Movimento dei Forconi – Esplode la protesta in tutta Italia, taxi e blocco dei TIR [IN AGGIORNAMENTO]


Il 16 gennaio 2012 sarà una data sicuramente da ricordare. Ciò che sta accadendo dalla scorsa settimana sta avendo sempre più seguito tanto che oggi la protesta sta registrando un ulteriore grande passo avanti che riguarda non solo la Sicilia, ma tutta l’Italia.

Si protesta sotto molte sfaccettature e in nome di molti movimenti in realtà, tutti esasperati e giunti a un punto di non sostenibilità. Abbiamo il Movimento dei Forconi che sta raccogliendo il consenso e il seguito di tutti i lavoratori veri (passateci il termine) e parallelamente abbiamo il blocco nazionale degli autotrasportatori a seguito dell’impulso del movimento Forza D’Urto al quale si aggiunge il movimento di protesta dei taxi (delusi e traditi da Governo e sindacati).

Domani si unirà alla protesta la Sardegna e non possiamo negare che stiamo parlando del fiore all’occhiello delle proteste italiane. Seguiamo gli eventi sardi sin dagli esordi e sono stati gli unici sino ad oggi a distinguersi per coerenza e coesione. Eh si, abbiamo un’irrefrenabile attrazione nei confronti della verità.

Gli avvenimenti di questi giorni, come abbiamo avuto modo di ribadire più volte, cadono dal cielo solo per chi non è stato attento ed aggiornato sui movimenti di protesta sardi e siciliani, i quali si ritrovano stremati da mesi di trattative con politica e istituzioni i quali non hanno mai dato risposte per i gravi disagi denunciati dalla popolazione. Ricordiamoci che la Sardegna è in rivolta dalla primavera del 2011, non da oggi.

In un comunicato ai lettori abbiamo puntualizzato la nostra assenza di disponibilità nei confronti di gossip e sciacallaggio mediatico intorno a questa rivolta. Oggi ci teniamo a far sapere che la nostra scorta di pazienza nei confronti di alcuni avvenimenti relativi al Movimento dei Forconi siciliano si sta esaurendo e che non tolleriamo si offenda ulteriormente la nostra intelligenza e quella degli italiani. Quindi non escludiamo nei prossimi giorni un nostro intervento ufficiale atto a denunciare molto chiaramente facendo nomi e cognomi di chi ha realmente gettato fango sulla Sicilia e i siciliani, e non parliamo certo di Forza Nuova perchè, grazie a Dio, non siamo così stupidi, nè schiavi di ideologie, nè tantomeno siamo intimoriti da alcun terrorismo ideologico nei confronti del quale intendiamo, invece, dare battaglia per contribuire, se possobile, ad estirparlo.

Dopo la dovuta introduzione e premessa desideriamo aggiornarvi in tempo reale sullo stato della protesta che è oramai nazionale.

ATTENZIONE! La protesta riguarderà tutti, anche coloro che non parteciperanno e rimarranno a casa perchè questa comporterà non pochi disagi nei prossimi giorni. Quindi non sottovalutate gli eventi e agite di anticipo perchè potrebbe presentarsi una momentanea crisi di scorte alimentari e non solo.

17:24Tir, Casini: “Protesta Sicilia non sia sottovalutata” 101–”La protesta siciliana non deve essere sottovaluta perché, al di là delle strumentalizzazioni politiche e delle infiltrazioni criminali, fa emergere la crisi economica al Sud in tutta la sua drammatica concretezza. Gli agricoltori, i pescatori e gli autotrasportatori siciliani non riescono a reggere, infatti, il costo delle loro attività e rischiano di uscire dal mercato. Per questo apprezziamo la decisione del Presidente Monti di incontrare il Presidente della Regione siciliana. Ci aspettiamo, infatti, che Governo centrale e Governo regionale facciano fino in fondo la loro parte per rispondere alle esigenze della categorie produttive dell’isola”. Lo dichiara Pier Ferdinando Casini.

17:23Tir, Adiconsum: “Paese non può essere messo in ginocchio” 100–”Non è possibile mettere in ginocchio il Paese con azioni di lotta selvagge che danno dell’Italia un’immagine da Terzo mondo anziché di Paese che tenta di uscire da una gravissima crisi economica”. Lo dichiara in una nota Pietro Giordano, segretario generale Adiconsum.

17:22Tir, presidio al porto di Genova 99–Dopo aver presidiato in mattinata il varco autostradale di Bolzaneto, a Genova, gli autotrasportati di Trasporto Unito hanno organizzato nel pomeriggio altri presidi nella zona di Genova, tra cui uno al Porto. Il presidio rallenta le operazioni dello scalo, e per questo gli spedizioneri portuali hanno inviato una lettera al Prefetto, Francesco Musolino, per sottolineare il loro disagio. “Comprendiamo le ragioni di chi protesta – hanno spiegato gli spedizionieri – ma anche noi dobbiamo lavorare”.

17:14Tir, conclusa la protesta a Torino 98–Si è conclusa, almeno per la giornata di oggi, la protesta degli autotrasportatori sulla tangenziale di Torino e all’imbocco dell’autostrada Torino-Milano. La circolazione è tornata scorrevole in entrambe le direzioni di marcia della tangenziale. I manifestanti non escludono nuove proteste nei prossimi giorni.

17:11Tir, sospesi traghetti da Carrara e da Olbia 97–A seguito del blocco dei varchi di ingresso del porto di Marina di Carrara da parte dei camionisti aderenti alla Fiap Trasportounito per la protesta dei ‘forconi’ è stata sospesa la linea dei traghetti con Olbia. Lo ha comunicato la società Armamento Sardo alla Porto di Carrara spa. Pertanto il traghetto Delfino Grigio che avrebbe dovuto partire stasera alle 20 da Carrara per la Sardegna resterà in banchina. Stessa sorte per il ‘gemello’ Delfino Bianco che non salperà da Olbia.

17:09Tir, Ministero trasporti: “Blocchi ingiustificati” 96–Il blocco dei tir è ingiustificato. Lo sottolinea in una nota il Ministero dei trasporti spiegando come il governo si sia assunto degli impegni con il settore tradotti in azione con il decreto approvato venerdì scorso. “Il ministero delle infrastrutture e dei trasporti – si legge nella nota – lo scorso 11 gennaio, ha convocato le associazioni dell`autotrasporto merci per fare il punto sulle principali problematiche e richieste provenienti dagli operatori del settore. Nel corso della riunione, a cui ha preso parte anche il viceministro mario ciaccia, il ministero ha assunto precisi e concreti impegni, immediatamente attuati sia con il decreto legge approvato lo scorso venerdì, sia attraverso provvedimenti amministrativi, sia con ulteriori provvedimenti in materia di semplificazione in corso di rapida adozione”.

16:59Taxi, Milano: fine concentramento, nessun corteo 95–Il concentramento dei taxi in sciopero intorno allo stadio di San Siro a Milano è terminato verso le 15. Come annunciato dagli organizzatori, non si è svolto il ‘temuto’ corteo di auto bianche che avrebbe potuto paralizzare il traffico. Alcune vetture però sono passate intorno alla sede di Assolombarda, in via Pantano, per denunciare ”i poteri forti”. Nell’arco della giornata e fino ad ora tutto si è svolto, come hanno spiegato le forze dell’ordine, tranquillamente.

16:53Tir, Sicilia: deroga apertura distributori benzina 94–Fino alle 24 di domenica prossima gli impianti di distribuzione di carburanti potranno restare aperti anche 24 ore al giorno, in deroga alla normativa in materia. Lo prevede in Sicilia un decreto dell’assessore regionale alle Attività produttive, Marco Venturi. “Dopo l’emergenza – spiega Venturi – adesso occorre garantire il servizio sia ai cittadini, sia alle imprese che fin troppo hanno pagato in termini economici a causa dello sciopero che ha comportato il blocco del traffico dei giorni scorsi”.Il decreto è stato adottato anche “per agevolare al massimo il rifornimento dei distributori di carburante in Sicilia”: “molti impianti sono letteralmente rimasti a secco – aggiunge Venturi – e gli approvvigionamenti stanno lentamente tornando alla normalità. Con questo provvedimento l’amministrazione intende andare incontro, per quanto possibile, alle esigenze di tutte le categorie produttive, distributori inclusi, e dei cittadini, concedendo la deroga sia sui giorni di chiusura sia ai normali turni di servizio”.

16:50Taxi, Masucci (Cisl): “Bene incontri con forze politiche 93–”Bene gli incontri della rappresentanza dei tassisti con tutte le forze politiche affincheé queste possano recepire le istanze dei lavoratori”. Lo afferma Marino Masucci, coordinatore del settore della FitCisl, prima del previsto incontro oggi pomeriggio, con i capigruppo del Pdl.

16:47Tir, Cna-Fitadel Molise si dissocia da protesta 92–La Cna-Fitadel Molise si dissocia dalla protesta in atto a Termoli degli autotrasportatori e invita le forze dell’ordine al massimo controllo possibile per evitare incidenti.”Ci dissociamo da proclamazioni di fermo inconsistenti che mirano unicamente a strumentalizzare una disperazione latente per altri scopi – hanno dichiarato dall’associazione -, invitiamo gli autotrasportatori a non aderire e soprattutto riteniamo opportuno che la presa di distanza sia chiara da parte di tutte le altre associazioni”.

16:45Authority scrive a Viminale per precettazioni 91–L’Autorità di garanzia degli scioperi, secondo quanto apprende l’Agi, ha scritto al ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri, per valutare se ci sono gli estremi per emanare l’ordinanza di precettazione nei confronti delle organizzazioni degli autotrasportatori che stanno effettuando il fermo nazionale.

16:38Tir, Authority: “Blocchi inaccettabili” 90–L’Autorità di garanzia sugli scioperi aprirà oggi ”un procedimento per valutare le sanzioni da irrogare” alle organizzazioni dell’autotrasporto responsabili del fermo nazionale. Lo rende noto il presidente dell’Authority, Roberto Alesse, in una nota. ”I blocchi causati dalla protesta degli autotrasportatori, che in queste ore stanno progressivamente paralizzando molte zone d’Italia – spiega Alesse – sono inaccettabili. Come Presidente dell’Autorità di garanzia sugli scioperi sono in costante contatto con le Prefetture delle Città interessate e posso sin d’ora anticipare che oggi stesso verrà aperto un procedimento per valutare le sanzioni da irrogare a chiunque stia violando la legge e danneggiando i cittadini, nel loro diritto ad usufruire di servizi pubblici essenziali”. Alesse ricordo che ”il codice di autoregolamentazione, nel settore del trasporto merci, prevede che ‘La proclamazione della protesta non deve prevedere l’effettuazione di blocchi stradali o di iniziative già sancite e sanzionate dal codice della strada in materia di circolazione stradale”’

16:36Tir, presidio casello A1 89–Un presidio di camionisti sta bloccando il casello in entrata di Valdichiana, in provincia di Arezzo, sull’Autostrada del sole. Sul posto ci sono tre pattuglie della polstrada. Per il momento passano solo le autovetture mentre i manifestanti bloccano l’ingresso sulla viabilità ordinaria di tutti i mezzi pesanti. Stessa situazione anche in provincia di Livorno: manifestanti fermano l’uscita dei tir dalla superstrada Firenze-Pisa-Livorno e sopratutto il loro ingresso nella Darsena.

16:32Tir, lunghe file a distributori benzina a Napoli 88–Lunghe file ai distributori di carburante si registrano da alcune ore in molte zone di Napoli e in provincia: la protesta degli autotrasportatori fa temere agli automobilisti che i benzinai restino, da un momento all’altro, privi di approvvigionamenti. Le file, in alcuni casi (come a viale Colli Aminei e corso Amedeo di Savoia) giungono a ostruire la sede stradale, rallentando il traffico. In alcuni supermercati e ipermercati è aumentata, stamane, la richiesta di prodotti freschi deperibili, come frutta e verdura

16:17Tir, Calabria: presi d’assalto distributori carburanti 87–Distributori di carburanti presi d’assalto in Calabria, dopo i blocchi. Lunghe code si registrano, infatti, in diverse pompe di benzina che, in alcuni casi, hanno già esposto i cartelli di esaurito. Il panico tra gli utenti si è diffuso in poche ore, aggravato appunto dagli ultimi blocchi. In effetti, l’ annunciata volontà degli autotrasportatori di procedere con la protesta per cinque giorni, rischia di mettere in ginocchio i sistemi di approvvigionamento. Ma analoga situazione potrebbe verificarsi per i beni di prima necessità, a partire dagli alimentari, dal momento che tutti i camion vengono bloccati ai presidi.

16:02Tir, Calabria: presidi in tutti svincoli A3 86–Diventa sempre più critica la protesta degli autotrasportatori in Calabria. Tutti gli svincoli del tratto calabrese dell’Autostrada A3 sono presidiati da numerosi camion e tir e questo sta provocando disagi e rallentamenti alla circolazione. Gli autotrasportatori stanno bloccato i mezzi pesanti mentre consentono il transito alle automobili, autobus ed autoveicoli di emergenza. Nei pressi di tutti gli svincoli dell’autostrada sostano decine di camion che di fatto rallentano la circolazione ai mezzi che lasciano transitare. Le situazioni più critiche vengono segnalate nella zona della piana di Gioia Tauro e nel tratto tra Lamezia Terme e Cosenza.

16:00Tir, movimento Forconi blocca porto Carrara 85–Il ‘movimento dei Forconi’ è arrivato fino a Carrara (Massa Carrara): i camionisti che protestano contro il caro carburante hanno bloccato i varchi di ingresso del porto di Marina di Carrara. Al momento nessun camion può entrare e tutta l’attività dello scalo è paralizzata. Bloccato anche il traghetto Delfino Grigio della società Armamento Sardo che dovrebbe partire in serata per Olbia. Per stasera previsto un presidio anche ai caselli della A12 Genova-Rosignano a Carrara e a Massa.

15:38Taxi, Cgil: domani incontro capigruppo Pd 84–Dopo l’incontro di oggi pomeriggio con i capigruppo del Pdl, “domani alle 13.30 ci sarà un incontro tra i capigruppo di Camera e Senato del Pd e i rappresentanti del Parlamentino dei taxi”. Cosi’ il rappresentante della Cgil taxi, Nicola Di Giacobbe, presente al Circo Massimo per la protesta dei taxi contro il decreto sulle liberalizzazioni.

15:36Taxi, sindaco Bologna: “MIsure sono nuova regolamentazione” 83–Più che una liberalizzazione, una nuova regolamentazione. Così la Giunta di Bologna, al termine dell’incontro con i tassisti, ha definito le misure (in attesa dei dettagli sul provvedimento del Governo) che riguardano la categoria. ”L’incontro – si legge in una nota diffusa dopo il colloquio tra il sindaco Virginio Merola, gli assessori Andrea Colombo e Matteo Lepore e la delegazione di manifestanti a Palazzo D’Accursio – e’ stato positivo e si è concluso con un impegno a rivedersi”.

15:31Tir, Sicilia: Antitrust chiede informazioni su prezzi benzina 82–L’Antitrust ha deciso di inviare una dettagliata richiesta di informazioni a 11 compagnie petrolifere per verificare l’andamento dei prezzi dei carburanti nella Regione Siciliana ed eventuali anomalie. L’iniziativa, si legge in una nota, “è stata adottata alla luce della segnalazione presentata dall’assessore regionale all’Economia della Regione Siciliana Gaetano Armao, in base alla quale i prezzi di gasolio e benzina in Sicilia sarebbero molto più elevati che nel resto del Paese”. Le compagnie dovranno fornire in breve tempo agli uffici dell’Antitrust dettagliate informazioni sui prezzi consigliati agli impianti siciliani, su quelli consigliati agli impianti delle regioni del Sud e sui prezzi medi nazionali, includendo sia i prezzi per la rete stradale che quelli per la rete autostradale. Le compagnie dovranno altresì fornire informazioni sulle caratteristiche della rete di distribuzione dei carburanti in Sicilia, nonchè sul sistema logistico esistente e, in generale, sulle modalità di approvvigionamento del prodotto utilizzate da ognuna di esse.

15:22Tir, nessun disagio in Trentino 81–In Trentino Alto Adige non si registrano disagi per lo sciopero nazionale dei tir. La Confartigianato del Trentino non partecipa ai blocchi dei tir ”pur non contestando minimamente il diritto ad effettuare delle proteste”. Molti autotrasportatori altoatesini e trentino fanno infatti il pieno nella vicina Austria, dove il litro di gasolio costa 30-40 centesimi in meno. Il risparmio per un pieno di tir si aggira intorno ai 150 euro.

15:03Taxi, Torino: auto bianche si uniscono a tir 80–Alcune decine di tassisti torinesi hanno raggiunto il blocco instaurato dagli autotrasportatori sulla tangenziale del capoluogo piemontese, all’altezza dello svincolo Sito-interporto. Le ‘auto bianche’ si sono fermate intorno a una rotonda e alcuni rappresentanti della categoria hanno issato uno striscione con la scritta ‘taxi Torino’ sui pennoni con le bandiere italiana ed europea. Prosegue intanto il blocco della tangenziale, che era stato temporaneamente tolto per circa mezz’ra in direzione sud allo scopo di consentire il passaggio dei mezzi diretti agli ospedali.

14:58Taxi, proteste anche a Parma 79–Carosello e clacson a tutto volume a Parma FOTO dove i tassisti hanno aderito allo sciopero fino alle 22, ma non bocciano del tutto il pacchetto liberalizzazioni: “Occorre prima capire bene il contenuto del pacchetto sulle liberalizzazioni, non tutto è negativo”

14:54Tir, Unipan: “Tra 2/3 giorni Sos pane a Napoli” 78–Sos pane a Napoli a causa dello sciopero dei Tir. A lanciarlo è il presidente dell’Unipan, l’ associazione panificatori campani, Mimmo Filosa. ”Stiamo facendo scorte di nafta e grano per poter garantire la produzione e distribuzione del pane nei prossimi due-tre giorni dopodiché – spiega Filosa – se non arriveranno rifornimenti e farina ci sarà lo stop totale. Solo in tempo di guerra non è stata garantita la produzione del pane. La gente è esasperata e anche noi piccoli commercianti. Ci massacrano di tasse, ma lo stato non fornisce servizi e sicurezza a noi onesti lavoratori”.

14:47Tir, prefetto di Napoli: “Multe fino a 10mila euro per chi blocca” 77–Multe pecuniarie fino a 10mila euro e l’eventuale sequestro del mezzo per gli autotrasportatori che impediranno il transito dei veicoli. È quanto deciso dal prefetto di Napoli, Andrea De Martino, nel corso di una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica convocata per esaminare le problematiche connesse ai blocchi stradali attuati in queste ore dagli autisti dei mezzi pesanti. È stata, infatti, istituita un’unità di crisi per monitorare l’andamento e le eventuali criticità provocate dallo sciopero degli autotrasportatori soprattutto nei pressi degli svincoli autostradali.

14:35Taxi, a Genova pochi disagi 76–Mentre sabato scorso i tassisti avevano mandato in tilt la città, a Genova il fermo dei taxi non ha finora provocato problemi di viabilit. Alcune centinaia di tassisti hanno fermato le loro vetture a piazzale Kennedy, nella zona della Fiera di Genova. Ma la protesta ha evitato di bloccare la centrale piazza De Ferrari e via XX settembre, come invece successo sabato scorso. Disagi all’aeroporto e alle stazioni di Principe e Brignole, ma traffico cittadino regolare. ”Attendiamo la pubblicazione del decreto per capire il tenore esatto di quanto è stato deliberato – ha spiegato il presidente della Cooperativa radiotaxi Genova, Walter Centanaro -. Manterremo il presidio per tutto il pomeriggio. Nei prossimi giorni vedremo di capire quali spazi di manovra esistono”. Presidi analoghi si sono svolti nelle altre citta’ liguri. Auto bianche ferme a Sanremo e a Savona, dove i tassisti hanno partecipato ad assemblee permanenti.

14:29Tir, polizia: “Situazione critica in cinque regioni” 75–Ancora situazione ”critica” in cinque regioni d’Italia per lo sciopero dei tir: Piemonte, Lombardia, E.Romagna, Campania e Puglia. Questa la situazione nella penisola, sotto l’aspetto della viabilità, secondo la polizia stradale che ricorda che i blocchi riguardano i soli mezzi pesanti anche se gli incolonnamenti provocano code e rallentamenti anche alle autovetture.

14:27Tir, Cesa (Udc): “Ascoltare le proteste, ma decide politica” 74–”Le proteste, quelle pacifiche, vanno sempre rispettate e soprattutto ascoltate. Ma è la politica che ha il dovere di assumere le decisioni nell’interesse di tutti. Gli italiani che servono a uscire il più rapidamente possibile dalla crisi economica”. Lo ha detto il egretario dell’Udc Lorenzo Cesa nel corso di un’iniziativa di partito a Foggia, con riferimento alla protesta nazionale dei tir.

14:25Tir, Grillo: “Se in Italia rivoluzione, partirà da Sud” 73–”Una rivoluzione in Italia, se ci sarà mai, partirà dal Sud”. A scriverlo sul suo blog è stato Beppe Grillo.”Se nelle regioni settentrionali la crisi porterà una diminuzione del livello di vita e sacche di povertà, il Sud è condannato alla miseria e all’emigrazione”, ha sottolineato. “Il movimento dei Forconi non nasce dal nulla, ma dalla consapevolezza del fallimento dello Stato e dal rifiuto di fare la fine della Grecia dove i bambini vengono abbandonati a scuola dai genitori perchè non riescono a sfamarli”, ha sottolineato Grillo.

14:11Tir, Marcegaglia: “Situazione intollerabile, via i blocchi” 72–”La situazione è intollerabile, questi blocchi vanno levati immediatamente. Condivido la posizione del ministro Cancellieri: bisogna ripristinare la legalità al più presto”. Lo sottolinea la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, parlando in conferenza stampa a Palazzo Chigi a proposito degli scioperi in Sicilia.

14:05Tir, Gela: sindaco sospende mercato di domani 71–Sarà sospeso domani a Gela, il consueto mercato settimanale, che tutti i martedi’ accoglie, circa 400 operatori provenienti da varie parti della Sicilia. Lo ha deciso il sindaco Angelo Fasulo, con una propria ordinanza. Il provvedimento è stato adottato in seguito al perdurare delle manifestazioni dei movimenti dei ‘Forconi’ e di ‘Forza D’Urto’ e per evitare problemi per l’ordine pubblico e per tutelare la salute e la sicurezza dei cittadini. A Gela, gli aderenti al Movimento dei Forconi e al comitato Forza d’Urto, continuano a presidiare l’area circostante il petrolchimico, provocando dei rallentamenti alla circolazione stradale.

14:01Tir, Ercolano: ritardi nella raccolta dei rifiuti 70–La protesta degli autotrasportatori sta creando disagi anche ad Ercolano, nel Napoletano, sul fronte dei rifiuti dove la frazione organica, depositata ieri sera insieme alla plastica, oggi è stata prelevata con ritardo.

13:58Tir, Cia: “Per agricoltura colpo micidiale” 69–”Siamo molto preoccupati per le conseguenze dello sciopero dei tir sull’agricoltura. Il lungo fermo degli autotrasportatori in Sicilia, ha già messo in ginocchio l’intera l’economia agricola regionale, con danni per quasi 60 milioni. Ora l’espandersi della protesta in tutt’Italia puo’ davvero dare un colpo mortale al settore primario, già provato dalle misure della manovra che colpiscono gli agricoltori con una sorta di patrimoniale in campo”. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, in merito al dilagare della mobilitazione dei tir.

13:57Taxi, Cgil: “Chiediamo scioglimento turni 15 girni” 68–”Chiediamo al sindaco di Roma di chiedere lo scioglimento dei turni per 15 giorni. Cosi’ dimostreremo che i taxi della Capitale sono più che sufficienti”. È questa la proposta lanciata da Nicola Di Giacobbe della Cgil dal furgone allestito a palco al Circo Massimo. La proposta e’ stata accolta con applausi e consenso dai moltissimi tassisti presenti.

13:55Tir, prefetto di Napoli dispone Unità di crisi 67–Il prefetto di Napoli, Andrea De Martino, ha disposto la costituzione, in Prefettura, di una Unità di crisi per monitorare l’andamento e le eventuali criticità determinate dallo sciopero dei tir. La decisione è stata presa al termine di una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica al quale hanno partecipato i vertici delle forze di polizia, il dirigente della Polstrada, il vice sindaco di Napoli, l’assessore alla Sicurezza, rappresentanti della società Autostrade meridionali e dell’Anas. E’ stato disposto che sia incrementata l’informazione agli automobilisti per segnalare percorsi alternativi. Infine forze dell’ordine procederanno anche con misure sanzionatorie, sia di carattere pecuniario che con la valutazione del sequestro dei mezzi.

13:51Taxi: a Mlano pochi in stazione, solo per servizi sociali 66–Al presidio dei tassisti alla stazione centrale di Milano, in piazza Luigi di Savoia ci sono solo una decina di macchine. ”Molti colleghi sono partiti per accompagnare passeggeri disabili”, racconta pero’ uno di loro. Lo sciopero andrà avanti fino alle 22. I servizi minimi previsti per legge sono garantiti dai presidi nelle stazioni, negli ospedali, negli aeroporti. I diversi centri telefonici dei radiotaxi (numeri: 028585, 026969 e 024040) sono invece in funzione per il servizio sociale.

13:50Tir, Cna-Fita di Pesaro e Urbino chiede incontro a prefetto 65–La Cna-Fita di Pesaro e Urbino (l’organizzazione non aderisce a livello nazionale al blocco indetto dagli autotrasportatori) ha chiesto un incontro urgente al prefetto Attilio Visconti “per monitorare la situazione provinciale” e nel contempo ha invitato le forze di polizia ad attuare “il massimo controllo possibile per evitare incidenti”. Per il responsabile provinciale della Cna-Fita, Riccardo Battisti, “in queste ore la prima preoccupazione è per chi si sta trovando di fronte ad azioni violente che mettono a rischio l’incolumità di chi si trova per strada a lavorare”. La Cna-Fita è stata tra le prime associazioni a dissociarsi “da proclamazioni di fermo che mirano unicamente a strumentalizzare una disperazione latente ad altri scopi”.

13:43Tir, Asia Napoli: “Danni a nostri mezzi da chi protesta” 64–In concomitanza con lo sciopero degli autotrasportatori, “a partire dalle 3 di questa mattina, le agitazioni in corso hanno causato danni e fermi ad automezzi di Asia Napoli spa”. A scriverlo in un comunicato è la stessa azienda a totale partecipazione del Comune di Napoli, riferendosi ai raid che hanno interessato 22 autocompattatori. “In particolare – prosegue – danni ai pneumatici di nostri automezzi e blocchi stradali hanno bloccato il regolare processo di conferimento agli impianti dei rifiuti solidi urbani raccolti in città. Ignoti, che si sono dichiarati appartenenti alla categoria degli autotrasportatori in sciopero, per quanto riguarda i mezzi in servizio dell’Autoparco A che serve la zona occidentale della città, “hanno coinvolto” nei blocchi stradali al casello di Pomigliano d’Arco dell’autostrada A30 Napoli Bari 3 mezzi, di cui 2 hanno subito la foratura delle gomme; fermati altri 5 con ruote forate presso l’ingresso dello stir di Tufino.

13:41Tir, in Ciociaria protesta fino a venerdì 63–La protesta degli autotrasportatori che da ieri sera sono in sciopero nei pressi dei caselli dell’A1 in tutto il Frusinate è destinata ad aumentare nelle prossime ore con il rischio di aumentare i disagi nelle aree d’accesso all’autostrada Roma-Napoli. Restano i blocchi all’ingresso dei caselli dell’A1. Lo sciopero, deciso da Trasportiounito Fiap, è scattato ieri sera per portare avanti alcune rivendicazioni chiedendo al governo Monti provvedimenti urgenti. Gli autotrasportatori, come si legge in un volantino chiedono il recupero immediato delle accise del gasolio, pagamenti in tempi certi (entro trenta giorni) per tutta la filiera del trasporto, controlli e sanzioni agli irregolari, sconto immediato al casello sulle spese autostradali. Inoltre chiedono il contenimento dei costi assicurativi per calmierare gli aumenti indiscriminati e l’esenzione Sistri, cioè l’obbligo di adeguamento al sistema di tracciamento dei rifiuti non pericolosi per tutte le piccole e medie imprese dell’autotrasporto.

13:18Tir, a Napoli anche bandiere borboniche 62–C’erano anche bandiere borboniche con incitamenti alla rivolta del Sud oggi in piazza a Napoli. Si sono viste, infatti, in occasione della protesta del movimento ‘Insorgenza civile’ che ha organizzato la manifestazione in piazza Garibaldi, in solidarietà con i ‘Forconi’ siciliani. Successivamente, la protesta si è spostata all’incrocio di via Galileo Ferraris con un blocco temporaneo degli accessi all’autostrada Napoli-Salerno prima della decisione di porre fine alla manifestazione

13:14Tir, bloccato ingresso A4 Torino-Milano 61–Gli autotrasportatori che da stamani protestano bloccando la tangenziale di Torino hanno bloccato anche l’ingresso dell’autostrada A4 Torino-Milano in corso Giulio Cesare, nella zona settentrionale della città. Resta ancora semiparalizzata la tangenziale, dove, in entrambi i sensi di marcia, si circola soltanto sulla corsia di sorpasso. I manifestanti stanno bloccando tutti i mezzi pesanti mentre consentono la circolazione alle sole autovetture.

13:12Tir, A14 stop mezzi pesanti Vasto Val di Sangro 60–Blocco stradale ai caselli di Vasto Sud e a Val di Sangro dell’A14 attuati dal movimento Trasporto unito Fiap degli autotrasportatori, per denunciare i rincari di gasolio, autostrade e Irpef. La protesta ha reso impossibile il transito a qualsiasi mezzo pesante

13:10Tir, studenti manifestano nell’Agrigentino 59–Sono scesi in strada, a manifestare, lungo la statale 115, all’altezza dell’Italcementi di Porto Empedocle, anche gli studenti delle scuole medie superiori di Agrigento. Gli studenti, con striscioni, stanno solidarizzando con gli autotrasportatori che ancora continuano i presidi.

13:08Tir, autotrasportatori Torino: protesta a oltranza 58–”Siamo disposti a rimanere qui a oltranza, anche la notte”. Lo ha detto Antonio Mollica, coordinatore di Trasporto Unito, l’organizzazione sindacale degli autotrasportatori che da stamani stanno bloccando la tangenziale di Torino all’altezza del Sito Interporto di Orbassano.”Non chiediamo soldi – spiega Mollica – ma regole precise che, dopo anni di promesse, possono salvare questo mestiere”.Le richieste degli autotrasportatori sono cinque: il riconoscimento, da parte della committenza, di una indennità di sicurezza pari a 1,50 euro al chilometro (oggi al massimo è di 1,05); il pagamento a 30 giorni, mentre oggi si arriva anche 180; un aumento degli sgravi sul gasolio che, “oggi non bastano neppure per accendere il motore di Tir”, spiega Mollica; la diminuzione del costo delle assicurazioni; la riduzione dei costi autostradali. “Non ci muoveremo da qui – conclude Mollica – fino a quando non riceveremo segnali dal Ministero dei Trasporti”

13:07Tir, disagi su autostrada Asti 57–Da mezzanotte i caselli Asti- Est ed Asti-Ovest dell’autostrada Torino-Picenza sono parzialmente bloccati da autotreni. L’agitazione rende difficile l’accesso all’autostrada. Da un primo rapporto della polizia, in particolare della Digos, presente sul posto, la protesta provoca solo un rallentamento della circolazione. È prevista una riunione in prefettura e il prefetto Pier Luigi Faloni riceverà una delegazione dei camionisti presenti ai due caselli autostradali.

13:03Tir, Clini: “Chi protesta pensi a futuro figli” 56–”Stiamo attraversando un percorso stretto e scegliere tra chi è già garantito e chi è fuori dal mercato del lavoro” e “chi oggi protesta deve fermarsi un attimo e pensare al futuro dei propri figli”. Lo ha detto il ministro dell’ambiente Corrado Clini a margine della firma di un accordo con Pirelli, commentando il blocco dei Tir e più in generale le proteste messe in atto nelle ultime settimane dalle diverse categorie nei confronti dei provvedimenti del governo.

13:01Tir, polizia: “Solo mezzi pesanti bloccati” 55–Le proteste degli autotrasportatori stanno provocando sulla rete viaria blocchi dei soli mezzi pesanti, anche se gli incolonnamenti creano code e rallentamenti anche alle autovetture. Lo sottolinea una nota di Viabilità Italia della Polizia di Stato nel suo ultimo aggiornamento. Nessun disagio invece in Sicilia dove si circola liberamente e gli imbarchi a Villa San Giovanni sono regolarmente fruibili. Tuttavia al porto di Villa San Giovanni e nelle sue adiacenze si registrano incolonnamenti di mezzi pesanti in attesa dell’imbarco.

12:59Tir, Autorità garante valuta sanzioni 54–L’Autorità di Garanzia sugli scioperi sta valutando la possibilità di aprire un procedimento con eventuali sanzioni alle organizzazioni dell’autotrasporto responsabili del fermo nazionale in corso. Secondo quanto apprende l’Agi, ”l’Autorità è in contatto con i prefetti delle città interessate e nel corso della giornata potrebbe aprire un procedimento che implichi sanzioni nei confronti delle organizzazioni dell’autotrasporto che stanno paralizzando il Paese”.

12:57Tir, Adoc: “Causa blocchi speculazioni senza controllo” 53–”I consumatori stanno subendo un gravissimo danno dal blocco dei tir. La protesta alimenta le speculazioni sui prodotti di prima necessità, soprattutto carburanti e alimentari che, come verificatosi in Sicilia, rischiano di non essere più a disposizione dei cittadini, con la conseguenza che i prezzi delle scorte rimanenti subiranno un’impennata illegale e oltre misura”. Lo dichiara Carlo Pileri, presidente dell’Adoc.

12:48Taxi, 150 da Firenze a Bologna 52–Circa 150 tassisti fiorentini sono partiti stamani dal capoluogo toscano alla volta di Bologna per partecipare alla manifestazione contro le liberalizzazioni del Governo Monti. A Firenze, come altrove, è in corso uno sciopero che proseguirà fino alle 22 di stasera e al momento, secondo quanto spiegato, non ci sono auto bianche in servizio. Alla stazione Santa Maria Novella, dove solitamente stazionano numerosi taxi, sono presenti alcune autovetture ma i conducenti non accettano le corse spiegando che sono in sciopero contro il Governo. Nel complesso, a Firenze lavorano 654 tassisti, divisi in due cooperative.

12:46Taxi, Milano: finita assemblea, prosegue lo sciopero 51–È finita l’assemblea dei tassisti di Milano in sciopero riuniti a San Siro (VIDEO) contro le liberalizzazioni del governo. Non ci sono stati problemi né tensioni. I manifestanti se ne vanno alla spicciolata, uno alla volta: ”lo sciopero dura fino alle 22”, dice un tassista mentre esce dai cancelli del parcheggio.

12:42Taxi, Circo Massimo: “Monti come Schettino” 50–Nel giorno dello sciopero nazionale, al Circo Massimo prosegue la manifestazione dei tassisti contro le liberalizzazioni previste dalla manovra. Centinaia gli autisti presenti, tra le sigle sindacali Cgil, Cisl, Uritaxi, Federtaxi Cisal, Ati Taxi, Ciisa Taxi. Su un camioncino bianco è stato allestito un mini palco, dal quale ogni tanto salgono a prendere la parola tassisti e rappresentanti sindacali. Accanto al camion, un piccolo cartello recita: “Manovre sbagliate: Schettino affonda la Concordia, Monti affonda l’Italia”.

12:40Tir, Granata (Fli): “Monti dia segnale su accise Sicilia” 49–”Per Fli la battaglia per ottenere dal governo Monti almeno un parziale riconoscimento delle prerogative statutarie sulle accise e sui tributi, alla luce dell’enorme contributo dato alla raffinazione del greggio dagli stabilimenti e dell’Isola e dello spaventoso costo ambientale e umano, in termini di patologie, rappresenterà un impegno concreto di queste settimane”. Lo dice Fabio Granata, vice-coordinatore nazionale di Futuro e libertà. ”Se si liberalizzano la distribuzione e i costi – aggiunge – è doveroso dare all’Isola una opportunità per determinare in Sicilia costi più bassi, sopratutto per gli agricoltori, gli autotrasportatori e i pescatori”.

12:30Taxi, Bologna: delegazione dal sindaco 48–Arrivato il corteo in piazza Maggiore, una delegazione di tassisti è salita a palazzo d’Accursio per un incontro con il sindaco di Bologna Virginio Merola. Il corteo di conducenti è arrivato sul Crescentone intorno a mezzogiorno e si è disposto intorno alla bara (FOTO) scandendo slogan contro il premier Mario Monti ma anche contro Pier Luigi Bersani, per le misure sulle liberalizzazioni assunte quando era ministro.

12:24Reggio Emilia, taxi fermi fino alle 19 47–Anche a Reggio Emilia i tassisti incrociano le braccia contro le liberalizzazioni. Il servizio delle auto bianche si ferma nella città del Tricolore fino alle sette di stasera. Lo confermano i conducenti che si sono radunati davanti alla stazione ferroviaria con cartelli di “fuori servizio” e “sciopero” affissi sulle vetture.

12:24Tir, blocco a Crotone 46–Blocco del traffico pesante da stamane anche a Crotone dove alcune decine di autotreni si sono piazzati sulla statale jonica 106 all’altezza dell’ingresso nord alla città creando disagi alla circolazione stradale. Attualmente i manifestanti, che protestano per gli aumenti del carburante, stanno attuando un blocco parziale consentendo il passaggio delle autovetture. Sul posto è presente la polizia stradale.

12:14Tir, Messina: lunghe code per il pieno 45–Lunghe code di auto ai distributori di carburante si registrano a Messina dalle prime ore di stamane, dopo lo sciopero degli autotrasportatori. In alcuni casi gli automobilisti hanno dormito in auto aspettando l’arrivo delle autobotti cariche di carburante. Presi d’assalto in città anche ai supermercati che nei giorni scorsi erano rimasti senza scorte. Per ritornare a regime sarà probabilmente necessario attendere 24-48 ore

12:14Tir, rimosso blocco autostrada A3 44–È stato rimosso il blocco organizzato in mattinata da un gruppo di manifestanti solidali con il movimento dei ‘Forconi’. La protesta, scattata dopo un presidio in piazza Garibaldi a Napoli, si era spostata all’incrocio di via Galileo Ferraris, bloccando di fatto l’ingresso e l’uscita dall’autostrada A3 Napoli-Pompei-Salerno.

12:05Uritaxi: “Chiederemo incontro capigruppi Parlamento” 43–”Visto che il decreto passerà alla discussione parlamentare riteniamo che solo li’ ci sono degli spazi per un ulteriore modifica. Per questo chiederemo un incontro con i capigruppo di Camera e Senato, per valutare quelle che sono le loro intenzioni e vedere se possono essere correte quelle che noi riteniamo delle vere e proprio assurdità e anomalie”. Lo ha annunciato il presidente di Uritaxi, Loreno Bittarelli, a margine della protesta dei tassisti al Circo Massimo.

12:00Di Pietro: “Ok Cancellieri, ma governo convochi le parti” 42–Il leader dell’Idv Antonio Di Pietro condivide quanto sostenuto dal ministro dell’Interno Cancellieri sullo sciopero dei Tir, ma invita il governo a convocare subito le parti interessate e a usare la ”massima intransigenza” nei confronti di chi manifesta in maniera illegale. ”Bisogna rispettare il diritto di chi sciopera, ma anche di chi viaggia – prosegue Di Pietro – il governo incontri le parti sociali perché ci sono provvedimenti utili, ma anche altri che possono essere rivisti”

11:58Tir, Abruzzo: mezzi fermi per 10 chilometri 41–Dieci chilometri di protesta, in Abruzzo, sulla statale che conduce dal casello Val di Sangro dell’A14 all’agglomerato industriale della Sevel di Atessa (Chieti): quasi cento mezzi pesanti che aderiscono alla manifestazione nazionale – alcuni anche con targa estera – sono fermi su un lato della strada, in modo da consentire comunque la circolazione alle auto private. Gli autotrasportatori che si trovano sul posto ritengono che la protesta possa continuare ancora un paio di giorni.

11:46Tir, bloccato porto di Gioia Tauro 40–Dalla mattinata di oggi, circa 200 camion stanno protestando alle uscite dell’A3 di Rosarno e Gioia Tauro, bloccando di fatto, oltre gli accessi alle due città, anche il passaggio per il porto di Gioia Tauro e alla strada grande comunicazione che unisce la fascia ionica e quella tirrenica della provincia Reggina.

11:42Taxi, a Cagliari auto bianche davanti a Regione 39–Sciopero dei taxi e manifestazione contro la liberalizzazione delle licenze a Cagliari, stamani, davanti al palazzo della Regione in viale Trento. Circa ottanta ‘auto bianche’ aderenti al sindacato Uts, delle 105 in servizio in città, si sono date appuntamento davanti alla sede dell’amministrazione regionale per chiedere un incontro al presidente della Giunta Ugo Cappellacci. Altri venti circa di un’altra sigla sindacale, invece, manifestano davanti all’aeroporto. Una delegazione di tassisti – secondo quanto si e’ appreso stamane – verra’ ricevuta alle 14 dall’assessore regionale ai Trasporti Christian Solinas.

11:38Taxi, adesione massiccia a Bolzano 38–È pressoché totale l’adesione alla protesta dei tassisti bolzanini, diretta contro le recenti liberalizzazioni del governo Monti. In città è impossibile trovare un mezzo. Come ha fatto sapere l’associazione di categoria Uritaxi, alla quale aderisce la cooperativa di 50 mezzi che compongono il parco mezzi bolzanino, sono garantite le fasce protette. La serrata è in programma dalle 9 alle 17.

11:33Tir radunati a Sezze sull’Appia 37–Raduno di tir nell’area di servizio “Fiamma 2000” a Sezze, in provincia di Latina, sull’Appia. A quanto si apprende dalla polizia stradale, diversi mezzi pesanti in transito sull’Appia in direzione Roma stanno confluendo nella stazione di servizio al chilometro 70.600 dell’Appia

11:32Cancellieri: “Due sale crisi per monitorare situazione” 36–Il ministro dell’Interno, Annamaria Cancellieri, ha annunciato che al Viminale sono state istituite due sale crisi per monitorare le proteste degli autotrasportatori.

11:30Tir, bloccati altri caselli su A1 35–Sono in corso blocchi anche ai caselli dell’A1 di San Vittore, Pontecorvo e Anagni da parte degli autotrasportatori. È quanto rileva al momento la polizia stradale. I tir stanno bloccando l’entrata in autostrada ai mezzi pesanti mentre lasciano passare le auto. Per ora non si registrano particolari disagi lungo la rete autostradale in direzione della Capitale.

11:23Tir, Cancellieri: “Non tollerati blocchi stradali” 34–”Non saranno tollerati blocchi stradali, bisognerà stare molto attenti nel senso che fin dove si può tollerare useremo tolleranza e dialogo, però bisogna anche tenere presente i diritti dei cittadini”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Annamaria Cancellieri, a margine di un convegno di studi sulla Shoah, che si è svolto questa mattina a Roma alla Scuola superiore dell’amministrazione dell’Interno. Il ministro, parlando ancora delle proteste annunciate in tutta Italia, ha sottolineato che per il Viminale ”è sicuramente una responsabiiltà pesante da affrontare con molta serenità, ma anche con determinazione”

11:20Taxi, sciopero totale a Capri 33–Fermi ai parcheggi i taxi anche nell’isola di Capri (Napoli), un parco auto del tutto particolare con auto d’epoca e cabriolet, al servizio quasi esclusivo dei turisti. La Cotaca, la cooperativa dei tassisti capresi, ha lasciato nei garage il suo parco auto e da stamattina nelle aree parcheggio della Piazzetta e di Marina Grande è stato affisso un cartello sul quale è annunciata l’adesione allo sciopero nazionale indetto dai sindacati di categoria contro il decreto Monti. L’adesione sull’isola azzurra è totale. La protesta andrà in scena per l’intera giornata. Sarà assicurata sull’isola del golfo di Napoli la presenza ai posteggi di una sola autovettura per i trasferimenti di emergenza. Per raggiungere il porto o per recarsi ad Anacapri i turisti presenti in questo periodo, non potendo usufruire dei taxi, ma dovranno utilizzare il servizio pubblico Atc.

11:15Codacons: “Sciopero tir illegale, governo precetti” 32–Lo ”sciopero” dei Tir ”non è uno sciopero ma una protesta illegale che sta recando un pregiudizio grave ai diritti costituzionalmente tutelati dei cittadini e dei consumatori”. Lo afferma il Codacons che per questo chiede al Governo, ossia al Presidente del Consiglio e al Ministro degli Interni, ai sensi dell’art. 8 della Legge n. 146 del 1990, ”di adottare immediatamente un’ordinanza non solo perché i blocchi stradali siano immediatamente rimossi, ma perché la protesta sia del tutto rinviata, considerato che anche la semplice e sola astensione dal lavoro, essendo mancato il preavviso di legge ed essendo ormai lo sciopero durato più dei 3 giorni massimi consentiti, è illegale”.

11:14Niente taxi a Fiumicino 31–Niente taxi in circolazione anche all’aeroporto di Fiumicino per lo sciopero nazionale contro il decreto liberalizzazioni, ma disagi limitati per i passeggeri che, ormai ”istruiti” dai giorni scorsi, optano per mezzi di trasporto alternativi come treno o bus. È la fotografia questa mattina nello scalo aereo della Capitale, dove dalle ore 8 sono chiuse le barriere che delimitano l’entrata e l’uscita nelle corsie di sosta riservate alle auto bianche davanti ai terminal 1 e 3. All’interno dell’aerostazione, operatori dell’Agenzia della Mobilità del Comune di Roma assistono intanto i passeggeri, indirizzandoli verso il terminal ferroviario, dove sono regolarmente in funzione (ma senza aumento delle corse rispetto agli orari giornalieri) il Leonardo express fino alla stazione Termini e i treni metropolitani fino ad Orte e Fara Sabina, che transitano per la stazione Ostiense collegata con la linea B della metropolitana.

11:10Ugl Taxi: “Sciopereremo altri giorni” 30–”Il governo è bugiardo. Abbiamo letto il testo del decreto ieri sera e dice tutto l’inverso di cio’ che ha annunciato Catricala’. Oggi tireremo fuori questo documento e vedremo che fare ma sicuramente sono previsti altri giorni di sciopero”. Lo ha annunciato il segretario nazionale dell’Ugl Taxi, Pietro Marinelli, a margine della protesta dei tassisti al Circo Massimo. ”L’Authority è una delle cose più becere fatta da questo governo rispetto ai precedenti.L’Authority deciderà su tutto… Ma Anci e sindaci dove sono? Forse sono collusi con il governo”.

10:47Tir, Coldiretti: “A rischio 86% spesa degli italiani” 29–Con l’86% dei trasporti commerciali che in Italia avviene su strada, lo sciopero dei Tir mette a rischio la spesa degli italiani soprattutto per i prodotti più deperibili come il latte, la frutta e la verdura che non riescono a raggiungere gli scaffali dei mercati. È quanto afferma la Coldiretti che, in riferimento alla mobilitazione degli autotrasportatori, sottolinea i pesanti effetti che si potrebbero presto avere per le tavole degli italiani e per le aziende agricole. L’agroalimentare – precisa la Coldiretti – è il settore più sensibile perché ai ritardi e alla perdita di opportunità commerciali si aggiungono la distruzione e il deprezzamento che subiscono i prodotti deperibili come latte, carne, frutta e verdura. Come è già successo in Sicilia, se non si tornerà presto alla normalità, gli effetti – conclude la Coldiretti – si faranno presto sentire con gravi danni per le aziende agricole, per il commercio e per i consumatori con gli scaffali dei supermercati vuoti e il rischio di effetti speculativi sui prezzi

10:45Taxi, Circo Massimo: auto tricolore e ‘Monti scialla!’ 28–Un’auto bianca parcheggiata al Circo Massimo con appesi Tricolori e la scritta ‘Noi Roma la vivemo, voi che ne sapete! Monti scialla!!!’. Questa la protesta inscenata dai tassisti romani in sciopero oggi contro il decreto sulle liberalizzazioni del governo Monti. C’è anche chi ha deciso di scendere in piazza in mutande e con un tassametro attaccato sul didietro: ”ci vogliono lasciare in mutande – ha detto il tassista – e il tassametro Monti ce lo vuole mettere proprio là… E mi sa che il conto ci farà male”. Al Circo Massimo, sono gia’ centinaia i manifestanti arrivati e che sono in attesa degli interventi dei loro rappresentanti sindacali che si terranno verso le 11.00.

10:44Tir, si uniscono alla protesta marinerie delle Marche 27–Si uniscono alla protesta degli autotrasportatori le marinerie del sud delle Marche. Mentre a Civitanova Marche (Macerata) è stato appena rimosso il blocco dell’accesso al porto, che è durato per tutta la notte, a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) è scattata questa mattina la protesta della marineria locale, che è la più grande della regione. Tutti fermi in porto per manifestare contro l’aumento dei costi di gestione delle loro attività gli oltre 80 pescherecci che fanno base nella cittadina picena. Al momento però non si segnalano blocchi e disagi alla circolazione di accesso al porto, sia dal mare che dalle vie cittadine. Secondo la Capitaneria di Porto locale la situazione è sotto controllo.

10:37Tassista: “Guadagno 40 euro al giorno…e Monti?” 26–”Siamo stanchi e non ce la facciamo più. Così non si può andare avanti. Io guadagno 40, massimo 50 euro al giorno… e Monti?”. Al Circo Massimo è arrivato questa mattina anche un gruppo di tassisti napoletani per protestare, insieme ai loro colleghi romani, contro il decreto Liberalizzazioni del governo Monti. “Guadagnando queste cifre – ha spiegato uno di loro – non rientro nei costi delle spese. Per una Fiat io pago di assicurazione 1.800 euro l’anno. E con 40 euro al giorno che cosa ci faccio? Dovremmo guadagnare almeno 150 euro per pagarci tutte le spese che abbiamo: dall’assicurazione alla manutenzione della acchina”

10:35Tir, bloccato casello Genova-Bolzaneto 25–l casello autostradale di Genova-Bolzaneto è bloccato per i mezzi pesanti che devono entrare in autostrada. Lo riferisce la Polizia Stradale. Alcune decine di autotrasportatori aderenti alla sigla Trasporto Unito, stanno effettuando un presidio in Piazzale Casalini, davanti al casello di Bolzaneto, sulla A7 Genova-Milano, impedendo ai tir l’accesso alla rete autostradale.

10:34Taxi, a Palermo sciopero dalle 12 alle 18 24–Sciopero dalle 12 alle 18: i tassisti di Palermo hanno deciso di astenersi dal lavoro non l’intera giornata, come nelle altre città italiane dove le ‘auto bianche’ scioperano dalle 8 alle 22, ma di fermarsi per sei ore. Quindi, disagi per i cittadini più limitati. I tassisti si raduneranno a mezzogiorno a piazza Politeama per un’assemblea. La decisione di non scioperare per l’intera giornata, viene spiegato da esponenti della categoria, è legata anche al fatto che i tassisti non hanno lavorato, la settimana scorsa, per 5 giorni consecutivi, con ripercussioni forti sul piano economico. E poi c’è chi fa notare che la decisione del governo Monti di istituire un’Authority non sia così negativa, in attesa che si capisca chi ne farà parte e come funzionerà.

10:32Tir, leader Movimento Forconi incontra giornalisti 23–Una conferenza stampa di parte del movimento ‘Forza d’urto’ e del Movimento dei Forconi è stata convocata per oggi alle 15.30 a Pian del Lago, nei pressi del campo sportivo, da uno dei leader dei Movimento dei Forconi Mariano Ferro “per chiarire tutti gli elementi messi in giro da alcune voci false, e far chiarezza sul da farsi”. “Parleremo – ha detto Ferro – delle dichiarazioni di Mariano Morsello, delle falsità che sta spargendo su YouTube e Facebook, e della falsità che sta spargendo Giuseppe Richichi”

10:30Dal Cciss notizie aggiornate su viabilità 22–Notizie aggiornate sulla percorribilità di autostrade e viabilità ordinaria sono disponibili tramite il Cciss (numero gratuito 1518, sito web www.cciss.it e mobile.cciss.it, nuova applicazione gratuita iCCISS per iPHONE), le trasmissioni di Isoradio ed i notiziari di Onda Verde sulle tre reti Radio-Rai; per l’autostrada A3 “Salerno Reggio Calabria” è in funzione, per le informazioni sulla viabilità, il numero gratuito 800 290 092.

10:27Tir, Viminale: “Situazioni più critiche su A21, A4, A30″ 21–”I blocchi stradali riguardano solo il traffico pesante, ma la saturazione degli svincoli crea delle code e dei disagi anche per le autovetture”. Viabilità Italia, il Centro di coordinamento nazionale della viabilità istituito al Viminale, riunito per monitorare le ripercussioni sulla circolazione delle manifestazioni degli autotrasportatori, segnala che ”le situazioni piu’ critiche si registrano attualmente:  – in Piemonte: temporanea chiusura del casello di Asti est sull’A21: sulla Tangenziale di Torino disagi per la presenza in carreggiata di manifestanti (libera una corsia su tre);  – in Lombardia: sull’A4 Milano-Brescia si registra congestione degli svincoli di Bergamo, Capriate, Seriate e Dalmine con conseguenti code in entrambe le direzioni sulla carreggiata autostradale;  – in Abruzzo: caselli di Pescara Nord e Mosciano Sant’Angelo;  – in Campania: sull’A30 Caserta-Salerno dove si sono formati 2 km di coda in direzione sud alla barriera di Mercato San Severino e sull’A1 alla barriera di Napoli Nord verso Roma.

10:26Tir, rallentamenti nella notte sulla E45 nel Perugino 20–Rallentamenti nella notte sulla carreggiata nord della E45 nella zona di Perugia nell’ambito della protesta degli autotrasportatori in atto in ambito nazionale. La situazione è ora tornata normale anche se i manifestanti hanno mantenuto presidi nella zona di Lidarno.

10:21Taxi, a Torino sciopero dalle 9 alle 21 19–È alle 9 anche a Torino, come nel resto d’Italia, lo sciopero dei tassisti contro i provvedimenti approvati venerdi’ dal governo. L’astensione dal lavoro nel capoluogo piemontese è prevista fino alle 21 di questa sera. I tassisti fra poco si riuniranno in assemblea in Piazza Vittorio per discutere dei contenuti del provvedimento che liberalizza il servizio.

10:18Tir, presidio in Abruzzo sulla A14 18–Gli autotrasportatori protestano anche in Abruzzo, con un presidio organizzato, a partire dalla mezzanotte, nei pressi del casello Città Sant’Angelo-Pescara Nord dell’autostrada A14, per protestare contro il caro carburante e i provvedimenti del governo. Una quarantina di mezzi pesanti, al momento, sono fermi nei pressi del casello, mentre i camionisti cercano di convincere i colleghi in uscita e in entrata sull’autostrada ad unirsi alla manifestazione. Decine e decine le persone presenti nell’area, tra cui anche i ragazzi del cosiddetto ”Movimento dei forconi – Abruzzo” che fin da venerdì ha organizzato un presidio simbolico di protesta nella zona del casello autostradale. Sul posto è presente anche un cospicuo numero di uomoni delle forze dell’ordine, tra Polstrada, Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza. Non si registrano al momento problemi particolari, se non rallentamenti al traffico.

10:15Tir, situazione critica in Piemonte 17–Le situazioni più critiche si registrano attualmente in Piemonte (VIDEO) con la temporanea chiusura del casello di Asti est sull’A/21: sulla tangenziale di Torino disagi per la presenza in carreggiata di manifestanti (libera una corsia su tre).

10:11Tir, a Napoli presidio solidarietà con ‘Forconi’ 16–Un gruppo di un centinaio di persone aderente al movimento ‘Insorgenza civile’ che si riconosce nella protesta dei ‘Forconi’ siciliani presidia da questa mattina Piazza Garibaldi con uno striscione sul quale c’è scritto ‘Insorgere è giusto’. Questa notte alcuni aderenti al movimento ‘Made in Naples’ nato spontaneamente su Facebook negli ultimi giorni è andato a portare la solidarietà agli autotrasportatori che occupavano a Marcianise (Caserta) una parte dell’autostrada. “Le manovre economiche non si fanno in funzione del popolo – spiegano i manifestanti – nel Sud la crisi è più seria perchè siamo improduttivi da molti anni, vogliamo che le manovre economiche si facciano per i ricchi”

10:04Taxi, a Bari corteo a passo d’uomo 15–Alcune centinaia di taxi sono confluiti in piazza Libertà, davanti a prefettura e municipio di Bari FOTO. Nel corso della giornata è previsto che i manifestanti sfileranno in corteo per le vie cittadine a passo d’uomo accentuando i problemi di un traffico già caotico per lo sciopero degli autotrasportatori che sta avendo pesanti ripercussioni nella circolazione cittadina. Assicurate dai tassisti solo le corse d’urgenza per il trasporto sangue e di disabili, di anziani che hanno bisogno di raggiungere gli ospedali e delle donne incinte.

10:01Tir, ancora presidi in Sicilia orientale 14–Presidi a Giarre e Caltagirone in provincia di Catania. Nel ragusano a Modica, Monterosso, Ragusa (stazione Di Chiara), Sampieri, Pozzallo, Donmnalucata, Comiso e Santa Croce Camerino mercato ortofrutticolo. Tir bloccati a Reggio Calabria (VIDEO) e Villa Sa Giovanni per la protesta degli autotrasportatori “italiani”. Ancora code per la benzina

09:57Taxi, presidio davanti allo stadio 13–Ha preso il via anche a Milano lo sciopero nazionale dei taxi indetto per protestare contro il decreto liberalizzazioni. Nel capoluogo lombardo i taxisti si stanno concentrando in piazza Axum, davanti allo stadio di S.Siro. Se ne prevedono circa 2.000, che dovrebbero dare vita a un presidio dalle 10 alle 14. Quanto alla possibilità di un corteo, al momento l’autorizzazione alla manifestazione riguarda solo un’assemblea

09:54Tir, Confindustria: “In Sicilia danni per 500 mln di euro” 12–Confindustria fa la conta dei danni causati dalla settimana di blocchi in Sicilia, con una perdita di circa 500 milioni di euro per le aziende isolane, e la cassa integrazione per almeno 800 lavoratori. VIDEO

09:49Marche, caselli bloccati 11–Gli autotrasportatori hanno bloccato i caselli autostradali dell’A14 nella zona sud delle Marche, a San Benedetto del Tronto, Porto Sant’Elpidio, Civitanova Marche e Ancona Sud. I manifestanti fanno parcheggiare i mezzi in entrata e in uscita. Alla protesta partecipano anche i pescatori della marineria di San Benedetto del Tronto che stanno bloccando il porto.

09:46Tir, Cna-Fita si dissocia dalla protesta 10–È un fermo sbagliato, gli autotrasportatori non aderiscano a una protesta che mira solo ”a strumentalizzare una disperazione latente per altri scopi”. Lo afferma la Cna-Fita, dissociandosi dallo stop e invitando le altre associazioni a fare altrettanto.

09:42Bologna, raduno dei taxi da 5 regioni 9–È cominciato alle 8 a Bologna il raduno in vista del corteo-lumaca dei taxisti contro le liberalizzazioni del governo Monti. Una lunga colonna di auto bianche si sta preparando per partire dal Parco Nord (una grande area della periferia, vicina ad un’uscita autostradale) e raggiungere il centro storico.

09:36Puglia, situazione critica sulla tangenziale di Bari 8–Numerosi blocchi di autotrasportatori sono in corso su varie strade pugliesi dalla scorsa notte. L’agitazione, intensificatasi con il trascorrere delle ore, sta determinando considerevoli rallentamenti o in alcuni casi il blocco della circolazione automobilistica, normalmente caotica il lunedì mattino sulle vie di accesso alle città. La situazione più critica si registra sulla tangenziale di Bari, l’unica strada che collega il Nord al Sud della Puglia. Mezzi pesanti occupano due delle tre corsie e il traffico procede a passo d’uomo. Attualmente sono quattro i chilometri di coda ma le previsioni non sono rosee

09:29Taxi, sciopero dalle 8 alle 22. Raduno al Circo Massimo 7–Oggi sciopero nazionale dei taxi indetto per protestare contro il decreto liberalizzazioni. A Roma, come nelle altre città, le auto bianche si sono fermate alle 8 e lo stop proseguirà fino alle 22. Parcheggi vuoti, taxi non in circolazione e i centralini di tutte le cooperative che avvertono che ‘il servizio non puo’ essere garantito per lo sciopero nazionalè. A Roma disagi in particolare all’aeroporto di Fiumicino e alla Stazione Termini (VIDEO) dove oggi gli operatori dell’Agenzia per la Mobilità di Roma assisteranno i passeggeri. L’appuntamento romano anche per oggi è al Circo Massimo, già teatro della protesta della scorsa settimana andata avanti cinque giorni. Alle 11 è previsto un comizio di sindacalisti. A Bologna 250 tassisti di Toscana, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino si sono dati appuntamento per sfilare con un ‘serpentone’ di auto bianche dalla periferia al centro. Tra i tanti punti del decreto sotto accusa il più contestato è quello che delega all’Authority la gestione del settore e delle licenze.

09:27Sicilia verso la normalità 6–Torna gradualmente normale la situazione in sicilia, dopo la settimana di sciopero messa in atto dagli autotrasportatori e dai comitati “Forza d’urto” e “Movimento dei forconi”. Sebbene la protesta prosegua in forma “pacifica”, i tir carichi di carburante sono riusciti a rifornire le pompe di benzina lasciate a secco nei giorni scorsi e prese letteralmente d’assalto da migliaia di automobilisti che hanno atteso ore prima di poter fare rifornimento. Ancora ieri qualche presidio si registrava nelle province di Caltanissetta e Catania, ma ormai il fronte dei manifestanti appare spaccato, con la frangia più agguerrita che si è spostata verso Roma.

09:26Autotrasportatori fermi nel Bergamasco 5–Una serie di presidi di autotrasportatori sono segnalati, da questa mattina presto, sull’autostrada A/4, nel Bergamasco.Tir fermi, e qualche picchetto, sono segnalati al casello di Bergamo e, in entrata e uscita, a Seriate e a Dalmine. Sul posto si trova la Polizia stradale. Al momento la circolazione in carreggiata è regolare, tranne per alcuni rallentamenti in prossimità dei presidi.

09:25Cancellieri: “Seguiamo protesta con attenzione” 4–Il ministero dell’Interno segue “con molta attenzione” le proteste degli autotrasportatori, partite dalla Sicilia ma ora estese ad altre parti d’Italia, “perché nulla esclude che questi malesseri possano sfociare in manifestazioni di tipo diverso”. Lo ha affermato il ministro Annamaria Cancellieri, intervistata nel corso della trasmissione di Radio Uno “Prima di Tutto”. Domani riferirà al Senato sulle conseguenze del blocco degli autotrasportatori in Sicilia.

09:24Blocco anche nel napoletano 3–Anche nel napoletano si registrano blocchi stradali nell’ambito della protesta dell’autotrasporto ormai nota come ‘movimento dei forconi’. A Nola, Palma Campania e sulla Statale 7bis, il blocco al traffico è stato fatto con una cinquantina di tir e un centinaio di persone. Già da ieri sera, nel nolano, c’era stato un primo raduno di mezzi, poi in nottata è maturata la decisione del blocco.

09:23Disagi sulla Roma-Napoli, due caselli chiusi 2–La protesta dei tir sbarca nel Lazio e crea i primi disagi al traffico sull’A1 nel tratto Roma- Napoli. Lo sciopero scattato la scorsa notte ha portato alla chiusura dei caselli di Frosinone e Anagni dove gli autotrasportatori hanno organizzato presidi. Tir e camion fermi anche nei pressi dei caselli di Ceprano, Cassino e San Vittore nel Lazio. Sull’A1 in Ciociaria già si registrano le prime ripercussioni negative per la circolazione, così come lungo la Casilina. La protesta, sull’onda di quella che ha bloccato la Sicilia, è scattata per contestare il rincaro del gasolio, l’aumento dei pedaggi autostradali e dell’Irpef. Lo sciopero andrà avanti per cinque giorni.

09:21Sciopero tir, più di 60 presidi in tutta Italia 1–Si accostano ai lati delle autostrade impedendo il passaggio delle auto, se non in un’unica corsia, creando così disagi alla circolazione. Sono oltre 60 i presidi in corso in tutta Italia per lo sciopero dei tir iniziato questa notte. “Da questa notte – ha spiegato il segretario generale del trasporto unito fiap, maurizio longo, a Sky tg24 – c’è un’azione per rappresentare il nostro disagio sul territorio. La circolazione delle vetture è garantita, ma a creare disagio sono i molti conducenti dei veicoli industriali che accostano. C’è stata una risposta superiore a quella che ci aspettavamo, siamo il settore economico più indebitato del nostro paese”. Il programma è quello di terminare la protesta “venerdì, noi lavoriamo per risolvere i problemi dei nostri imprenditori, auspichiamo interesse da parte del governo e non avremmo neanche voluto farla questa protesta, ma dovevamo dare un segnale forte, chiudere in silenzio sarebbe stata delusione”.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Software Magazzino Tracciabilità Big

Annunci
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Informazioni su Giorgio Fiore

Ricercatore autonomo di informazioni basilari per la vita e la dignità delle persone.

Vedi tutti gli articoli di Giorgio Fiore

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

6 commenti su “Movimento dei Forconi – Esplode la protesta in tutta Italia, taxi e blocco dei TIR [IN AGGIORNAMENTO]”

  1. Laura Dice:

    Ben venga tutto quello che sta accadendo e quello che accadrà, finalmente si respira aria di una concreta voglia di cambiare una situazione della quale non se ne può più….

    Rispondi

  2. mimmo Dice:

    La Marcegaglia, prima faceva la guerra a Berlusconi che non ha fatto nulla, adesso fa la guerra alla gente che non ne può più, ecco un altra schettino. Basta andatevene tutti a casa, avete fallito. Spazio al popolo!

    Rispondi

Trackback/Pingback

  1. Blocco della Sardegna – Coordinamento, determinazione e idee molto chiare | Pensare Liberi News - 25 gennaio 2012

    […] Movimento dei Forconi – Esplode la protesta in tutta Italia, taxi e blocco dei TIR [IN AGGIORNAMEN… […]

  2. Blocco della Sardegna – Coordinamento, determinazione e idee molto chiare | Pensare Liberi News - 25 gennaio 2012

    […] Movimento dei Forconi – Esplode la protesta in tutta Italia, taxi e blocco dei TIR [IN AGGIORNAMEN… […]

  3. Movimento dei Forconi di tipo 1 – Morsello – LE ANALISI CHE NESSUNO HA IL CORAGGIO DI FARE | Pensare Liberi News - 1 febbraio 2012

    […] Movimento dei Forconi – Esplode la protesta in tutta Italia, taxi e blocco dei TIR [IN AGGIORNAMEN… […]

  4. Movimento dei Forconi di tipo 2 – Ferro, Scarlata – Da lunedì niente benzina fuori dalla Sicilia | Pensare Liberi News - 3 febbraio 2012

    […] Movimento dei Forconi – Esplode la protesta in tutta Italia, taxi e blocco dei TIR [IN AGGIORNAMEN… […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: