Pensieri Irruenti

29 maggio 2015

Cultura e Società


Leggiamo cosa scrive Antonia Catena.

Evento letterario al Centro Sociale Samantha Della Porta – Avellino.

Non potevo non mancare a tale evento del critico letterario Armando Saveriano nel volume la poesia italiana oggi presenta ”Mamma Morfina” il protagonista è Eros Alesi che viene interpretato da Davide Cuorvo (giovane promessa teatrale). Eros appariva come un angelo maledetto,il suo malessere,la sua tragedia erano prove delle sue convinzioni. Rileggendo “Mamma Morfina” noto la sua mancanza di speranza, solitudine … A tal punto subentra Maria Ronca poetessa, scrittrice del libro “Quello che lo specchio non riflette” con la poesia “Drogato d’amore” cita tali versi: – magari avessi avuto quella carezza delicata che mi facesse sentire meno solo e più amato. Oggi non sarei mai morto per drogarmi d’amore. Giunge anche Alessandra Iannone, attrice di potente temperamento drammatico. Qui interpreta una donna sottovalutata dal suo compagno. Non poteva mancare l’intervento della scrittrice dalla penna veritiera, irruente Rosa Mannetta con il suo libro “Storie di vita rubata” … Il critico letterario Armando Saveriano legge,si sofferma sulla storia vera di “Marco” reso schiavo dai camorristi perché ha parlato degli abusi subiti da quando ha confessato la sua vita è in pericolo. Rosa Mannetta aggiunge che c’è una induzione alla chiusura ma non può vincere l’omertà, in quanto questa conduce alla distruzione di tante vite. Armando Saveriano con Logopea (VERSI PELLE 18 – 2015) mette in evidenza che tra le angosce del sociale deve esserci denuncia per opporsi agli abusi. Concludo le mie osservazioni affermando che la scrittura , le poesie non sono di chi li scrive ma sono di chi serve … l’importante è reagire.

Antonia Catena

Aggiungo: L’evento organizzato da Armando Saveriano è stato un arricchimento culturale per tutti noi. E se partiamo dall’idea che ogni presentazione di autori emergenti e non, sia il riscatto di un popolo dalla crisi e dalla decadenza, è evidente che costruiamo la nazione, il Paese che potrà andare avanti. Il Paese che potrà avere un futuro. Un Paese progredisce se si parte dalle proprie radici. Crediamoci. Liberiamoci dalla mancanza di sincerità…Pasolini scriveva che “il potere regola i rapporti fra gli uomini”. Superiamo quel potere.

Rosa Mannetta

 

Annunci

Informazioni su Rosa Mannetta

Mi chiamo Rosa Mannetta e sono una malata di cancro in follow-up dal 2008. Ho affrontato la chemioterapia a bersaglio molecolare e, dopo cure devastanti, sono qua a raccontare situazioni inenarrabili. Insegno lingua italiana agli stranieri. Assumo dei farmaci che mi rendono stanca, con una notevole astenia e spesso mi devo assentare, con la decurtazione dello stipendio, come tutti i dipendenti pubblici. Ciò mi succede perché le commissioni mediche non mi hanno riconosciuto l’art. 33 della legge 104 del 1992 e ho solo l’art. 21, cioè non sono sottoposta a trasferimenti. I miei amici malati di cancro mi hanno detto che devo segnalare la situazione dell’abbandono in cui viviamo, della dignità negata, dei pregiudizi espressi e non, della mancanza di affetto delle persone che dovrebbero esserci vicine. E’ da tempo che descrivo questa situazione, ma sono una voce che muore nel deserto delle coscienze, delle sensibilità inermi. Noi malati sopravvissuti, siamo dei naufraghi in balia del vento, su una zattera improbabile. Siamo in un periodo di grande crisi istituzionale, ma noi non possiamo essere cittadini di un Paese che non considera le nostre rivendicazioni. Forse ho sbagliato a sottopormi alla polichemioterapia e a 40 sedute di radioterapia... Chissà…Forse, come diceva U. Foscolo, il sepolcro, mi rappresenta e ci rappresenta. Mi viene un dubbio: "Sarebbe stato opportuno diventare un cadavere in una bara?". Ero candidata a morire! Forse una lapide è più efficace. Lo dico e ne sono convinta.

Vedi tutti gli articoli di Rosa Mannetta

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: