente?

Anche, o soprattutto, grazie a Beppe Grillo tutti oggi parlano di signoraggio bancario (pochi sono disposti a riconoscergli il merito se non quando c’è da accusarlo di aver smesso di parlarne!), è un esplosione, forse una moda, non si sa bene. Ma la rivolta che ne sarebbe dovuta derivare dov’è?

Henry Ford disse: “Meno male che la popolazione non capisce il nostro sistema bancario e monetario, perché se lo capisse, credo che prima di domani scoppierebbe una rivoluzione”.

Bene, ne parlano tutti, esistono associazioni di divulgazione e informazione, esistono oramai centinaia di libri sull’argomento e ne spuntano sempre di nuovi, non si parla d’altro… insomma… questa rivoluzione tanto paventata da Ford dov’è?

Inoltre c’è da considerare che il signoraggio bancario è sicuramente uno dei grandi mali del nostro sistema, ma che dire della privatizzazione della salute da parte delle industrie farmaceutiche? Che dire dei milioni di morti l’anno in tutto il mondo occidentale a causa del cancro? Grillo può essere definito sempre “il comico genovese”, ma Linus Pauling no, gli sono stati conferiti ben due premi Nobel! Eppure ci “ostiniamo” o ci adagiamo pericolosamente a morire di tumore, noi e i nostri figli… per non voler leggere un libro che si trova in commercio e che troverete in formato PDF in questo articolo che a quanto pare quasi nessuno si sofferma a leggere con la dovuta attenzione pur trattandosi della propria vita e di quella dei propri figli… altro che signoraggio: Su cosa si basa il controllo privato della nostra salute da parte delle industrie farmaceutiche?

Vogliamo credere che tutti noi meritiamo una seconda possibilità. Riproviamoci a parlare dei veri mali che attanagliano la nostra vita e che hanno già compromesso seriamente quella dei nostri figli. Chiediamo anche a Grillo di ricominciare… vedremo se questa volta ci sarà un seguito più congruo. Il lato buono della crisi ci rende più pronti ad affrontare certi argomenti come vanno affrontati?

Comunque vadano le cose con Grillo, noi abbiamo ricominciato ad affrontare con forza determinati argomenti, alcuni dei quali li abbiamo accennati sopra.

Software per la Tua Pubblica Assistenza

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

DIVENTA NOSTRO FAN SU FACEBOOK E SOSTIENICI DIFFONDENDO

Annunci
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Informazioni su Marco Cutolo

Passione per la ricerca e per la comunicazione.

Vedi tutti gli articoli di Marco Cutolo

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

22 commenti su “Beppe Grillo non parla più di “signoraggio bancario” e di “cure proibite contro il cancro”. Analizziamo la cosa.”

  1. Marco Cutolo Dice:


    Per non appesantire l’articolo abbiamo preferito aggiungere un commento di appendice con alcuni dei video più interessanti e altre osservazioni, per ricordarci da dove veniamo noi della nuova generazione di ricercatori della verità.

    Invece di domandarci maniacalmente del perchè Grillo abbia smesso di parlare di alcuni argomenti concentriamoci su ciò che ha detto e sviluppiamolo con serietà e senza cadere in facili complottismi. In fondo Grillo è una persona, una, sola e per cambiare il mondo bisogna essere in tanti, quei tanti che sino ad ora si sono limitati a esclamare “ma guarda te che roba!” a seguito di quanto Grillo ha rivelato e gli stessi oggi lo condannano a comando dei media.
    Ricordiamo che la realtà, quella vera, è fin troppo scabrosa tanto da non aver bisogno di aggiunte sensazionalistiche.

    Beppe Grillo ha affrontato tutti i problemi per cui oggi si vuole scendere in piazza a lottare. A fianco di ogni nozione potete mettere il nome “Beppe Grillo” un po’ come mettere “Wikipedia” al fianco di una chiave di ricerca. Bisogna ammetterlo onestamente. Riportiamo alcuni esempi:

    Beppe Grillo parla di giornalisti e cinesi

    Beppe Grillo parla della scuola dei nostri figli

    Beppe Grillo parla dell’agghiacciante storia della canapa, altro che complottismo!!!

    Beppe Grillo parla del casi Di Bella, farmaci e AIDS, oggi tutto in pasto ai “complottisti”

    Beppe Grillo parla di immagini subliminali, ma attenzione alle frasi “i nemici dei miei figli sono quelli che fingono di volergli bene”

    Beppe Grillo e il Prof. Giacinto Auriti, incolmabile perdita per tutta l’umanità che ha svelato il signoraggio alle popolazioni europee e oltre oceano, come sempre, un italiano.

    Beppe Grillo a reti unificate alla tv tedesca – 04 Marzo 08 – predice la necessità che TV e giornali scompaiano per il bene dell’umanità… e pensare che ci saranno milioni di italiani che imperdonabilmente verseranno nelle tasche di Santoro 10 euro a testa per essere raggirati da un “Emilio Fede” faziosamente libero e finto imparziale.

    A tal proposito invito alla seria presa visione del seguente materiale dal quale si evince in modo sconcertante come Grillo venga strumentalizzato dalla TV con conseguente sgomento di milioni di lettori del blog e del movimento 5 stelle (e di tutte le persone libere): https://pensareliberi.com/2011/06/10/michele-santoro-come-mandare-in-fumo-30-anni-di-carriera-sottovalutando-la-rete/

    In questo video Beppe Grillo ci suggerisce quello che accadrà mediaticamente tramite TV e giornali per la corsa alle nuove poltrone in parlamento. Spegnete le TV e non leggete i giornali, ma auto informatevi.

    Per cambiare le cose bisogna partire dalla realtà VERA la il cui punto di partenza è l’umiltà e la giusta, leale, riconoscenza, stando ben alla larga dalla pericolosa venerazione.

    Come i lettori ben sanno non siamo sostenitori del movimento 5 stelle, ci limitiamo a citare Grillo come fonte di informazioni che hanno cambiato la visione del mondo. Siamo fieri di questo italiano stimato in tutto il mondo, un po’ meno in Italia.
    Per quel che riguarda le ipotesi e le analisi secondo le quali Beppe Grillo sarebbe in qualche modo pilotato da Casaleggio & co rimandiamo, per ora, a validi articoli e video esterni al blog. A noi interessano le informazioni, come detto sopra, per il resto, una volta avute documentazioni, fonti e prove, non esiteremo a parlare del fenomeno che vedrebbe Grillo implicato in manipolazioni e opere di censura, ma questa è una storia a sè.

    Grazie a tutti i nostri lettori.

    La Redazione

    Rispondi

  2. Rita Dice:

    Seguo e mi piace quello che dice Beppe Grillo. Sono certa che il suo improvviso silenzio su certi argomenti sia più che giustificato con il fatto che come già sapevo, ma comunque viene detto anche nell’articolo, il popolo fa enorme difficoltà a capire i mali di cui è vittima per primo.

    Rispondi

  3. Marco Dice:

    Grillo ha improntato tutto il suo cammino sullo svelare le verità più scomode. Se oggi ha frenato riguardo a certi argomenti è solo perchè non si è sentito capito. Ora che ci mostriamo più pronti a andare oltre, chiediamo a Grillo di guidarci verso ciò ci voleva portare da tempo.

    Rispondi

  4. Nicastro Damiano - 97100 Ragusa Dice:

    Le banche finanziano… molte cose. Il motivo per cui Beppe Grillo ha smesso di parlare di signoraggio bancario, lo deve dire lui! Ha abbastanza loquacità e capacità per spiegarcelo, almeno se crede, che noi che lo seguiamo, siamo in grado di capire.

    Rispondi

    • mimmo1968 Dice:

      Io capisco che da grillo ci si aspetti tanto. Però se siamo qui a parlare di signoraggio, di privatizzazione della salute, di complotti delle industrie farmaceutiche, di scuola e educazione, di immagini subliminali della walt disney, della kinder e di mille altre cose lo dobbiamo, a livello europeo, a beppe grillo. A noi lo ha spiegato in italiano nei suoi spettacoli, su youtube etc, all’estero se lo sono fatti spiegare DAL COMICO GENOVESE, con i sottotitoli in inglese, tedesco e spagnolo.
      Per i signoraggio tutto è partito dalla lucidità di Auriti e grillo ha avuto il merito di diffondere su larga scala.
      Ha smesso di parlarne? I motivi non si sanno? Si sospetta maliziosamente, giustamente etc? Ma ora che sappiamo tocca a noi. Tanto grillo ne potrebbe parlare da qui all’eternità e non cambierebbe nulla se ognuno di noi non cominciasse a fare quello che ha fatto lui, con i nostri amici, figli, parenti, a scuola etc.

      Vogliamo sapere perchè ha smesso di parlarne? Forse rimarrà un mistero per l’eternità come tanti di misteri ce ne sono. Ci saranno coloro che impiegeranno forse per svelare questo mistero ed è anche giusto… se solo ci fossero ancora i veri giornalisti con un vero giornalismo investigativo a quest’ora lo sapremmo SICURAMENTE. Ma come ci ha insegnato grillo e ci sta ancora insegnando e noi popolo ancora non abbiamo capito, i giornalisti non esistono più e bisogna staccare la spina a tv e giornali.

      Ma da qui a farne una pregiudicante per stimare o meno grillo a me sembra eccessivo. Sono anni che lo seguo e sono contento che questo articoo faccia chiarezza su molti aspetti in cui mi trovo d’accordo.

      Fermo restando che avere dubbi e voler indagare è lecito, non è lecito infangare a priori senza avere fatti alla mano, questo non è etico ne morale ne professionale. Indaghiamo seriamente, magari grillo se lo aspetta da qualcuno un’indagine seria che metta alla luce quello che lui non può dire. Può essere dico.

      Rispondi

      • Nicastro Damiano - 97100 Ragusa Dice:

        Non mi permetterei mai di gettare fango su Grillo, gli dobbiamo molto!
        Dico solo che dopo averci regalato tante emozioni, tante giuste lotte, adesso dovrebbe essere lui a spiegarci il motivo del suo silenzio, proprio per evitarci pensieri inutili su questo suo silenzio.

        Rispondi

    • Gekos Dice:

      Io sono d’accordo con Nicastro. Dovrebbe almeno provare a spiegarci. Anche se provo a immaginare che non sia facile:
      “signori mi sono fatto comprare dalle industrie farmaceutiche e ho ceduto ai soldi”
      “ragazzi questo ente, questa multinazionale, questa persona, mi ha seriamente minacciato di morte a me alla mia famiglie ed è gente che non scherza”

      Oppure più semplicemente ha già fatto scattare quella scintilla di rivoluzione per cui qualcuno gli ha detto “hai fatto già abbastanza, se vuoi una guerra o un olocausto continua così altrimenti lascia perdere… una volta che il popolo conosce queste cose è fuori controllo e va ripulito”. Fantapolitica? Mah! Può essere.

      Rispondi

  5. Romy Dice:

    Se è vero, come dicono, che non parla più di certi argomenti perché è stato minacciato di morte, a qualcuno dovrà pur averlo detto, e nel caso, avrebbe dovuto renderlo pubblico, perché se tutti lo sanno, è ben difficile che una minaccia possa avere un seguito. E se è vero che parlare non essendo direttamente interessati dalla minaccia è troppo facile, è anche vero che dire non ne parlo più perché la gente non è pronta ad affrontare certi argomenti, è un assurdità alla quale nessuno crede.

    Rispondi

  6. Andrea Cirelli Dice:

    Il cervello, il pensiero si manifesta con costanti paranoie:hai un’idea,un’ipotesi,una reazione, forse hai subìto una frustrazione, forse hai subìto un’aggressività,forse hai subìto un amore. Specifico del cervello è questo:
    1)stabilisce la coazione a ripetere, fa la ripetizione, ripete sempre quello, rivede la stessa scena, ripete le stesse parole. E’ una paranoia, cioè un’idea aggiunta, sovrapposta, sovrastante il cervello, la coscienza. E’ circolare e ossessiva ma si investe di energia emozionale.Gira assorbendo energia,interesse, attenzione e alla fine monopolizza la sensibilità del soggetto in esclusiva direzione di un fatto,di un fenomeno e la fa assente dall’olistico dinamico del contesto della persona, della famiglia, di azienda,sociale, di sport, cioè ti fa assente dall’insieme e ti fissa, ti inchioda solo su un punto, che può essere aggressività o amore, piacere o dolore, è indifferente. Per esempio un giovane si innamora e comincia a vivere questa ossessione che lui chiama amore, che lui chiama passione e vede tutte le cose solo con questo buco, non vede nient’altro, per cui registra tutto il reale in esclusiva ripetizione di questa relazione, di questo fatto, di questa aggressività, di questa passione.
    Quindi le persone vengono consumate in coazione a ripetere con perdita di economia generale e va in regressione.
    2) Si associa a questa ripetizione tutto ci che è fisso, che è statico, quindi i riferimenti di tutto ciò che è infantile:quel tipo di zio, quel tipo di colpa e piano piano l’uomo diventa piccolo,inefficiente,conosce la paura, diventa piccolo dentro di sé e perde la realtà.
    E’ sufficiente anche una preoccupazione, una multa, una qualunque cosa,indifferentemente,il male sta nel fatto che questo fatto viene scelto per monopolizzare l’energia di tutto il soggetto. Questo è specifico del cervello:il fissaggio di una funzione meccanica.
    3) Si cominciano ad avere piccole disgrazie:si rompe la macchina, il telefono non funziona più, si è dimenticato di fare quella chiamata, fa un lavoro e lo strumento cade, ti rompi una gamba, fai un incidente, devi comprare qualcosa e spendi di più e aumentano i debiti. Il soggetto perde l’orientamento della sua economia generale, non ha la visione vitale, la gestione efficiente. Si determina in perdite continue non avendo più una gestione efficiente della propria vita, non riesce a studiare, comincia a dimenticare le cose. Intanto l’ossessione non continua solo sulla prima idea ma comincia a prendere altre strade, si sposta..Prima il cervello diceva: ah! tu gliela farai pagare, perchè è ora di farla finita!qui c’è da capire che se c’è uno che vale quello sono io!… in seguito dice(a sé stesso): quanto sei ridicolo, quanto sei stupido, non seicapace di fare niente.. e continui a vivere la vita in disgrazia senza rialzarti più perchè, inoltre…
    4) entra il cervellone sociale, esterno cioè qieu cliché, quel modo, quella mentalità quella psicologia di mediocrità che la massa ha. Non puoi più parlare con gli intelligenti, con i grandi, non sei più in grado di sostenere la tua solitudine e vai in cerca, vai nei bar , vai in strada, vai con i drogati, ti rifugi in famiglia, vai con altra gente fallita per trovare un po’ di “insieme”. Di ogni parola che ascolti alla radio, alla televisione, nei giornali, tu ascolti solo quelle che condannano te. Non trovi più, non riconosci più la parola, il consiglio, le opportunità di vita, opportunità di realizzazione, non le vedi e alla fine uno si ferma nella mediocrità comune, la mediocrità di tutti e perde l’eccellenza della conoscenza, perde la regalità del proprio bene di esistere come persona, come leader, come creativo, come fattore dimoltiplicatore di provvidenza per gli altri, per la società. Si esce dal gioco e si è mantenuti come una “cosa” ormai siamo oggetti, merce da ospedale, da caritas, da associazioni benefiche, da prvidenza, da pensione e da cimitero…e protestiamo e ci lamentiamo che ci diano le nostre briciole.

    Continua, Andrea

    Rispondi

  7. Andrea Cirelli Dice:

    Manipolare e convogliare questi cervelli è normale prassi della psicologia utilizzata dai grandi poteri sulla massa. La psicologia vera, non quella che studiamo nelle università o quella dagli psicoterapeuti che svolgono un controllo, un anestetico, un reinserimento tra i mediocri nella normale mediocrità standard.
    La massa è pecora e cane pastore insieme e ha paura di tutto, dei giudizi, della mamma, di uscire dal piccolo recinto e contemporaneamente controlla, giudica, condiziona. Cosa si può pretendere da una massa di pecore impaurite? Tanto per dirne una recente e comica si prenda il caso di Bin Laden ucciso e gettato in mare…noi non sappiamo neanche se è esistito questo Bin Laden ma abbiamo accettato tranquillamente una enormità di nefandezze tramite la teoria Bin Laden, eppu tutti hanno accettato passivamente una storiella assurda, non c’è stato uno, politico, giornalista, un’associazione, un gruppo di amici che si sia ribellato.
    Ci vorranno generazioni di coscienza di pochi che piano piano cominceranno, si evolveranno.
    La massa, il cosiddeddo popolo è completamente inerme, si muove e si manipola con la paura, con i memi, con la speranza ed è completamente manovrabile, non conta assolutamente niente.. Questo l’errore di tanti che credono di poter sensibilizzare l’opinione pubblica e di poter far muovere , poter indignare e movimentare… non è più così, non si muove nessuno, adesso neanche si usa più… Passività completa. Adesso la dittatura è nelle menti. Chi può faccia per sé e ritrovi sé e costruisca sé e comprenda il gioco cercando la personale via di uscita, il resto è l’utopia più fantasiosa. Così stanno le cose. Andrea

    Rispondi

    • Nicastro Damiano - 97100 Ragusa Dice:

      Caro Andrea, se subisci una grave ingiustizia, se vedi che delle persone stanno facendo qualcosa che non solo nuoce a te, ma anche a chi non ha la forza di gridare, protestare, allora devi dare il tuo contributo, anche facendoti carico del problema.
      Se rimaniamo indifferenti o passivi alle gravi ingiustizie, anche se fatte da una grande banca, che tipo di società lasceremo alle generazioni che seguono?
      Io sto lottando affinché nessun conto corrente possa “sparire” all’improvviso e che il diritto alla trasparenza bancaria sia la regola.
      Io credo molto nella Magistratura, in quella che opera e lavora per il bene della società in cui viviamo.
      Poi nella vita, bisogna avere dei valori, e avendoli bisogna lottare per mantenerli.
      La vita non è solo dei più furbi, di quelli che riescono a farla franca dopo avere nascosto il conto corrente 10/645629 di San Paolo IMI, ma di chi opera con trasparenza e onestà.
      Il mondo ha bisogno di credere che ci siano ancora dei valori, e quindi cerchiamo di ristabilirli dove mancano.

      Io credo che i soci azionisti di San Paolo IMI siano delle persone oneste, e vorranno fare chiarezza su questo evento. Il problema è che queste persone non sono sicuramente al corrente di tali fattacci, per questo bisogna lottare e fare loro sapere quanto successo.

      Sono sicuro che la Giustizia trionferà, e che verrà fatta chiarezza in memoria di Innocenza Maria che ha pagato cara questa ingiustizia.

      Pensa a tutte quelle persone deboli che non hanno i mezzi per fare sentire la loro voce.

      Per questo io spero molto che Grillo continui con noi nelle giuste cause a cui ci ha abituati a lottare.

      Rispondi

  8. invernomuto Dice:

    Ma come fate a non capire che semplicemente Grillo ha semplicemente usato nei suoi primi “comizi” (chiamateli pure spettacoli), queste tematiche diciamo scottanti e ignorate dai più, esponendole con una dialettica qualunquista, per fare presa sulla popolazione media e una volta avuto il suo seguito, ha lasciato da parte tali problemi per iniziare fare i propri interessi con il supporto del suo nuovo movimento. Mi sembra chiaro come il sole, poi, che dietro a questa deriva di Grillo, ci sia il Signor Casaleggio.

    Rispondi

  9. francesco Dice:

    Sfrutto il blog di Grillo per indirizzare a Monti, Passera, ai politici e a tutti i loro amici banchieri tutto il mio più grande schifo e augurio di morte lenta e dolorosa, quella che stiamo facendo tutti noi italiani brave persone, che si sono affidati a una massa di ignoranti, usurai, gentaglia senza scrupoli e totalmente indifferenti alla dura quotidianità del popolo. VERGOGNA A TUTTI VOI, LURIDI BANCHIERI; VERGOGNA A VOI TUTTI GIORNALISTI, CAMERIERI DELLA FINANZA.

    Rispondi

  10. Daniele Dice:

    La teoria del complotto riguardo al signoraggio è una stronzata. Vi prego andate a leggere un libro…

    Rispondi

Trackback/Pingback

  1. Pochi hanno capito Beppe Grillo, per questo ha smesso si affrontare determinati argomenti. Vediamo quali. | Pensare Liberi News - 11 ottobre 2011

    […] Beppe Grillo non parla più di “signoraggio bancario” e di “cure proibite contro il cancro”…. […]

  2. Pochi hanno capito Beppe Grillo, per questo ha smesso si affrontare determinati argomenti. Vediamo quali. | Pensare Liberi News - 11 ottobre 2011

    […] Beppe Grillo non parla più di “signoraggio bancario” e di “cure proibite contro i… 11 ottobre 2011 […]

  3. COME GLI INGLESI UTILIZZANO I MEDIA PER LA GUERRA PSICOLOGICA DI MASSA (Parte 1) | Pensare Liberi News - 9 novembre 2011

    […] Beppe Grillo non parla più di “signoraggio bancario” e di “cure proibite contro il cancro”…. […]

  4. DELLA DEMOCRAZIA CONCESSA – Equitalia, TAV, Sfratti, Eurozona e il consenso popolare | Pensare Liberi News - 9 novembre 2011

    […] Beppe Grillo non parla più di “signoraggio bancario” e di “cure proibite contro il cancro”…. […]

  5. “Ricomincio da capo” – La settimana di un blogger | Pensare Liberi News - 14 novembre 2011

    […] Ne basterebbe uno di articolo, ne basterebbe uno di blog, ne basterebbe una di persona, ma la realtà dei fatti è che non bastano mille articoli, non bastano mille blogs, non bastano decine di migliaia di persone. Ma dire “non basta” non rende l’idea perchè questo presuppone che con le risorse di cui sopra si registri un movimento piccolo, non sufficiente e invece non è così; è peggio: è immobilismo. Se ad ogni mossa ci fosse un movimento piccolo, microscopico allora si sarebbe portati logicamente a pensare che se si raddoppiassero le mosse si raddoppierebbe il movimento e così via. Ma se il movimento è zero… zero per mille è uguale a zero, zero per un milione è uguale a zero. Forse non è così che funziona la legge della mobilitazione popolare, magari c’è una massa critica da raggiungere o una soglia di disperazione in percentuale sulla popolazione. Chi lo sa. Qui abbiamo già espresso questo concetto: Beppe Grillo non parla più di “signoraggio bancario” e di “cure proibite contro il cancro”…. […]

  6. COME GLI INGLESI UTILIZZANO I MEDIA PER LA GUERRA PSICOLOGICA DI MASSA (Parte 2) | Pensare Liberi News - 15 novembre 2011

    […] Beppe Grillo non parla più di “signoraggio bancario” e di “cure proibite contro il cancro”…. […]

  7. Quanti milioni di euro diamo ogni anno ai giornali per farci ingannare e disinformare? | Pensare Liberi News - 2 dicembre 2011

    […] Beppe Grillo non parla più di “signoraggio bancario” e di “cure proibite contro il cancro”…. […]

  8. Quel pazzo venerdì – Inaspettatamente un giorno diverso | Pensare Liberi News - 2 dicembre 2011

    […] Beppe Grillo non parla più di “signoraggio bancario” e di “cure proibite contro il cancro”…. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: