Recensione sull’antologia “Premio Madonna dell’Arco” di Enrico Del Gaudio

26 febbraio 2015

Cultura e Società


Il libro di Enrico Del Gaudio si presenta con varie sfumature: i colori cangianti delle pagine incuriosiscono e conducono alla lettura con una certa sorpresa. Si parte con un’introduzione storica sull’origine di Ponte Della Persica, del professore Luca Iozzino. Una vigorosa nostalgia si riscontra nelle “Rimembranze D’Infanzia” dove l’autore scrive: “Chi come me ha vissuto gli anni tra il 1950 e il 1960, e chi come me, ha abitato in queste bellissime campagne di Schito….ricorderà con piacere quei tempi di ragazzo….”. Nostalgia innocente. Nostalgia compiacente. Nostalgia di un tempo in cui l’Italia, il nostro Paese, appariva con emozioni poetiche frammiste a realtà bucolica e agreste. Le pagine successive incantano perché alcune poesie, premiate nelle varie sezioni, esprimono sentimenti disparati e cangianti, commoventi e intensi. Nella sezione in lingua, nella poesia “L’approdo sicuro”, il poeta Franco Calzolari desidera che alla fine della sua esistenza, venga assistito dalla sua compagna di vita e da Dio. Al suo fianco vi è  la sua donna, come porto sicuro e Dio, come approdo finale. Nella sezione “Speciale”, la poesia “Stella del mattino”,  scritta da Davide Zaccaria, entra nel cuore con il verso “mamma tu sei la mia stella del mattino, sei la mia grande nostalgia”. Davide è un bambino che vede la mamma “come un angelo”: immagina di essere un neonato e di vederla al momento della sua venuta al mondo. Nella sezione in “Vernacolo”, la poesia “Addò jammo”, è un invito a vivere la vita in modo più realistico; il poeta Giuseppe Mauro con ironica constatazione, scrive: “addò currimme?”, un interrogativo che si riferisce alla corsa frenetica e inutile della quotidianità. La vita non è solo una corsa. Tra le “Pillole di Storia”, il racconto “Per grazia ricevuta”, sorprende perché si racconta del gesto “nobile” di un ufficiale tedesco verso alcuni ragazzi che avevano tentato “di prendere” dei sacchi di farina. Paci scriveva che “il tempo scorre come nel crepuscolo del giorno”. Il libro è il racconto del giorno, della vita che scorre.

Rosa Mannetta

Annunci

Informazioni su Rosa Mannetta

Mi chiamo Rosa Mannetta e sono una malata di cancro in follow-up dal 2008. Ho affrontato la chemioterapia a bersaglio molecolare e, dopo cure devastanti, sono qua a raccontare situazioni inenarrabili. Insegno lingua italiana agli stranieri. Assumo dei farmaci che mi rendono stanca, con una notevole astenia e spesso mi devo assentare, con la decurtazione dello stipendio, come tutti i dipendenti pubblici. Ciò mi succede perché le commissioni mediche non mi hanno riconosciuto l’art. 33 della legge 104 del 1992 e ho solo l’art. 21, cioè non sono sottoposta a trasferimenti. I miei amici malati di cancro mi hanno detto che devo segnalare la situazione dell’abbandono in cui viviamo, della dignità negata, dei pregiudizi espressi e non, della mancanza di affetto delle persone che dovrebbero esserci vicine. E’ da tempo che descrivo questa situazione, ma sono una voce che muore nel deserto delle coscienze, delle sensibilità inermi. Noi malati sopravvissuti, siamo dei naufraghi in balia del vento, su una zattera improbabile. Siamo in un periodo di grande crisi istituzionale, ma noi non possiamo essere cittadini di un Paese che non considera le nostre rivendicazioni. Forse ho sbagliato a sottopormi alla polichemioterapia e a 40 sedute di radioterapia... Chissà…Forse, come diceva U. Foscolo, il sepolcro, mi rappresenta e ci rappresenta. Mi viene un dubbio: "Sarebbe stato opportuno diventare un cadavere in una bara?". Ero candidata a morire! Forse una lapide è più efficace. Lo dico e ne sono convinta.

Vedi tutti gli articoli di Rosa Mannetta

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: