Scandalo intercettazioni USA e i Rolex di Gigi d’Alessio. Non sembra, ma il nesso c’è!

25 ottobre 2013

Cultura e Società


Immagine

Due giorni di tv spenta per lutto dopo la sconfitta al Bernabeu (dovevo riflettere) e cosa mi ritrovo quando la riaccendo ? Mezza Europa arrabbiata con il presidente Obama perchè l’NSA (Nescional Sechiuriti Aegensi) spiava tutti i capi di stato occidentali. O quasi tutti.

“Eh la Madoooonna!!”, direbbe il buon Pozzetto. E che sarà mai ? Ma l’avranno fatto per …difendersi. Ma da chi ? (domanda mia, chiaramente)

E via al valzer delle indignazioni ufficiali (vai Johann, attacca!!!) e relativo teatrino della diplomazia internazionale che deve ricucire lo strappo, “The Snatch”, come lo chiamano i ns simpaticissimi amiconi del cuore stellostrisciati, quelli che vanno pazzi per la pizza e il mandolino e c’hanno pure 106 tra basi militari e installazioni varie nel nostro (nostro… uhmm…) paese, perché siamo loro troppo simpatici, e ci vogliono molto bene, questo dobbiamo ammetterlo.

Il mondo si indigna. Anzi, più che il mondo, si indignano giornalisti (notiziona!!!) e personaggi delle istituzioni, la diplomazia internazionale è in subbuglio. L’amministrazione statunitense in evidente imbarazzo (bricconcelli).

Ma dico, veniamo da un’altra dimensione ? Un altro continuum spazio temporale che interseca quello nostro (sfigato, sul quale abbiamo una sovranità reale e indiscutibile!) o un altro universo parallelo ?

Dunque dove sarebbe la novità ? Tutti a scandalizzarsi, tutti incazzati, gli USA che promettono (delirio!!!) che ricontrolleranno meglio (questa è pazzesca, Totò l’avrebbe copiata) il sistema delle intercettazioni. Ma cosa devono ricontrollare ? Devono smetterla!! O no ? La Merky si è incazzata e non gliele ha mandate a dire, Hollande gli ha fatto il buffetto, e Letta….Letta…uhmm… che ha fatto Letta ? Eh si, aspetta e vedi cosa gli fa a quel Barack …a quello lì, come minimo il muso nero (dovrebbe essere abbastanza facile con Obama).

Ma non solo. Per far capire di che pasta siam fatti e soprattutto quanto siano efficienti e solerti i nostri  uomini dei servizi segreti antiterrorismo (AISI), si rende noto in questi giorni al pubblico quella che è stata una spettacolare azione-recupero dell’intera collezione di Rolex d’oro appartenenti niente po’ po’ di meno che al grande Luigi d’Alessio da Napoli, detto Gigigigi d'alessio, cantante di successo, eseguita in piena estate e risolta dai nostri eroi dopo appena un mese dall’avvenuto crimine.

In somma, una vera e propria dimostrazione di forza! Sicuramente una mossa studiata durante una delle periodiche riunioni dell’Aspen Institute Italia, dove il nostro Letta è di casa, e dove “…si parla e si decide il futuro della nazione” (cit. risposta alla domanda “Che fate lì dentro?”  fatta a uno degli invitati che stava per entrare nell’albergo dove stavano per riunirsi).

Boh! E pensare che la prestazione artistico-scenica di Cristiano Ronaldo, mi aveva già messo in crisi esistenziale. Evidentemente il mio mercoledì nero non era finito solo lì.

Che minchia di pianeta!

Sapete, dovremmo smetterla di lagnarci sentendoci piccoli e soli nell’universo. Immagino che gli alieni passino da qui solo per sbirciare (e non vogliono farsi vedere) perchè magari vedendo quello che ci facciamo tra “amici”, manco gli passa per l’anticamera del cervello di fermarsi da noi e intavolare rapporti diplomatici con i terrestri. Evidentemente temono di essere spiati pure loro.

Tanta, ma tanta buona fortuna.
A tutti.

Annunci

Informazioni su Giovanni Mole'

Non sono un giornalista, non sono nemmeno laureato, ho un’istruzione mediocre perché mediocre è stata la mia carriera scolastica. Però, come tantissime altre persone di questo strano pianeta, ho molte cose da dire, perché penso tanto, mi interrogo su moltissime questioni, più o meno importanti, e quindi cerco avidamente delle risposte. Sono molto passionale e ho molte passioni e interessi. Sono informato più o meno su tutto quello che mi circonda, la realtà del mio tempo. Realtà che faccio fatica ad accettare e che mi provoca un certo disagio. Mi piace comunicare, parlare (scrivere in questo caso) se ho delle cose concrete da dire, pensieri sensati da tirar fuori. Diversamente, se ho dubbi o ignoranza, preferisco il silenzio. Meglio ascoltare. Non sono un uomo di fede, lo sono stato. O credevo di esserlo. Ma rispetto (anzi, invidio) profondamente chi ha fede, chi crede che ci sia un Dio che ancora non si sia stancato di noi. Quindi non mi piace il pregiudizio, sotto qualunque forma. Ho rispetto delle opinioni altrui, anche di quelle che avverso nel modo più acceso, ma se non sono d’accordo su una cosa non vuol dire che non sia pronto a cambiare idea e ricredermi. Se lo ritengo giusto e necessario.

Vedi tutti gli articoli di Giovanni Mole'

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: