DECRETO SALVA LADRI

27 aprile 2017

Cultura e Società


A memoria d’uomo i rapinatori, in banca, stavano ad di qua del bancone ora, invece, stanno al di la, senza passamontagna, senza armi e magari in giacca e cravatta. Credetemi rubano molto, ma molto di più loro che non il più agguerrito ed esperto rapinatore.
Il governo ha approvato il decreto salva banche stanziando 20 miliardi di Euro ( circa quanta mila miliardi delle vecchie Lire), pari ad una manovra economica di tutto rispetto per l’operazione di salvataggio della banca Monte dei Paschi di Siena, senza dimenticarsi di Banca Etruria &C. Dopo che l’istituto bancario ha, negli anni, adoperato i soldi dei correntisti e degli investitori in operazioni ad alto rischio che, finché tutto filava liscio, davano grandi profitti, alla banca perché agli investitori arrivavano solo briciole, quando, come era certo, la pacchia è finita hanno fatto in modo che l’ammanco ricadesse sulle spalle dei contribuenti. Che fine abbiano fatto gli utili ottenuti rischiando i soldi di tanti clienti non è dato sapere. Ormai la tecnica è sperimentata ed efficace, la banca dichiara l’ammanco, si tira fuori addossando ad altri le proprie responsabilità, si appropria dei capitali dei clienti investitori, spesso loro malgrado e senza neanche essere stati informati su cosa comportasse l’acquisto di azioni dell’istituto bancario. Esiste una legge che lo permette. Nessun dirigente paga pegno, nessuno finisce in carcere, In USA ed in Svizzera sono previste pene detentive che possono arrivare anche all’ergastolo, tutti salvi e felici. Non così i poveracci che hanno perso i risparmi di una vita. Il passo successivo è quello di dimostrare la propria buona volontà di tirarsi fuori dai guai da soli varando un aumento di capitale. Come dire ai clienti:<<Voi poveri fessi che siete stati fregati volete tirare fuori altri quattrini?>> Ovviamente non cavano un ragno dal buco perché come è universalmente noto chi si è fidato ed è stato fregato se si fida ancora è fesso. Non riuscendo, e vorrei vedere, a raccogliere denaro ricapitalizzando il povero istituto bancario si rivolge al governo paventando disastri, diluvi universali ed implosione dell’economia nazionale oltre alle ire dell’Unione Europea. Il governo, diligentemente, anzi molto opportunamente considerato che molti di quelli che siedono comodamente sulle poltrone della Camera e del Senato sono cointeressati agli affari delle banche, leggi Boschi e l’ex (EX?) Presidente del Consiglio Renzi, subito si attiva per salvare i poveri banchieri in difficoltà. Una leggina e 20 miliardi vengono caricati sulla scialuppa di salvataggio. Peccato che questa vagonata di soldi devono uscire dalle tasche dei contribuenti italiani che sono già spremuti più di un limone, anzi torchiati a dovere.
A questo proposito mi chiedo che fine abbiano fatto i 19 miliardi che l’erario ha recuperato scovando gli evasori fiscali, Ammesso che fossero tali considerato che i veri grandi evasori non vengono mai toccati, nel periodo agosto-dicembre 2016. Quattro mesi per spremere 19 miliardi, si presume che in dodici mesi saranno capaci di raccattarne 60 o forse più. Questi 19 miliardi non si potevano usare per salvare la povera banca in difficoltà? O meglio non era più giusto mettere al gabbio i responsabili della voragine, mettere la banca in amministrazione controllata e cercare di rimettere ordine nei conti con una oculata gestione? E i 19 miliardi? Avrebbero potuto destinarli alle famiglie che vivono in uno stato di assoluta povertà che disonora un paese che si vorrebbe civile. Forse non ci hanno pensato.
Luigi Orsino

Annunci

Informazioni su Luigi Orsino

Studi di medicina presso l'Università Federico II di Napoli. Imprenditore, scrittore, blogger. Molto attivo nel contrastare la criminalità organizzata, camorra ed ogni altra mafia, contro cui ho lottato duramente e lungamente. Ancora oggi continuo a lottare, e a subire intimidazioni ed attentati, ma per fermarmi dovranno uccidermi. Amo scrivere, di tutto: articoli, racconti, romanzi, poesie. Gli animali, tutti, sono miei simili, il lupo è il mio animale "Totem". Adoro guidare, in off road soprattutto.

Vedi tutti gli articoli di Luigi Orsino

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: