ORA PARLO IO: Giornalismo alternato, giornalismo alterato. Spegnete le TV, stracciate i giornali!

5 aprile 2012

ORA PARLO IO


ORA PARLO IO - pensareliberi.com

Benvenuti ad un nuovo appuntamento con lo spazio settimanale ORA PARLO IO, dedicato agli articoli dei lettori.

Dopo una lunga pausa per il periodo natalizio, ritorna la consueta rubrica settimanale ORA PARLO IO. Abbiamo smistato molte email, segnalazioni e articoli di lettori e navigatori che ci seguono. Come sempre gli argomenti trattati sono vari e molto interessanti e non potete immaginare quanto sia difficile fare una cernita e discriminare quello che sarà l’articolo che verrà pubblicato. Ci vorrebbe un ORA PARLO IO giornaliero (e non è escluso che lo si possa programmare).

Questa settimana abbiamo scelto una riflessione di un nostro lettore, Andrea Giuffrè andreagiuffry@gmail.com, relativa al giornalismo italiano e alle sue inettitudini alle quali, purtroppo, ci siamo abituati a nostre esclusive spese.

—————————————————————————————————————-

Un saluto a tutti i lettori di Pensare Liberi.

Voglio condividere con voi alcune osservazioni e ripeto osservazioni e non riflessioni. L’informazione nel nostro paese riporta delle evidenze che da cittadini emancipati non possiamo più accettare, non ce lo possiamo più permettere.

Sino a due mesi fa erano i compari Santoro e Travaglio che davano strumentalmente la colpa di tutto (allergia ai gatti compresa alla quale si aggiunge in questi giorni l’affondamento della nave Concordia) a Berlusconi – ora dicono che è un problema globale, mondiale e che un cambio del presidente del consiglio non risolve i problemi, “lasciamo lavorare Monti”.

Adesso che Berlusconi si è dimesso, i giornali come Libero, Il Giornale, Il Foglio e rispettivi compari direttori, danno tutta la colpa di quello che succede a Prodi e a Monti – prima dicevano che era un problema globale e che non dipendeva dal loro padrone nano.

Ora tutte le testate e le trasmissioni TV mettono sotto torchio le agenzie di rating, come se fossero spuntate adesso, come se facessero terrorismo finanziario a partire da quest’anno! Quando tutti coloro che volevano essere informati erano al corrente del fatto che queste agenzie hanno sempre lavorato su commissione, da quasi quindici anni, operando come mercenari per gli Stati Uniti e per la Germania.

MI CHIEDO, MA COME SI FA A SOPPORTARE UN GIORNALISMO COSI’?! COME ABBIAMO FATTO A SOPPORTARLO FINORA E COME FANNO MOLTI A SOPPORTARLO ANCORA?

Non è possibile affrontare problemi socio economici così profondi come se si stesse parlando della propria rispettiva squadra del cuore! C’è in ballo la vita di milioni di persone e questi giornalisti milionari (non crediate che sia solo Berlusca il ricco) non si fanno scrupoli nel tenere un popolo nella più profonda ignoranza pur di riportare l’osso ai loro rispettivi padroni.

Giornalisti, comici e inviati che fanno la riverenza e l’inchino a Monti spudoratamente, vergognosamente! Fabio Fazio avrà ancora oggi la lingua rattrappita e i pantaloni urinati!! Non si vedevano scene simili dai tempi di Berlusconi e Vespa!

Per non parlare del cattivo gusto di certi personaggi che strumentalizzano la tragedia della Costa Concordia pur di fare dell’ironia ancora su Berlusconi/Schettino! “Ma dai, si scherza… era per fare un’ironia pungente… impegnata…”. Continui insulti alla nostra intelligenza!

Santoro e Travaglio in questo sono i peggiori, lo voglio dire anche se con rammarico, proprio perché sono tecnicamente i migliori e quindi quelli in grado di danneggiare e distorcere maggiormente la visione della realtà dei loro lettori e spettatori.

PERCHE’ NON INIZIAMO A LIBERARCI LA MENTE E A PURIFICARCI IL FEGATO CANCELLANDO DALLA NOSTRA VITA TV E GIORNALI?

L’AUTOINFORMAZIONE E’ ATTIVA E NON PASSIVA, LIBERA LA MENTE E UNIFICA I POPOLI. GLI STRUMENTI PER FARLO BENE LI ABBIAMO, FACCIAMOLO E VEDRETE CHE ALLA FINE “CHI CI VORRA’ BENE CI SEGUIRA’“.

Andrea Giuffrè andreagiuffry@gmail.com

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

DIVENTA NOSTRO FAN SU FACEBOOK E SOSTIENICI DIFFONDENDO

Software Magazzino Tracciabilità Big

Annunci
, , , , , , , , , ,

Informazioni su Barbara Ciocche

Mi chiamo Barbara Ciocche, vivo a Milano, ho 31 anni e sono una psicologa. Penso che la massima realizzazione per una donna sia quella di essere mamma. Redattrice del blog "Pensare Liberi". Esprimo le mie opinioni, racconto verità nascoste, oso andare oltre per il futuro...

Vedi tutti gli articoli di Barbara Ciocche

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

3 commenti su “ORA PARLO IO: Giornalismo alternato, giornalismo alterato. Spegnete le TV, stracciate i giornali!”

  1. Roberto Mariotti Dice:

    Voglio dire sinceramente che questa abitudine di sentirsi gli unici depositari della verità, e quindi fare del resto un unico fascio da bruciare non mi piace per nulla.
    Non capisco come si faccia a mettere insieme chi fa della mistificazione al servizio dei potenti l’unica ragion d’essere (Vespa, il Giornale, Libero, il Foglio, e relativi scribacchini), con chi fa invece informazione più attenta seppure spesso prona all'”inchino” (Fazio), con chi invece fa della vera e propria informazione alternativa (Santoro, Travaglio e tutto il Fatto quotidiano) anche se pure questa non è certo esente da critiche.

    Che il giornalismo italiano attuale sia di basso livello ed estremamente asservito è un dato di fatto, ma non saper distinguere tra il pessimo, il meno buono, e il discreto mi pare un limite e anche un segno di “snobismo intellettuale” che non aiuta a capire la realtà che ci circonda.

    C’è del buono anche nei giornali (almeno alcuni e almeno in parte) e perfino in qualche programma tv; certo bisogna cercare col lanternino per separarli dalla (tanta) merda.
    Io compro spesso il Fatto e devo dire che lì trovo molta informazione alternativa che si fa anche tanta fatica a reperire in rete.
    Altro esempio: spesso Report o Presadiretta fanno indagini assai interessanti.

    Io credo che la chiave di volta per uscire dal fango in cui siamo precipitati è imparare ad essere attenti ed informati, a capire, a selezionare, a discernere e distinguere.
    Un atteggiamento da “ogni erba un fascio”, fare di tutto un grande pasta e broccoli indistinto, con la retrostante convinzione che solo la nostra minestra è buona e fa bene, non mi pare che vada nella direzione giusta.

    Rispondi

Trackback/Pingback

  1. Quando Floris a Ballarò terrorizzava gli italiani con le agenzie di rating | Pensare Liberi News - 13 giugno 2012

    […] memoria di questo lungimirante editoriale “ORA PARLO IO: Giornalismo alternato, giornalismo alterato. Spegnete le TV, stracciate i giornali!” invitiamo alla riflessione sull’etica giornalistica limitandoci a riportare un […]

  2. Quando Floris a Ballarò terrorizzava gli italiani con le agenzie di rating - 14 giugno 2012

    […] result, ricomincio -In memoria d&#1110 q&#965&#1077&#1109t&#959 lungimirante editoriale “ORA PARLO IO: Giornalismo alternato, giornalismo alterato. Spegnete le TV, stracciate i giornali!” invitiamo alla riflessione sull’etica giornalistica limitandoci &#1072 riportare un episodio […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: