ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE


A quanto pare, in un mio recente editoriale, ero stato troppo ottimista prevedendo il raggiungimento della pressione fiscale al 55% per il prossimo autunno. Il buon Monti e la sua squadra di grassatori si sono dimostrati lungimiranti e indefessi lavoratori, il 55% ce lo hanno regalato con circa sei mesi di anticipo.

La situazione economica italiana è una delle peggiori d’Europa, ma con la furbizia e gli artifici da prestigiatore d’avanspettacolo, il governo riesce a dare l’immagine di un’Italia impegnata in una lotta di ripresa, dura ma necessaria, criticata ma fattivamente accettata da tutti. Balle!!!

In realtà il paese è stato scaraventato in una situazione economica tragica, lo schiacciasassi del fisco passa su tutto e tutti insensibile alle grida di dolore che si levano alte. I media sono loro complici dando poco, o nulla, risalto ad episodi altamente significativi dello stato di fatto in cui ci troviamo. Il suicidio di numerosi imprenditori travolti dalla crisi e dissanguati da  un fisco ottuso unitamente ad analoghi episodi che vedono protagonisti lavoratori dipendenti che hanno perso il lavoro, viene sottaciuto o scarsamente evidenziato, vengono messi in atto tutti gli espedienti per distrarre l’opinione pubblica dai tragici eventi, notizie di gossip o di nessuna valenza sociale vengono portate all’onore della cronaca come fossero grandi scoop giornalistici mentre tragici episodi di grave malessere sociale sono solo accennati.

Se analizziamo la manovra messa in atto dal Sig. Monti, anche volendo escludere le misure prese per favorire la sua casta, chiunque può rendersi conto dell’inutilità dei provvedimenti adottati.

Non occorre essere grandi economisti, del resto gli economisti non schierati politicamente hanno bocciato come assurda e dannosa la manovra economica in atto, per rendersi conto che tutti i provvedimenti adottati vanno esattamente nella direzione opposta da quella che dichiarano di perseguire. Il buon senso ci porta ritenere errato gravare di altri debiti, privare di ulteriori risorse una persona in crisi finanziaria, la cosa giusta è di dargli la possibilità di riprendersi, magari alleggerendo il carico e concedendo dilazioni. Lo sanno anche gli usurai, i più spregevoli individui, che, a meno di non perseguire un piano di diversa natura, di fronte a gravi difficoltà delle loro vittime allentano la presa quel tanto che basta perché questa possa riprendersi e ritornare a pagare.

Lo Stato, dunque, si sta comportando peggio di uno strozzino, sta spremendo denaro da contribuenti economicamente stremati e psicologicamente minati nell’obbiettività da una perdurante recessione economica.

Una manovra finanziari fatta di “Rapina” non serve a nulla, fare cassa scippando il denaro dalle tasche già vuote di un popolo sofferente non potrà mai, e dico mai, portare ad una ripresa economica. Spremere brutalmente il contribuente serve solo a dare l’impressione, fasulla, che le cose vanno meglio e che l’Italia ha intenzione di mettere ordine nei propri conti. Non ci crede nessuno e tanto meno gli osservatori economici della UE. E’ scontato che sottraendo ossigeno ad un morente se ne accelera solo la fine.

E’ alla portata della comprensione di tutti che i provvedimenti da prendere, per perseguire una ripresa economica a medio – lungo termine è di abbassare il carico fiscale sulle imprese e sui cittadini, agevolare l’accesso al credito di tali soggetti, combattere il diffondersi del panico e ridare l’avvio ai consumi. Certo i tempi si dilatano di molti, occorre avere pazienza e sperare che tutto vada bene, ma sicuramente le probabilità di riuscita sono infinitamente più alte, anzi realmente realizzabili e non apparentemente funzionali. Già quasi tremila anni fa il legislatore ateniese Solone per superare un periodo di crisi economica adottò il provvedimento drastico della remissione del debito sia verso privati che verso le istituzioni, ciò gli causò molti nemici ma risolse i problemi e diede l’avvio ad un lungo periodo di benessere.

Oggi un provvedimento del genere sarebbe risolutivo, una commissione che esaminasse la situazione debitoria, su richiesta del soggetto in difficoltà, e stabilisse se le condizioni per cancellare, del tutto o in parte, il debito siano realmente utili sarebbe sicuramente più auspicabile di una società inquisitoria e delinquenziale quale è l’attuale Equitalia. Eppure l’Italia è un paese catto-cristiano, i politici sono gran frequentatori di chiese e spesso la loro carriera è iniziata proprio leccando il culo ai prelati, se non erro essi pregano biascicando:” Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimetteremo ai nostri debitori”. Forse sarebbe il caso di cambiare in:” I nostri debiti li colmiamo rubando ed ai nostri debitori strappiamo anche la pelle”.

Ma all’attuale classe dirigente non importa nulla della sofferenza del popolo, non sono toccati dallo slittamento verso la povertà e l’indigenza di strati di popolazione che già era in bilico. L’oligarchia dominante non ha orecchie per ascoltare le sofferenze, arroccati nei loro castelli fatti di privilegi e smodati lussi non sentono l’odore della fame che giunge dalle strade.

Gli Italiani temono, giustamente, l’uso della violenza come argomento di affermazione politica, ma quando ti hanno privato di tutto il possibile ed ancora pretendono, quando ti costringono ad ignorare la fame che ti rumoreggia in corpo, quando non puoi guardare in faccia i tuoi figli perché non sei riuscito a procurare qualcosa da mangiare, ribellarsi è ancora un errore? E’ peccato punire duramente chi si ingozza mentre i tuoi figli rischiano di morire d’inedia?  La violenza è sempre da rifuggire o è piuttosto l’ultima possibilità per far sentire la propria voce?

Forse chi si rifiuta di ascoltare l’umile che questua per poter sopravvivere drizzerà le orecchie al clangore delle armi.

La lotta per la sopravvivenza non è un diritto ma un dovere, battersi non per se stessi ma per il bene dei propri simili è il più nobile degli atti.

SIC SEMPER TIRANNIS (così periscano sempre i tiranni), Bruto nell’atto di sferrare la pugnalata decisiva a Cesare.

Luigi Orsino

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Software Gestionale Pubblica Assistenza

Annunci

Informazioni su Luigi Orsino

Studi di medicina presso l'Università Federico II di Napoli. Imprenditore, scrittore, blogger. Molto attivo nel contrastare la criminalità organizzata, camorra ed ogni altra mafia, contro cui ho lottato duramente e lungamente. Ancora oggi continuo a lottare, e a subire intimidazioni ed attentati, ma per fermarmi dovranno uccidermi. Amo scrivere, di tutto: articoli, racconti, romanzi, poesie. Gli animali, tutti, sono miei simili, il lupo è il mio animale "Totem". Adoro guidare, in off road soprattutto.

Vedi tutti gli articoli di Luigi Orsino

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

20 commenti su “ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE”

  1. Lorena Casadei Dice:

    L’Italia è incredibile, riesce pure a negare l’evidenza, è maestra in questo, in quanto agli italiani, non ho parole, neppure commenti, non resta che piangere!!!

    Rispondi

  2. Ghebura's Eye Dice:

    Scusate la schiettezza ma….il popolo dov’è? Lo stesso popolo italiano che qualche secolo fa, di fronte ad un altro Monti, aveva reagito linciandolo ad ombrellate, dov’è???

    Se gli italiani non sanno fare altro che lamentarsi, siamo messi male e abbiamo perso la nostra forza, c’è poco da dire!

    Rispondi

  3. mora di rovo Dice:

    pur condividendo in pieno, mi domando: ma che cosa in concreto possono fare gli italiani? (beh, ammesso di trovarne) perchè è vero, rimango basita ad ogni telegiornale, (e in casa mia si ascoltano tutti) e le informazioni più oneste me le danno gli sgommati! ma io mi dico e adesso che faccio? prendo il forcone ( e visto che sono un agricoltore anche la zappa, l’ascia, e la motosega)? e poi?

    Rispondi

    • Ghebura's Eye Dice:

      Cosa può fare un popolo se si unisce? Una volta c’era la rivoluzione violenta, ora se tutto il popolo si unisse si potrebbe arrivare ad azioni di rivoluzione pacifica, fatta di tanti piccoli gesti quotidiani, che porterebbero a modificare tante cose nel nostro paese. Non scordiamoci, infatti, che rivoluzionare non è solo un cambiare l’alto, ma anche il basso. Qui si deve capire che è il basso che deve cambiare. Un esempio: ci rimpinzano la testa di cacchiate sull’utilità dei piccoli comuni, quando la legge stabilisce che il numero minimo di abitanti per comune dovrebbe essere di 10.000 abitanto (o 8.000, non ricordo bene) eppure abbiamo comuni molto più piccoli e sindaci e giunte ci illudono che questo sia necessario per la migliore gestione, quando sarebbe sufficiente mettere degli uffici comunali aperti al pubblico in determinati giorni e avere due o tre dipendenti che girano questi durante la settimana (per non parlare del fatto che, con internet, uno può fare anche richieste online). Ma la manipolazione fatta da queste persone INTERESSATE ci spinge a credere che servano, quando eliminandoli si risparmierebbero molti soldi (meno spese = meno tasse si spera), ma nessuno ancora si muove per eliminare questi sprechi!

      Questo è solo un esempio per dire che se non siamo noi a volere un vero cambiamento, chi è a Montecitorio farà sempre ciò che i suoi interessi gli suggeriranno!

      Rispondi

Trackback/Pingback

  1. PREMIATA DITTA ATTILIO BEFERA E COMPANY | Pensare Liberi News - 5 aprile 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  2. PREMIATA DITTA ATTILIO BEFERA E COMPANY | Pensare Liberi News - 5 aprile 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  3. LIBERO ARBITRIO – DINANZI ALL’INEVITABILE E’ GIUSTO SALVAGURDARE LA PROPRIA DIGNITA’? | Pensare Liberi News - 12 aprile 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  4. LEGA NORD – SE METTESSERO IN VENDITA LE TESTE DI C… SANEREMMO IL DISAVANZO PUBBLICO | Pensare Liberi News - 27 aprile 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  5. LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO | Pensare Liberi News - 11 maggio 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  6. EQUITALIA – Lo Stato contro i cittadini | Pensare Liberi News - 14 maggio 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  7. IPOTESI DI REATO | Pensare Liberi News - 30 maggio 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  8. MARIO MONTI – LA MALA PIANTA | Pensare Liberi News - 31 maggio 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  9. DANNI COLLATERALI – COME LA CRISI ECONOMICA FAVORISCE LE MAFIE | Pensare Liberi News - 12 giugno 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  10. EROI QUOTIDIANI | Pensare Liberi News - 9 luglio 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  11. IL DOLORE DEI VINTI | Pensare Liberi News - 10 luglio 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  12. Di LUIGI ORSINO – IL CORAGGIO DI ESSERE UOMINI | Pensare Liberi News - 27 luglio 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  13. RAPPORTI STATO MAFIA – Un lungo e felice connubio | Pensare Liberi News - 14 settembre 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  14. Luigi Orsino – LA CAREZZA DEL MALE – Incipit e prologo del mio libro | Pensare Liberi News - 18 settembre 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  15. PULIZIE DI CASA | Pensare Liberi News - 24 settembre 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

  16. LA CORDA TESA | Pensare Liberi News - 26 ottobre 2012

    […] ITALIANI: (TROPPO) BRAVA GENTE […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: