L’etica e lo Stato di Maria Grazia Zagaria

21 giugno 2017

Cultura e Società


 

L’ETICA E LO STATO

In questo mare-magnum di rotte politico-economiche, non può assolutamente essere “dolce il naufragar!”

Il porto sicuro in cui approdare è costituito dalla riscoperta dei fini sui mezzi, dell’equità sull’efficienza, dal ricongiungimento tra l’etica e l’economia.

Non può “Il fine giustificare i mezzi”, sintesi grossolana del pensiero filosofico machiavelliano, prima grande espressione politica in chiave razionale e scientifica.

Hobbes vede l’uomo “lupo nei confronti degli altri uomini”, teso all’affermazione di se stesso, incline a sopraffare il suo simile, come è insito nella sua natura umana: il più forte prevale sul più debole!

Ma, dar vita ad una “moralità razionale”, necessaria per la giustizia distributiva, presuppone il calcolo della massimizzazione del benessere, dove tutte le azioni valutano ideali nobili come i piaceri spirituali in linea con i princìpi di equità e giustizia.

Per poter giungere a tale obiettivo è di fondamentale importanza la prevalenza del fine sui mezzi: un fine-obiettivo che costituisca un valore morale gratificante oltre che un benessere spirituale e materiale al contempo.

E’ il mezzo-strumento ad essere inadatto?

Oggi, all’uomo di Stato ogni cosa è permessa, la suprema lex è la salus rei pubblicae.

Il grande Norberto Bobbio(1984) era persuaso che la politica e la morale fossero due campi topologicamente distinti e l’etica politica fosse di colui che svolge attività politica, ma la politica è il potere per il raggiungimento di un fine.

Il “Buon governo” si distingue dal “mal governo”, proprio per l’etica del perseguimento del bene comune.

Allora, la politica governa la morale ed il fine giustifica i mezzi ?

“I mezzi cattivi possono produrre fini buoni?”

Quando la morale si pospone ai mezzi senza alcuna selezione in base ai princìpi di equità e giustizia, allora vuol dire che non si potranno avere che disastri!

In un’economia del genere, non viene garantita la libera concorrenza, ma regna la speculazione più sfrenata, aumenta la disoccupazione e si cade di conseguenza nel vortice della crisi economica, dovuta ad un inasprimento ascendente della tassazione e dell’indebitamento.

Nel pensiero aristotelico, l’economia nasce come scienza sociale e branca dell’etica. Eppure, le scelte individuali e collettive hanno del tutto offuscato l’analisi dei sentimenti!

Questo “cammino nelle tenebre porta verso la perdita della felicità. Sant’Agostino(Doctor Gratie), massimo pensatore cristiano del primo millennio ed uno dei più grandi geni dell’umanità in assoluto, riguardo all’etica, sostiene(come Socrate) l’intellettualismo etico, ossia che il male si manifesta per rendere l’uomo imperfetto ed infelice. L’uomo può fare il male ma ha anche la possibilità del perdono se si redime ed espia i suoi peccati…perché “Dio è Amore”.

Economia ed etica hanno il comune denominatore di essere un’arte al più alto livello. Ma, oggi, si assiste, purtroppo, ad una crisi della “razionalità etica”, vi è un’inversione dei valori(Nietzsche)capace di fare opinione in un sistema dinamico tale da piegare l’efficienza dell’equità.

Uno Stato basato su princìpi di equità è sicuramente uno Stato libero, il cui fine ultimo è il raggiungimento del benessere comune.

Una politica basata sul rispetto dei valori morali non può che avere obiettivi alti, che tendono a massimizzare i benefìci economici attraverso quelli spirituali.

Il rispetto e la pratica delle “ Virtù” ha dato sempre come risultati buoni frutti. Ad esempio: essere onesti e corretti, vuol dire essere giusti, e la giustizia è fondamentale in un Paese libero e democratico.

Dove regna giustizia regna anche benessere,e sicuramente il fine ultimo è il ricongiungimento dell’etica con l’economia.

I vantaggi di una gestione etica dello Stato sono notevoli, se si considera che l’effetto è il ritorno ad un’economia reale piuttosto che speculativa.

Questo vuol dire “nuovo approccio culturale”. La strada da percorrere per restituire una dimensione ed uno spessore etico all’economia, che ha come fulcro la persona nella sua dimensione sociale.

E’ necessario un nuovo senso civico, il cui punto di partenza è il rispetto delle regole e della legalità che porterà sicuramente ad un bene comune, ad un’economia di qualità!

Maria Grazia Zagaria.

 

Annunci

Informazioni su Rosa Mannetta

Mi chiamo Rosa Mannetta e sono una malata di cancro in follow-up dal 2008. Ho affrontato la chemioterapia a bersaglio molecolare e, dopo cure devastanti, sono qua a raccontare situazioni inenarrabili. Insegno lingua italiana agli stranieri. Assumo dei farmaci che mi rendono stanca, con una notevole astenia e spesso mi devo assentare, con la decurtazione dello stipendio, come tutti i dipendenti pubblici. Ciò mi succede perché le commissioni mediche non mi hanno riconosciuto l’art. 33 della legge 104 del 1992 e ho solo l’art. 21, cioè non sono sottoposta a trasferimenti. Sono la portavoce di tanti miei amici malati di cancro e mi hanno detto che devo segnalare la situazione dell’abbandono in cui viviamo, della dignità negata, dei pregiudizi espressi e non, della mancanza di affetto delle persone che dovrebbero esserci vicine. E’ da tempo che descrivo questa situazione, ma sono una voce che muore nel deserto delle coscienze, delle sensibilità inermi. Noi malati sopravvissuti, siamo dei naufraghi in balia del vento, su una zattera improbabile. Siamo in un periodo di grande crisi istituzionale, ma noi non possiamo essere cittadini di un Paese che non considera le nostre rivendicazioni. Forse ho sbagliato a sottopormi alla polichemioterapia e a 40 sedute di radioterapia... Chissà…Forse, come diceva U. Foscolo, il sepolcro, mi rappresenta e ci rappresenta. Mi viene un dubbio: "Sarebbe stato opportuno diventare un cadavere in una bara?". Ero candidata a morire! Forse una lapide è più efficace. Lo dico e ne sono convinta.

Vedi tutti gli articoli di Rosa Mannetta

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: