L’UOMO DELLE STELLE – Una recensione del “DDL Occupazione giovanile”


Chi ha avuto il privilegio di vedere questo bel film di Giuseppe Tornatore, sa che il protagonista Joe Morelli (un superbo Sergio Castellitto) è un improbabile impresario del mondo del cinema che se ne va in giro con il suo furgoncino all’interno del quale vi sono caricati una macchina da presa, delle luci, materiale e attrezzature varie per allestire delle scene in qualunque luogo. Compresa una tenda nella quale (una volta montata) riceverà – uno ad uno – ignari candidati dell’ultim’ora che nutrono sogni di gloria recitando dietro una macchina da presa tentando di fare il provino della vita. Se non fosse per il fatto che il nostro eroe altro non è che un truffatore di strada, uno che millanta chissà quali conoscenze nel mondo del grande cinema, e quindi dei grandi personaggi che compongono questa dorata galassia, tutto sarebbe perfetto.

“Venite signori, venite! Accorrete. Si accomodi signorina. Oh ma che bella ragazza! …vediamo ? Faccia vedere un po’… Beeenissimo.

Si metta seduta su questo sgabello e guardi intensamente verso l’obiettivo della macchina ….beeenissimo.

Allora: profilo destro, profilo sinistro, profilo centro… Bene. Fatto!! 1500 Lire!”

Il tizio vende provini, vende sogni. E’ un mago della mistificazione. E’ il tipico esempio di colui il quale si ingegna per fottere il prossimo e andare avanti nella vita per sopravvivere, perché egli stesso altro non è uno che è stato fottuto dalla vita a sua volta.

C’è una singolare analogia tra la trama di questo film e i suoi pittoreschi personaggi, e quanto accade nella realtà odierna delle istituzioni pubbliche italiane e i suoi principali attori.

A dirla tutta, ho l’impressione che il nostro Presidente del Consiglio altro non è che l’ennesimo Joe Morelli che ha avuto il “privilegio” di sedere nello scranno di Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica e tutti i ghirigori mediatici che si porta appresso per inebetire i cittadini, millantando chissà quali provvedimenti e/o leggi per “salvare l’Italia”.

Ieri sera leggevo esterrefatto la grafica che riassumenva i provvedimenti  del DDL Occupazione Giovanile (l’hanno chiamato così, giuro!) e ho capito che tale provvedimento (una manciata di spiccioli, come per fare la carità) riguarda agevolazioni solo per chi assume:

1)      Giovani tra i 18 e i 29 anni;

2)      Chi vive da solo o chi ha parenti a carico;

3)      Chi non abbia un titolo di scuola media superiore (diploma)

E’ il gioco delle tre carte: Osservate Signori, non c’è trucco non c’è inganno, San Gennaro, Sant Antonio e San Crispino. Volta la carta: Dov’è Sant Antonio ?

A parte la battutina facile facile, se analizziamo con serietà queste tre umoristiche voci, appare subito evidente l’incongruenza tra le stesse. Perché ? Perché secondo i dati Istat, la stragrande maggioranza dei giovani tra i 18 e i 29 anni stanno a casa ancora da mamma e papà (quindi esentati dalle agevolazioni per le voci 1) e 2) saranno la maggior parte) proprio perché non hanno un lavoro fisso (o non ce l’hanno per niente) e figurati se hanno persona a carico!!!

Infine la voce 3), cioè tutti quelli che non hanno un titolo di studio a partire dal diploma di scuola media superiore in su fino alla Laurea e per non parlare di Dottori di ricerca, sono esclusi. So che sembra una battuta, ma è come aprire un autolavaggio, ma riservarlo solo per le auto già pulite. Sono esentate quelle sporche!!

Pertanto, in termini numerici, chi veramente potrà usufruire è una minima parte, se confrontata con l’altissima percentuale di tutti coloro i quali sono alla ricerca di un lavoro. Una toppa. L’ennesima toppa su dei calzoni ridotti male.

Egregio On. Letta, comunicare al mondo intero chissà quali salvifici provvedimenti millantando chissà quali estenuanti prove di forza con i ragionieri di Bruxelles per elemosinare gli insulsi spiccioli destinati a questa farsa è tipico del personaggio Joe Morelli del film sopra citato. Vede, Joe Morelli è uno che vende sogni, è uno che si atteggia da grande cineasta ma in realtà è l’ennesimo pagliaccio spilasoldi, prodotto di un’epoca disgraziata, uno sbandato che raggira i suoi simili pur di sbarcare il lunario egli stesso, rubando i sogni di chi viene immortalato nella sua macchina da presa.

Un mercante di sogni. Un uomo delle stelle. L’ultimo dei tantissimi Joe Morelli che si sono seduti in quello scranno prima di lei.

E noi ? I cittadini/e di questo set cinematografico chiamato Italia ? Se non vogliamo scappare a gambe levate non ci rimane che continuare a sognare e porgere la faccia come abbiamo sempre fatto.

“Profilo sinistro, profilo destro, profilo centro. Ciak! 1500 Lire. Le farò sapere, Grazie. Può andare!”

Buona fortuna a tutti.

Annunci

Informazioni su Giovanni Mole'

Non sono un giornalista, non sono nemmeno laureato, ho un’istruzione mediocre perché mediocre è stata la mia carriera scolastica. Però, come tantissime altre persone di questo strano pianeta, ho molte cose da dire, perché penso tanto, mi interrogo su moltissime questioni, più o meno importanti, e quindi cerco avidamente delle risposte. Sono molto passionale e ho molte passioni e interessi. Sono informato più o meno su tutto quello che mi circonda, la realtà del mio tempo. Realtà che faccio fatica ad accettare e che mi provoca un certo disagio. Mi piace comunicare, parlare (scrivere in questo caso) se ho delle cose concrete da dire, pensieri sensati da tirar fuori. Diversamente, se ho dubbi o ignoranza, preferisco il silenzio. Meglio ascoltare. Non sono un uomo di fede, lo sono stato. O credevo di esserlo. Ma rispetto (anzi, invidio) profondamente chi ha fede, chi crede che ci sia un Dio che ancora non si sia stancato di noi. Quindi non mi piace il pregiudizio, sotto qualunque forma. Ho rispetto delle opinioni altrui, anche di quelle che avverso nel modo più acceso, ma se non sono d’accordo su una cosa non vuol dire che non sia pronto a cambiare idea e ricredermi. Se lo ritengo giusto e necessario.

Vedi tutti gli articoli di Giovanni Mole'

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

16 commenti su “L’UOMO DELLE STELLE – Una recensione del “DDL Occupazione giovanile””

  1. Roberto Mariotti Dice:

    E parliamo solo del DDL Occupazione Giovanile…

    Se invece ci soffermiamo sulla selva di codicilli contenuta nel famigerato “Decreto del Fare” (di cui sottolineo la ben riuscita mimesi col tipico linguaggio berlusconiano) scivoliamo addirittura nel surreale.

    La verità è che siamo in grado di esprimere solo governi “castrati”, incapaci a prendere iniziative serie e forti per invertire questa terribile tendenza al declino che ci sta strangolando.

    D’altra parte, i “signori” dei palazzi trovano sgradevole l’idea che nel loro magico harem di leggiadre donzelle (finanza incontrollata, multinazionali spregiudicate, banche succhiasoldi, debiti perpetui, più gli infiniti meccanismi speculativi di “spremitura dei popoli”) possano insinuarsi individui capaci di insidiarle.
    Cosa c’è di meglio di governi eunuchi, che proteggono le “donzelle” e le lasciano tranquille a godersi i loro privilegi?

    Rispondi

    • Giovanni Mole' Dice:

      Quoto in toto. Ho voluto soffermarmi solo sulla parte più eclatante e quella che – a mio modestissimo avviso – è il provvedimento più assurdo, ingannevole, mistificatorio e grottesco di tutto il Decreto stesso. Lo sto ancora leggendo, con molta calma. Ma le righe di cui sopra sono solo una reazione d’impulso nei confronti del giubilo di coloro i quali ci vendono la merda per diamanti. Come ad esempio fanno giornali e televisioni, e sopratutto tutto il codazzo dei sinistroidi pseudo-intellettuali che gridano: “Alleluia! Finalmente qualcuno che pensa ai giovani!”. Per questi, spiacente per chi sente di farne parte coscientemente, non c’è speranza di guarigione.
      In questo paese per anni ci si è scagliati contro coloro i quali manifestavano il gradimento per B. Alla luce dei fatti, mi chiedo cosa dovremmo farcene di quel larghissimo strato dell’elettorato che – con una fedeltà ingiustificata e incomprensibile – continuano a dare consenso a quella parte della politica che ha avuto il ruolo di primadonna nello sfascio attuale. Forse un giorno avrò una risposta per questo mistero. Forse dovremmo chiederlo a Fatima.

      Rispondi

  2. calgra Dice:

    il punto, per me, è che ormai hanno la convinzione d’avere “il popolo” in pugno, e…credo che abbiano ragione….Mariotti, nella sua risposta, prima sembra, anche lui, dileggiare il ( come chiamarlo? IL GRANDE COLPEVOLE? credo che sia colpa sua anche la mia nascita!….)il fantomatico S.Berlusconi ( scritto così sembra san berlusconi!) poi …dopo aver detto, più che detto “ripetuto” come un mantra quello che tutti ( i cosiddetti pensanti) ci ritroviamo a dire….racconta la PAURA DEI SIGNORI DEI PALAZZI che tra loro possano insinuarsi soggetti CAPACI DI INSIDIARE I “LORO” DOMINII….
    scusate , ma cosa abbiamo visto da quando è entrato il suddetto?
    questa figura è stata devastante per LORO e, tanta è stata la paura che si sono presa, che tutte le energie sono state impegnate per SPAZZARLO via costi quel che costi….ma, vi rendete conto? nientemeno voleva RIFORMARE !!!!! cioè mettere sottosopra tutti i loro regni !!! altro che insinuarsi…
    un esempio ? (tralasciamo, giustizia, infrastrutture, lavoro etc)
    dopo che erano riusciti ( la banda bassotti al completo ) a fare quel popò di capolavoro “privatizzazioni” delle banche di diritto pubblico compresa, anzi a partire dalla banca per eccellenza la BANCA D’ITALIA che diventa BANKITALIA S.P,A, …poi, dopo la morte di CUCCIA, definire il capitolo ” FONDAZIONI BANCARIE ” ( dalle quali poi sono discese tutte quelle dei partiti, sindacati, e, via, via, allo scempio che sappiamo, tipo ) Bene! dopo essere riusciti a vendere a suon di miliardi tutte le ns banche senza alcun beneficio per il popolo, anzi ! per renderle più appetitose gli abbiamo affiancato all’impresa commerciale anche tutti i beni patrimoniali mobiliari ed IMMOBILIARI…tanto c’erano le FONDAZIONI !!!! poi scusate ma a chi appartenevano? al popolo????? a beh allora possiamo farne quel che vogliamo tanto poi ci pensiamo noi a convincerlo abbiamo tanti di quegli uffici fatti apposta per studiare come GESTIRE IL POPOLO !!! ( più precisamente la MENTE del popolo beeeh)
    bene, dicevo, dopo un capolavoro del genere 1991/1992 quando oramai era fatta… gli avevamo anche fatto passare l’ICI come una tantum che poi era una semper, un’inflazione al 24% ( che poi nella realtà sfiorava il 30) facendogliela digerire come al 7%, e il GRANDE AMATO a reti unificate ci dette l’annuncio che LUI e l’altro Grande lo “zio” CIAMPI erano riusciti a “prendere al volo” l’occasione dall’EUROPA….poi chi ti viene?
    ma..da dove è sceso sto scemo?
    comincia a dire, dire ohhh, questo bisogna zittirlo !!!!
    ora ce lo siamo dimenticato ma questo voleva L’INNO NAZIONALE, insomma t’arriva fino al 2005 e il 28 dicembre 2005 non se ne esce con la LEGGE SUL RISPARMIO ???
    OOOHHHHH!!!!
    per la prima volta si dà un termine al mandato di GOVERNATORE ed al suo DIRETTIVO e …questa è proprio INDIGERIBILE entro il 2008 le QUOTE DI PARTECIPAZIONE A BANKITALIA SPA in mano a imprese private, banche, istituti assicurativi etc etc ) DOVEVANO RIPASSARE ALLO STATO !!!!! OOOOOOHHHHH!!!!
    ma chi l’ha sciolto a questo ???
    parola d’ordine
    il 16 dicembre 2006 PRODI presidente del consiglio con PADOA SCHIOPPA ( e lo ha fatto è schioppato) ministro dell’economia con l’appoggio di “IL GRANDE NAPOLITANO” che quando parla LUI parla per LA SINISTRA UNITA !!!
    ecco che fa il….NUOVO STATUTO BANKITALIA che annulla la legge 28 dicembre 2005.

    uno così fa PAURA …infatti se ci pensate dall’estrema destra all’estrema sinistra di quelli che gia da ragazzini non hanno mai fatto altro che scaldare i banchi delle varie sedi di partito e piano piano si sono trovati ai vertici non per meriti ma perchè c’ERANO LORO
    e sono sempre loro e non sanno fare niente…avessero almeno imparato a copiare!!!
    sanno solo fare i mascalzoni della peggiore specie….
    sanno tradire ( come lo sanno fare loro !!!!)
    sanno imbrogliare
    sanno rubare
    sanno vivere alle spalle nostre come PARASSITI
    sanno fare i PICCATI nell’onore
    ma non ditegli di LAVORARE PER LA LORO SOPRAVVIVENZA perchè è tempo perso giacchè non sanno fare manco l’accattoni pur essendoci….

    saluti a tutti… starei qua chissà quanto ma… se non lavoro manco man…..

    Rispondi

    • Roberto Mariotti Dice:

      Guarda, con tanta pazienza sono arrivato fino alla fine, e arrivo addirittura ad ammettere che qualche passaggio di questa tua filippica è anche sensato.
      Ma la forza di entrare in polemica con l’ennesimo “tifoso” della politica, di quelli che vedono tutti il bene da una parte (dimenticando che quella parte ha governato l’Italia per la maggior parte del tempo nell’ultimo ventennio) e tutto il male dall’altra, a quest’ora della notte non ce l’ho…
      Per me la politica è altro.

      Rispondi

      • Luca Rivoli Dice:

        Quale sarebbe la parte che ha governato l’Italia per la maggior parte del tempo nell’ultimo ventennio?

        Rispondi

        • Roberto Mariotti Dice:

          A me risulta Berlusconi.

          Rispondi

          • Giovanni Mole' Dice:

            Roberto, senza offesa, o stai:
            1) cadendo dalle nuvole;
            2) facendo finta di niente;
            3) difendendo “a priori” coloro i quali hanno affossato quanto e più di B. questo paese;
            4) facendo dell’antiberlusconismo anche tu la tua bandiera.
            Detto senza far polemica, così tanto per ricordare, la maggior parte degli elettori del CS è il male assoluto dell’Italia. Perchè dico questo ? Perchè è l’unico elettore (insieme al berlusconiano del CD) che vota non per propria coscenza ma perchè ormai un affiliato e culturalmente inglobato. Incapace di esprimere la benchè minima critica (attraverso il non-voto ai propri beniamini) verso una compagine che è la rovina dell’Italia. Visto che le firme sui trattati più distruttivi sono di personaggi che arrivano da quel partito/area e visto che leggi e i provvedimenti più destabilizznti arrivano da quella parte, quanto e più delle tanto vituperate leggi ad-personam di berlusconiana memoria. Ma per favore!

          • Roberto Mariotti Dice:

            Ragazzi, anch’io senza offesa personale, ma devo dirvi che vi trovo un pochino penosi…

            Anzitutto spiegatemi dov’è che io starei facendo dell’antiberlusconismo la mia bandiera.
            Sono entrato in questa discussione criticando provvedimenti di un governo a guida PD, e di un sistema di potere, senza alcuna menzione di Destra o Sinistra, giusto?

            Poi, di fronte ad interventi che tentano di ascrivere quasi totalmente al centrosinistra tutti gli errori commessi dalla classe dirigente italiana negli ultimi decenni, mi sono solamente limitato a ricordare che al potere c’è stato anche il centrodestra, e perfino più degli altri.

            Basta leggere, naturalmente cercando di capire quello che ho scritto io e non quello che si vuole leggere, per capire che soprattutto io faccio una critica al sistema di potere italiano, il quale pare ben radicato in entrambi gli schieramenti della politica italiana.

            Dove io abbia “difeso a priori” i “sinistroidi” proprio non si capisce.

            Il problema è che siete proprio voi a partire da un assunto a priori: il povero perseguitato Berlusconi; il “male assoluto” che sta tutto nei terribili “sinistri”, la vera “rovina dell’Italia”; e via così sproloquiando.

            Io so benissimo che di errori il centrosinistra ne ha fatti tantissimi (a mia opinione) e ci sono molte posizioni su cui io sono assai critico verso la sinistra italiana.

            Tuttavia i “trattati più distruttivi” firmati dal centrosinistra sono stati quasi tutti confermati e sottoscritti dal centrodestra (Mastricht, Fiscal Compact, F-35, TAV, Ponte sullo stretto, eccetera) e viceversa.
            Aldilà delle boutade di questo o quel politico di entrambe le parti la convergenza di fatto sulle politiche adottate è stata molto ampia.

            E le leggi ad-personam sono un esempio fulgido del nostro degrado, punto.
            Questo a prescindere da scandali, nefandezze e intrallazzi vari commessi dall’altra parte politica, che pure ci sono stati, e tanti.

            Ma purtroppo la politica, come ho già detto in precedenza, è ormai un territorio di caccia di “tifosi”, piuttosto che di critica libera.

            Spiace molto vedere che anche voi scivolate in questa categoria.

          • Giovanni Mole' Dice:

            Roberto, io non ti ho detto che stavi facendo antiberlusconismo, ho solo messo questa “ipotesi” tra i 4 punti elencati nelle mia risposta. E’ probabile che siamo penosi, e forse una volta eravamo più intelligenti. Ma sai com’è ? Può essere che a forza di stare insieme ad altri e a leggere tante altre cose giocoforza col tempo ci si assomiglia. Se hai poco tempo da dedicare a dei bambini bizzosi, è giusto che tu decida di impiegarlo come meglio credi.
            Resta il fatto che non ho nessuna pretesa di scrivere per avere “aficionados” o “followers” come si dice sboccando inglesismi ridicoli e penosi (quelli sì che lo sono!). Ma sopratutto, non ho la verità in tasca sempre disponibile e tanto meno pretendo di insegnarla a persone che non conosco e che possibilmente hanno più cultura e istruzione del sottoscitto. Ogni tanto scrivo qualcosina che non può essere affatto considerato un articolo bensì una riflessione di una comunissima persona che oggi è sbandata e disorientata. Come tante altre in questo sbagliato paese. Ho una sola certezza, a causa della quale ho maturato la presunzione (l’unica che posso permettermi) di capire il perchè l’elettore di centrosinistra è così incomprensibilmente (agli occhi dei 2/3 degli italiani) fedele. Nei secoli, come i Carabinieri. Se un giorno dovessi diventare linguisticamente più fine, allora sarò capace di definirli con un termine adeguato evitando di insultarli. Ma fino ad allora, non ostante sia il primo a pensare che ognuno è libero di tracciare la X dove cacchio vuole, ogni tanto qualche insultino di bassa lega uscirà fuori dalla mia bocca. Ma credimi, non è per essere irrispettosi o peggio ancora maleducati, è solo disperazione. E forse, è anche l’espressione di quello spirito critico più volte decantato da molti ma poco concretizzato nelle parole. Una storia molto italiana.

          • Luca Rivoli Dice:

            20-8=12 quindi per te 8 e’ maggiore di 12. Sono opinioni.

          • Roberto Mariotti Dice:

            MI pare di stare all’asilo nido, Luca.
            Tiri fuori argomenti puerili.
            Comunque i dati si prendono dal sito del governo, lo può fare chiunque.
            Partendo dalle elezioni del marzo 1994 (perché prima c’era la DC e Berlusconi non era ancora “sceso in campo”) si ricavano questi numeri sulle durate (a spanne, i conti esatti al giorno li lascio ai professorini…):
            Governi Berlusconi: un po’ più di 9 anni.
            Governi “sinistroidi” (Amato, D’Alema, Prodi): circa 7 anni.
            Governi tecnici (Dini, Monti): circa 2 anni.

            Questi sono dati, non opinioni (ripeto: dati ricavati a spanne)
            Le opinioni riguardano invece l’efficienza di questi governi, e ognuno si tiene le sue.

            Ciò detto, ovvero che può anche “stranamente” succedere che “8 sia maggiore di 12”, lascio questa discussione perché preferisco impiegare il mio tempo in cose differenti da quisquilie.

  3. Luca Rivoli Dice:

    Mariotti: dal 2001 al 2006, dal 2008 al 2011 + 6 mesi nel 94 = un po’ più di nove anni. E va bene. Se questa è la distorsione con la quale guardi le cose forse dovresti fare un po’ di introspezione e tarare un po’ i tuoi punti di vista. Sulla questione matematica del sapersi fare i conti con le ditine non infierisco.
    Per quel che riguarda i governi tecnici Dini Monti, basta un po’ di onestà intellettuale per annoverarli tra gli anni dei governi progressisti di centro sinistra. Vedi il governo Prodi dal 2006 al 2008 (4 anni? ahahah, scusa per la battuta…) non è stato altro che una continuazione delle politiche del governo D’Alema e poi riprese da Monti. Berlusconi ha rappresentato una interruzione in questo progressismo europeo e mondiale.
    Le interruzioni dei governi Berlusconi (i governi del NON fare) hanno infastidito parecchio i piani internazionali e come vedi si sta recuperando alla grande.
    Di cosa è colpevole berlusconi? Di molte cose, oggettivamente, e vado ad elencarle:
    – NON ha fatto NULLA, non ha depresso l’economia, non ha alzato nè abbassato le tasse, non ha aiutato l’economia, non ha fatto niente di niente.
    – Ha seguito politiche alternanti tra nazionalsocialismo e sinistra progressista per dare il contentino all’Europa per non far chiudere le sue aziende.
    – Nel 2011 ha venduto l’Italia e il suo popolo alle lobbies internazionali, mettendo fine ufficialmente a 50 anni di democrazia.
    Dovrebbe essere facile per delle persone oneste essere d’accordo sul fatto che berlusoni ha rappresentato una falsa speranza di salvezza nazionale e che le politiche progressiste, dal canto loro, da anni tramano contro l’umanità. Il male non poteva che travestirsi da quello che veniva definito “bene”.

    Rispondi

    • Roberto Mariotti Dice:

      Ecco bravo Luca, non infierire, perché lo faresti su te stesso, perché quel'”8 maggiore di 12″ è proprio stonato.
      Non capisco perché parli di “distorsione”. Ho solo replicato al tuo conticino, che semplicemente è sbagliato e anche poco sensato. Tutto qua.

      Se poi vuoi annoverare i governi tecnici come “di sinistra” puoi farlo, è una valutazione lecita e anche parzialmente corretta (con questo andremmo ad un sostanziale “pareggio”, diciamo così…)
      Ma tutto ciò è questione di lana caprina, perché conta quello che si fa al governo assai più di quanto ci si sta (questo era il senso del mio commento sull'”asilo nido”, mi spiace se ti ha offeso).

      Altra tua opinione, che i governi Berlusconi abbiano infastidito le plutocrazie e le oligarchie continentali. A me pare invece che i piani per il “nuovo ordine” europeo siano andati avanti con Berlusconi senza sostanziali disturbi. Semmai B ha dato fastidio per una certa sua “impresentabilità” e scarsa credibilità (mia opinione).
      Io trovo che lui sia invece un ottimo rappresentante di quella plutocrazia che ha in sommo disprezzo i problemi della nazione e dei popoli, e che ha usato la posizione di potere più che altro per il proprio tornaconto.
      I poteri forti hanno secondo me capito che non vale proprio la pena di puntare su un unico cavallo, e hanno quindi deciso di “piazzare” i loro uomini lungo tutto l’arco parlamentare (e infatti ce ne sono molteplici, oltre che ovviamente nel centro, anche nella sinistra…)

      Segue poi il TUO elenco di “malefatte” ai governi di Centrodestra, su cui sono sostanzialmente d’accordo e a cui aggiungo come commento: e ti pare poco?
      Nel suo ultimo governo, durato poco più di tre anni, è riuscito nella titanica impresa di far aumentare il debito pubblico di 300 miliardi SENZA RISOLVERE, o quanto meno affrontare, alcuno dei problemi fondamentali della società italiana!
      Quando è “stato costretto” a lasciare il governo a favore della sciagura-Monti, eravamo veramente ad un passo dalla bancarotta: io questo lo leggo come una sventura, non solo per i danni fatti all’economia nazionale, ma perché ha dato la giustificazione alla scelta di Monti come “salvatore della patria”, con il che ci siamo ritrovati al potere un tizio che sulla sua bandiera teneva scritto “vogliamo salvare l’eurozona A QUALSIASI COSTO” (e se ciò significasse condannare milioni di persone alla miseria?): qualcosa che assomiglia più alla pazzia che all’errore politico.

      Fammi fare una battuta, giusto a chiusura e per sdrammatizzare un po’.
      Fino a pochi giorni fa c’era l’alternanza, gli uni al potere, gli altri all’opposizione: e come s’è visto siamo andati di male in peggio.
      Adesso ci sono le larghe intese, stanno tutti e due al governo, e quindi… adesso sì che stiamo freschi!

      Rispondi

  4. Roberto Mariotti Dice:

    Ciao Giovanni.
    Anzittutto ti chiedo scusa se ho usato anch’io della parole un po’ “colorite”, è chiaro che anch’io, come tutti gli italiani pensanti, risento del disorientamente e della disperazione di cui parli.

    Nel merito, quando scrivi “facendo dell’antiberlusconismo anche tu la tua bandiera”, puoi capire che resto un po’ infastidito, per il semplice motivo che io non ha fatto alcun “antiberlusconismo”: mi sono semplicemente limitato a ricordare che negli ultimi venti anni chi è stato maggiormente al potere in Italia è stato lui, più della sinistra.
    Negare questa evidenza è, ripeto, puerile perché è per l’appunto un puro e semplice fatto, basta leggere i numeri che ho anche riportato sopra nella risposta a Luca.

    Ciò detto, se i suoi sostenitori volessero continuare a considerarlo un ottimo politico (invece dell’opportunista da quattro soldi che io vedo in lui) è sufficiente dire che nei suoi governi sono state fatte cose migliori per l’Italia rispetto ai governi di sinistra.
    E’ una opinione, molto discutibile dal mio punto di vista, ma rispettabile, e sicuramente assai più sensata che sostenere che il governo e le scelte sono state fatte soprattutto dalla sinistra (basti pensare all’ultimo governo Prodi, sostenuto da una maggioranza talmente risicata che di fatto lo ha reso quasi totalmente sterile).

    La cosa che mi infastidisce quando malauguratamente mi inserisco in polemiche politiche sono gli interlocutori che, nello slancio di difendere il loro “preferito”, mi mettono in bocca posizioni ed idee che non sono le mie, oppure negano fatti evidenti.
    Sono stato assai critico con Berlusconi quando era al governo, e adesso che al governo c’è il PD (ma insieme al PDL, circostanza non marginale) sono altrettanto critico, perché mi pare evidente che l’attuale classe dirigente “mista” (o per meglio dire “inciucista”) non ha capito dove stanno i problemi, e continua a pestare acqua nel mortaio tanto per dare l’impressione che si stanno prendendo provvedimenti, mentre invece stiamo semplicemente continuando ad andare a fondo.

    Nella situazione attuale è assai difficile distinguere maggiori responsabilità nel centrodestra o nel centrosinistra, quindi non vedo proprio come ciò possa essere interpretato come “antiberlusconismo a priori”.
    Ad esempio, attualmente sulle posizioni verso l’Europa mi trovo più d’accordo con l’approccio del centrodestra rispetto a questa specie di “oltranzismo europeista”, piuttosto acritico ed acefalo, del PD e di Monti.

    Ciò chiarito ricordo che sono entrato nei commenti a qusto tuo articolo DANDOTI ASSOLUTAMENTE RAGIONE, quindi mi pare siamo più vicini che lontani, no?
    Ho anzi aggiunto un ulteriore elemento di valutazione negativa di questo sciagurato governo Letta.

    Ti saluto cordialmente.

    Rispondi

    • Luca Rivoli Dice:

      Rispondo solo al tuo “e ti pare poco?”. Ho dato forse l’impressione di voler sminuire le colpe dei governi Berlusconi? Anzi. Mentre i governi prodi, d’alema, dini, monti, letta erano tutti proeuropeisti a tutti i costi (sulla pelle di milioni di persone), il governo berlusconi ha ingannato tutti con il suo euroscetticismo alternato a convenienza. Perchè in fondo con l’euro e con la superspeculazione ai danni del popolo berlusconi ci ha guadagnato miliardi di euro (miliardi). Ma che ce lo diciamo a fare?
      Quello che abbiamo sbagliato in questo 20 anni di presenza politica di berlusconi consiste nell’averlo attaccato su finte malefatte, per averlo condannato per eccesso di puttane (come diceva Grillo). Bastava analizzare la sua politica con occhio onestamente critico e non sarebbe sopravvissuto dopo il 2006, sarebbe già da allora in sud Africa. Berlusconi è stato tenuto in vita dagli stessi che fingevano di combatterlo, media insieme a tutta la sinistra, complice ballarò, anno zero e company. Hanno dato l’impressione a milioni di italiani che “beh, se è solo perchè è un porco, per il resto lo voto, che scopi pure con chi gli pare”. Sono state nascoste le reali malefatte, come dici tu, il fatto che ha portato avanti le politiche europeiste facendo l’attore euroscettico.
      Gli artefici di questa grande messa in scena, la sinistra (o finta sinistra per gli appassionati, ok, non discuto questo), ora stanno governando dal 2011 e stanno concludendo molto velocemente la partita… mentre l’arma di distrazione di massa, Berlusconi, non viene eliminato, no, viene tenuto in vita sempre con la stessa tecnica, ovvero far credere che lui “scopa e viene condannato per questo”… al momento giusto lo potrebbero riportare in vita per distrarre ancora una volta l’intero popolo con birra ghiacciata, patatine e ballarò.

      Rispondi

    • Giovanni Mole' Dice:

      Ciao Roberto. Nessun problema. Sono abituato ai commenti “coloriti” e so benissimo che alcuni argomenti sono parecchio radioattivi. Però, nutro sempre la speranza (forse in modo incomprensibile anche per me) che un giorno in questo paese di possa cominciare ad aprire un dibattito serio sul tema: “Perchè vado a votare e cosa spero di ottenere”. Non è una provocazione, o una balsfemìa. E’ una domanda molto seria che ogni cittadino/a italiano dovrebbe porsi. Quando scrivo ciò che penso non è per “tirare” qualcuno dalla mia parte. Non ne ho nessuna intenzione e francamente non mi frega più di tanto. Piuttosto, mi piace provocare, mi piace fare ironia sui camerieri di palazzo (i politici) per cercare di stimolare quelle poche persone che mi leggono a vedere le cose da altre angolazioni e da altre prospettive che non siano quelle dettate dalla cultura ufficiale e dal mainstream di sistema, che utilizza tutti i mezzi a disposizione per mentire alle persone e inglobarle dentro spazi da loro presieduti e guardati a vista. E con questo figurati se mi permetto anche solo di pensare che io abbia in mano il giusto grimaldello, chissà, un giorno potrei scoprire di aver sbagliato tutto. Mi è già capitato e so cosa si prova e non escludo che possa ripetersi. Però, grazie a quelle scelte sbagliate, ritengo di avere una prospettiva un pochettino più larga e meno edulcorata.
      Cordialità

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: