La Pasqua 2014….

15 aprile 2014

Cultura e Società


Pasqua 2014: soliti avvenimenti, soliti fatti di cronaca. E’ successo che la corruzione dilaga e un prefetto a Benevento è stato arrestato; Berlusconi è stato assegnato ai servizi sociali; uno scambio di provette contenenti embrioni, a Roma, sta creando problemi psicologici per accertare la paternità di due gemelli che non sono compatibili, geneticamente, con i genitori attuali che li stanno attendendo; una quattordicenne torinese si è suicidata perché si sentiva “brutta” e perché ritenuta non bella, secondo i suoi amici. Il nostro Paese è fermo sui soliti fatti di cronaca. Nulla è mutato. Una Pasqua di rinascita, di cambiamento, è utopia. Mi costa usare la parola “utopia”. I ventenni e i cinquantenni sono schiavi di una immagine distorta del mondo occidentale, di una democrazia caratterizzata da ideali di libertà, uguaglianza e fratellanza. E’ falsa questa propaganda. Noi non siamo liberi: siamo schiavi di Obama e di una cultura aberrante. Il mondo occidentale non è il migliore dei sistemi, non assicura il benessere. Al contrario, oggi siamo preda di miti oscuri: la bellezza ostentata e la ricchezza facile, ormai dimostrano, una decadenza spirituale. Auguri a chi comincerà a capire; auguri a quella ragazza pestata dal poliziotto, nei disordini del 12 aprile scorso; auguri a chi troverà qualsiasi lavoro per tirare avanti; auguri a chi ha dignità; auguri a chi è coerente; auguri a chi non seguirà i bugiardi che si travestono da ministri al governo; auguri a chi ha il coraggio di esporsi. Lucrezio scriveva che “nulla si origine dal nulla…” e noi quando, comprenderemo? Quando?

Rosa Mannetta

Annunci

Informazioni su Rosa Mannetta

Mi chiamo Rosa Mannetta e sono una malata di cancro in follow-up dal 2008. Ho affrontato la chemioterapia a bersaglio molecolare e, dopo cure devastanti, sono qua a raccontare situazioni inenarrabili. Insegno lingua italiana agli stranieri. Assumo dei farmaci che mi rendono stanca, con una notevole astenia e spesso mi devo assentare, con la decurtazione dello stipendio, come tutti i dipendenti pubblici. Ciò mi succede perché le commissioni mediche non mi hanno riconosciuto l’art. 33 della legge 104 del 1992 e ho solo l’art. 21, cioè non sono sottoposta a trasferimenti. I miei amici malati di cancro mi hanno detto che devo segnalare la situazione dell’abbandono in cui viviamo, della dignità negata, dei pregiudizi espressi e non, della mancanza di affetto delle persone che dovrebbero esserci vicine. E’ da tempo che descrivo questa situazione, ma sono una voce che muore nel deserto delle coscienze, delle sensibilità inermi. Noi malati sopravvissuti, siamo dei naufraghi in balia del vento, su una zattera improbabile. Siamo in un periodo di grande crisi istituzionale, ma noi non possiamo essere cittadini di un Paese che non considera le nostre rivendicazioni. Forse ho sbagliato a sottopormi alla polichemioterapia e a 40 sedute di radioterapia... Chissà…Forse, come diceva U. Foscolo, il sepolcro, mi rappresenta e ci rappresenta. Mi viene un dubbio: "Sarebbe stato opportuno diventare un cadavere in una bara?". Ero candidata a morire! Forse una lapide è più efficace. Lo dico e ne sono convinta.

Vedi tutti gli articoli di Rosa Mannetta

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

2 commenti su “La Pasqua 2014….”

  1. wsa0 Dice:

    E sacrosanta verità la vostra opinione.le auguro buona giornata 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: