Gran Casino Pianeta Terra. Il Banco vince! Sempre


banco-vince-sempre-700x329

Axel Kicillof, giovanissimo Ministro dell’Economia dell’Argentina, ha dichiarato solennemente che le agenzie di rating non sono affidabili, tanto meno le loro indicazioni. Questa storia non è nuova. E’ un copione già visto. Già nel 2001 l’Argentina sprofondò in una crisi economica (e finanziaria) di proporzioni bibliche. Quell’Argentina si rifiutò di mettere in atto le politiche di “risanamento” che il FMI e la BM volevano imporle. Sì, la solita cura tipo salasso che hanno così amorevolmete prescritto a Grecia, Portogallo, Italia, Ungheria (che poi ha saggiamente rifiutato). Ma l’Argentina rifiutando quel cappio ha dimostrato che si può fare senza quelle ricette da fattucchiera e rialzarsi nel giro di poco pù di 10 anni. Ricordate la querelle tra Kirchner (Presidente Arg) e la Lagarde (FMI) ? Ebbene, la vendetta è un piatto che va servito freddo. Ed è quello che accade oggi.

Anche perchè, detto chiaramente, taluni/talune delinquenti non possono permettere che qualcuno dimostri che si può fare economia in modo virtuoso e concreto senza il loro …”apporto”.

Sarebbe stato un messaggio politico troppo devastante per la già precaria immagine dell’istituto nato per aiutare i paesi in difficoltà ma via via trasformatosi in vero e proprio aguzzino del pianeta.

Ed ecco che quasi per magia nessuno più è disposto a comprare i Bond argentini. Un pò di fango sulla realtà economica del paese attraverso la stampa compiacente (e collusa) e la stretta del cappio si fa sempre più pressante anche attraverso la leva finanziaria usata a mò di ricatto, impedendo – de facto – il necessario reperimento di quei capitali necessari al funzionamento di una (qualsiasi) macchina amministrativa statale. Poi, l’attacco finale delle cosiddette “agenzie di rating” che devono certificare la tua solvibilità, la tua affidabilità. Che è come farsi raccomandare dalla banda bassotti (pensa te che certificazione ne esce fuori). E il gioco è fatto. Guardate che è più semplice di quel che pensate (l’ho capito persino io, il che è tutto dire).

Ora, questo modus operandi è tipico dell’usuraio, o del mafioso, o di una qualsiasi banca che ha l’interesse a mettere le mani sul vostro immobile, anche se apparentemente un pò di tempo prima aveva accettato di accendervi un mutuo per comprarvelo quell’immobile. Credetemi, non l’hanno mai fatto per vedere le rate completate. Lo hanno fatto con l’intimo desiderio e inconfessato obiettivo di prenderselo – prima o poi – loro. Lo stesso stratagemma machiavellico (ma non troppo) viene utilizzato per le aziende. Meglio farle chiudere e realizzare un guadagno sicuro e abbondante piuttosto che dar la possibilità di mantenerle in vita ed avere un guadagno (dal loro punto di vista) irrisorio se non inesistente.

banco vince sempreQuesto, nel 2014, è possibile farlo anche con una nazione (anche se ad onor del vero lo si fa da secoli). E non c’è modo di poter fermare questi pazzi delinquenti. Nella realtà, Fondo Monetario Internazionale e Banca Mondiale si comportano più come il proprietario di questo Gran Casino che è il nostro pianeta. O meglio, hanno trasformato il pianeta in un grande Casino, dove loro decidono quanto potete puntare e quando (e SE) dovete vincere qualcosa. Ma il banco, non dimenticatelo, vince sempre. E comunque.

Secondo voi è complottismo ? Non lo so se sono malato anch’io di questo “ismo”, ce ne sono tanti di ismi che ti appioppano! Però, penso che tutto quello che ha a che fare con un 4 che scaturisce dal 2+2 non è complottismo. Ma è logica.

Quindi sbaglierò, ma a me sembra un bel 2+2. Secondo voi quanto fa ?

Annunci
, , , , , , , , ,

Informazioni su Giovanni Mole'

Non sono un giornalista, non sono nemmeno laureato, ho un’istruzione mediocre perché mediocre è stata la mia carriera scolastica. Però, come tantissime altre persone di questo strano pianeta, ho molte cose da dire, perché penso tanto, mi interrogo su moltissime questioni, più o meno importanti, e quindi cerco avidamente delle risposte. Sono molto passionale e ho molte passioni e interessi. Sono informato più o meno su tutto quello che mi circonda, la realtà del mio tempo. Realtà che faccio fatica ad accettare e che mi provoca un certo disagio. Mi piace comunicare, parlare (scrivere in questo caso) se ho delle cose concrete da dire, pensieri sensati da tirar fuori. Diversamente, se ho dubbi o ignoranza, preferisco il silenzio. Meglio ascoltare. Non sono un uomo di fede, lo sono stato. O credevo di esserlo. Ma rispetto (anzi, invidio) profondamente chi ha fede, chi crede che ci sia un Dio che ancora non si sia stancato di noi. Quindi non mi piace il pregiudizio, sotto qualunque forma. Ho rispetto delle opinioni altrui, anche di quelle che avverso nel modo più acceso, ma se non sono d’accordo su una cosa non vuol dire che non sia pronto a cambiare idea e ricredermi. Se lo ritengo giusto e necessario.

Vedi tutti gli articoli di Giovanni Mole'

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: